Non solo lati oscuri

104 24 12


Non solo lati oscuri

Bentornati a tutti, cari lettori!

Più e più volte noi Babbers vi abbiamo presentato delle questioni spinose che rendono Wattpad un'arma a doppio taglio, trattando di aspetti che ne rappresentano i lati oscuri. Si pensi al plagio, allo spam, alla strumentalizzazione di temi forti e delicati. Come sempre, c'è la tendenza a soffermarsi sugli aspetti negativi, perché fanno più scalpore, perché suscitano dibattiti, ma non dobbiamo dimenticarci che esistono anche le buone notizie, il che sembra davvero strano se prendiamo come metro di paragone un qualsiasi notiziario. Ebbene, oggi vorrei parlarvi di quanto questa piattaforma possa essere una risorsa per tutti coloro che intendono approcciarsi al mondo della scrittura.

Prima di tutto, capiamo a cosa serve Wattpad, già, perché senza rimproveri non ci sappiamo proprio stare noi. Mi è capitato più volte di ricevere messaggi privati del tipo "possiamo chattare un po'?" oppure "mi dai il tuo numero per fare un gruppo WA?" Ecco, non è esattamente la funzione di questa piattaforma, per scopi come questi si possono utilizzare tanti altri canali, non confondiamoci. Wattpad nasce per dare a tutti la possibilità di esprimersi, il che è sacrosanto ed è una grandissima opportunità! Chi più chi meno, tutti abbiamo una storia da raccontare, delle parole che giacciono in fondo al nostro cuore e che sentiamo il bisogno di condividere. Condividere, altro punto fondamentale. Scriviamo solo per noi stessi? Sì e no, scrivere è senz'altro qualcosa che ci fa stare bene, che alleggerisce il peso delle nostre giornate, è un po' uno sfogo, per liberare le nostre tensioni, i nostri pensieri, le nostre emozioni facendo parlare dei personaggi che spesso diventano dei nostri alter-ego, per certi aspetti. Tuttavia, il bisogno di condividere è qualcosa di innato e naturale negli esseri umani, è il motivo per cui non viviamo tutti come eremiti sulla propria roccia a mille metri d'altezza. Ed è stata la fortuna dei social network, se ci pensate. Che se ne farebbero dei piccoli mondi isolati di Facebook, se non desiderassero mostrare agli altri una parte della loro vita e delle proprie idee?

Dicevo, Wattpad ci permette di scrivere e condividere le nostre storia, il che ci apre un mondo. Già, perché ciò che temiamo è il giudizio, il confronto, che può portare a soddisfazioni, ma anche a rodersi il fegato, nel momento in cui si ricevono critiche inaspettate o quando vediamo che proprio la nostra storia non la considera nessuno. Non si tratta di una narcisistica esigenza di farsi notare (@SCSydney perdonami), ma di un innato bisogno dell'essere umano. Insomma, scriviamo per noi, ma sentirsi apprezzati fa indubbiamente piacere a tutti! Non sto parlando di divenire una celebrità, ma semplicemente di constatare che qualcuno dà valore al nostro lavoro, lo trovate narcisistico? Personalmente, sono davvero felice quando qualche lettrice, nei commenti dei miei romanzi, esprime il suo parere positivo. Pensiamo a quando leggiamo un libro che ci piace, io passerei ore sulle pagine di quel romanzo, perché ci sto bene, ecco, quei commenti ci dimostrano che un po' abbiamo regalato la stessa cosa ai nostri lettori. Sarà orgoglio o vanità, ma lo trovo qualcosa di molto appagante. Inoltre, l'apprezzamento dei followers ci invoglia a continuare, sapete quanti hanno manoscritti incompleti nei loro cassetti? Perché viene l'idea, ma non si ha ben chiaro come svilupparla, si comincia a lavorarci ma poi si desiste. Così invece, con le richieste dei lettori che ci domandano quando sarà il prossimo aggiornamento, siamo stimolati a continuare, a lavorare davvero e il risultato è che nel giro di qualche mese il nostro romanzo è bell'e finito. Per non parlare dei sequel! Quando ho cominciato a scrivere non sapevo nemmeno se sarei riuscita a terminare il primo romanzo, figuriamoci se avevo in mente di creare una trilogia! Eppure, una volta creati i personaggi, le loro vicende, una volta aver notato che c'è chi li ha apprezzati, non mi sono sentita di abbandonarli e ho intrecciato nuove trame, creando addirittura una serie. Per questo, come dico sempre, dobbiamo ringraziare i nostri lettori, perché ci tengono in vita in qualche modo.

In secondo luogo, un'altra grande risorsa di questa piattaforma è il contatto tra autori, la possibilità di fare rete tra noi, perché la scrittura è un mondo a sé, con le sue regole e i suoi segreti e così abbiamo modo di imparare l'uno dall'altro. Per non parlare del fatto che da questi confronti nascono iniziative interessanti, un esempio? Le Babbers, ovviamente! (E sì, questa volta è narcisistico! Scherzo, sia chiaro). A questo proposito la mia esperienza mi ha insegnato molto. Inizialmente si scrive un po' per gioco, pensando che sia un esperimento, che come deve andare andrà, poi si leggono altre storie, si trova qualcosa che ci colpisce e si comincia un dialogo con l'autore, perché nessuno di noi nasce maestro! Si possono chiedere consigli, ma anche si ampliano i propri orizzonti e si scopre che qualcuno ha provato a far uscire il suo scritto da qui, mandandolo per esempio a qualche editore. Quindi ci si chiede, perché non provare? Da qui si passa dall'essere scrittrici all'essere autrici, altra grande soddisfazione. Perché non parliamo di rendiconto economico, chiunque abbia una minima conoscenza dei contratti di edizione può comprendermi, è più una questione di autostima, se vogliamo.

Credo che le potenzialità di questa piattaforma possano essere comprese a pieno da chi qui ci è nato, da chi ha mosso i primi passi nel mondo della scrittura premendo sul tasto "pubblica una nuova storia", perché è da qui che si cresce. Gli "immigrati" nel mondo di Wattpad, coloro che provengono da Amazon o comunque da altre realtà, credo che facciano fatica ad entrare immediatamente in questo meccanismo, spesso limitandosi a vederlo come un modo per fare promozione. Non tutti, sia chiaro, generalizzare non è mai un bene! Wattpad non è un modo per pubblicizzarsi, certo, ci aiuta a farci conoscere, ma è un po' la nostra culla, credo che coloro che qui sono nate possano comprendere cosa intendo dire.

Quindi, per concludere, vorrei ricordarvi di quanto lo strumento che abbiamo a disposizione sia prezioso, insomma, qualche anno fa non si avevano queste opportunità! Pertanto credo sia essenziale conoscerlo, per utilizzarlo al meglio, per sfruttarlo per lo scopo per il quale è stato pensato e creato.

Grazie per l'attenzione, buona serata a tutti!

Martina

Autrice della Harris series

On Writing - Tutto sul mondo dell'editoriaLeggi questa storia gratuitamente!