IL LETTORE DELLA PORTA ACCANTO

118 21 74

IL LETTORE DELLA PORTA ACCANTO

Bentornati a tutti quanti.

La volta scorsa ho preso in considerazione i vari tipi di scrittore che esistono su questa piattaforma. Forse l'unico di cui non ho fatto cenno è quello che mette troppa carne a fuoco, ovvero inizia due o tre libri contemporaneamente...

Ma il lettore che incontra un tipo di scrittore del genere cosa deve fare? Inizierà a leggere tutti i libri insieme, seguendo la crescita di ciascuno di loro, o ne seguirà uno alla volta?

Come sicuramente avrete capito, anche perché vi ho fatto una testa tanta, io sono un tipo che ama leggere solo libri già conclusi, in modo da non dover aspettare che l'autore scriva il capitolo successivo e io inizi a perdere l'interesse. E so per certo che non sono la sola, ho conosciuto altre persone che amano leggere con i propri tempi e nei momenti che preferiscono.

Però c'è chi ama invece leggere un libro mentre questo viene creato. Gli piace vederlo crescere sotto le sue mani e interagire con la scrittrice in tempo reale, aiutando e constatando le sue scelte di scrittura. E solo wattpad può regalare un'esperienza del genere.

Dite che è roba da poco? Io non direi...

Come scrittrice io adoro il lettore che commenta tanto, che commenta sempre, il classico commentatore compulsivo. Ogni minimo aspetto del libro che lo fa sorridere, lui lo commenta, vede un errore di battitura e lui commenta. Qualcosa non gli torna in ciò che legge? Commenta. Il libro che sta leggendo gli ricorda qualcosa che ha visto? Commenta. Deve smettere di leggere per un periodo perché a volte si ricorda di avere anche una vita vera? Indovinate cosa fa...

Insomma, gli affari suoi non se li sa fare, e io lo adoro!

Poi invece c'è l'esatto opposto, quello invisibile.

In quest'ultima categoria c'è quello che ti accorgi che sta leggendo il tuo libro perché ti lascia le stelline. Te le può lasciare in tutti i capitoli o forse no, ma quello che non ti lascerà mai è un commento. Al massimo può succedere che te ne lasci uno all'ultimo capitolo, come per chiudere in bellezza questa sua esperienza. Poi c'è quello che non ti accorgi minimamente che sta leggendo il tuo lavoro in quanto non ti lascia né commenti né stelline, se non all'ultimo capitolo. Ma questo esemplare di lettore è una cosa rara.

Molto meno raro è il lettore che non commenta e non lascia mai una stellina, nemmeno all'ultimo capitolo. Però li ha letti tutti altrimenti il numero di visualizzazioni che aumenta come si spiega? Ecco, sinceramente questo è quello che amo meno di tutti. Eh, scusa, se lo hai letto tutto vuol dire che almeno un po' ti è piaciuto il mio libro, altrimenti lo abbandonavi prima. E allora perché non me lo hai fatto sapere? Se non lo ritieni degno di ricevere una stellina da te siamo d'accordo, ma almeno fammi sapere perché. Siamo una comunità, no? Comportiamoci come tale! ? È un po' come quello che all'improvviso ti lascia un commento al 12esimo capitolo e poi non si fa più vivo. Toh, guarda, ci sei anche tu?

Un'altro tipo di lettore che non amo particolarmente, anzi lo odio proprio, è il fan-atico.

Non pensate male, non sto parlando di quelli che si innamorano di un libro o di un autore tanto quasi da venerarlo, anche se quel tipo di lettore mi fa un po' paura, ma parlo di quello che ama talmente tanto un libro che non accetta che riceva un commento negativo da terzi. Quando capita che un lettore casuale capita su uno di questi libri che possiede di questi fan-atici, e putacaso per lui ciò che legge non dovesse piacergli e decidesse di farlo sapere, ecco che si scatenerà il finimondo! Guai al lettore che non ama una storia con i fan-atici! Se solo si azzarda di mettere in evidenza le pecche di questo fantomatico capolavoro, può sentirsi dire che non ha il diritto di dire certe cose, (boh!) che deve moderare i termini anche se ha espresso un giudizio totalmente rispettoso e che non si deve permettere perché a loro del suo giudizio non importa niente, (ariboh!) e che in pratica si deve fare gli affari suoi. Come se dire che se una cosa non ti piace va contro qualche tacita regola tra i fan-atici.

Ma boh per davvero!

Personalmente non capisco molto come ci si possa innamorare follemente di un libro che contiene un'infinità di errori grammaticali e di sintassi. Ok, ok, non ne parlerò molto, ne ho già parlato abbastanza, è solo che vorrei capire che tipo di lettore sia chi non bada minimamente alla forma. Ma questo va a ricongiungersi al fatto che molto spesso, anzi, troppo spesso, vedo libri carichi di errori ma altrettanto carichi di lettori assidui e nel frattempo vedo libri accurati e bellissimi ma con giusto una manciata di lettori, forse quelli più attenti alla forma.

Ma perché?

Non voglio offendere nessuno, ma non è che il fatto sta che questi lettori non si accorgono degli errori che leggono perché non sanno che stanno leggendo degli errori? Non lo so, l'ho buttata lì, chi la vuole raccogliere può farlo se no lasciatela lì dove l'ho buttata io.

Il più delle volte il lettore è contemporaneamente anche scrittore, ed è veramente bellissimo lo scrittore che si impegna anche a leggere i lavori degli altri e a dare il proprio contributo per aiutare gli altri scrittori, ma non meno importante è il lettore semplice. Quello che non scrive, quello che non ha importanza ma ama leggere, e lo fa con passione. In fondo quasi tutti ci siamo inbarcati su questa nave come lettori semplici, poi c'è chi ha deciso anche di scrivere e chi no. Ma siamo tutti sulla stessa barca.

Sento spesso dire "La comunità di wattpad", ma spesso e volentieri vedo poco lo spirito di comunità. Quindi, se vogliamo far parte di questa comunità, credo che dovremmo tutti dare il nostro contributo. Non dobbiamo avere paura di esprimere i nostri pensieri, anche se sono negativi, perché non dovrebbe esserci nessuno che se non è d'accordo con noi si permette di dirci che non abbiamo il diritto di farlo. Nessuno ha il diritto di offendere un altro perché è così che si comporta una comunità.

In altre parole, sia che tu scriva o legga per diletto o come passa tempo, che tu lo faccia perché è più di un hobby e intendi migliorarti sempre più, o che tu legga soltanto, cerca di dare il tuo contributo per migliorare questa comunità. Ricordando solo una regola fondamentale:

Il rispetto prima di tutto!

Ciao ragazzi.

Laura Pafumi, autrice de "Il mio bacio salato".

On Writing - Tutto sul mondo dell'editoriaLeggi questa storia gratuitamente!