L'OPINIONE DI LAURA

92 13 15

I PIRATI DI WATTPAD

Un salutone a tutti e ben tornati a questo appuntamento con la mia rubrica.

Io mi sto ostinando a chiamarla così ma non sono sicura se la si può definire con questo termine, alla fine è solo un'esternazione dei miei pensieri su vari argomenti. Non so se mi si può paragonare ad un'opinionista. Lascio a voi la scelta. Siate buoni...

L'altra mattina mi sono svegliata ed ho avvertito un fortissimo impulso ad iniziare una nuova storia, ma pensa che ti ripensa non riuscivo a inventare niente che potesse colpire il lettore dalle prime parole. Pensa che ti ripensa mi è venuto fuori questa trama:

"Tessa è una ragazzina acqua e sapone, vive con la madre da quando il padre le ha abbandonate quando lei era ancora una bambina. Oggi per Tessa è un grande giorno perché comincerà una nuova vita come tirocinante al Seattle Grace Hospital. La sera prima, presa dall'euforia del suo nuovo lavoro, si è attardata al pub di fronte all'ospedale, e tra un bicchiere di tequila e l'altro, ha conosciuto un ragazzo molto interessante. Christian ha dei bellissimi occhi grigi ed è bello da togliere il fiato, Tessa rimane folgorata dalla sua bellezza ma non sa che Christian nasconde un lato oscuro di sé, una perversione che lo porta ad assumere un comportamento tra le lenzuola molto particolare..."

Che ne dite, come trama vi può incuriosire? Certo, la protagonista è leggermente ispirata alla protagonista di AFTER, ma cosa volete che sia? Anche la sua situazione l'ho presa dal mio telefilm preferito, dove la protagonista inizia il suo tirocinio per diventare chirurgo in un ospedale universitario, ma chi volete che se ne accorga? Nemmeno il protagonista maschile è propriamente originale, ma non credo che proprio tutti conoscano il protagonista di CINQUANTA SFUMATURE, no? In fondo anche se tutte e tre le storie sono ambientate a Seattle, nemmeno a farlo a posta, questa storia l'ho scritta io!

Beh, in fondo è vero, sono io che ho pigiato sopra i tasti della mia tastiera per scrivere queste poche righe, ma sapete cosa? Non ci provo soddisfazione. Se qualcuno dovesse leggere queste poche righe e dirmi che la mia storia dovesse piacergli non mi sentirei soddisfatta, perché sono consapevole che questi personaggi non sono farina del mio sacco.

Tessa e Christian non sono frutto della mia fantasia, li ho presi in prestito, come ho preso in prestito il nuovo lavoro di Tessa e la perversione di Christian (o forse sarebbe meglio dire che li ho rubati?), inoltre ho inserito dei personaggi in un contesto che non gli appartiene, dove con le loro caratteristiche, sia fisiche che caratteriali, rendono la situazione poco realistica. Non tanto perché la Tessa di AFTER ha iniziato un tirocinio come chirurgo, ma dato il suo carattere non si sarebbe mai ubriacata in un bar a suon di tequila. E nemmeno Christian Grey, con tutti i soldi che si ritrova, si sarebbe ritrovato a rimorchiare una ragazzina ubriaca in un bar. Una cosa è certa, però: il titolo di questa accozzaglia avrebbe potuto benissimo rimanere GREY'S ANATOMY, non trovate?

A parte gli scherzi, io mi sentirei davvero poco fiera di me stessa se decidessi di scrivere una storia con personaggi presi pari pari da altre storie che non ho scritto io, ma a quanto pare ci sono persone che non si fanno scrupoli a creare romanzi su personaggi presi tali e quali da altre storie. E nemmeno a creare personaggi nuovi e piazzarli in contesti copiati per filo e per segno da storie già esistenti. O entrambe le cose.

Non guardatemi così, lo so che questo è un argomento che è già stato trattato dalla mia collega Martina, e non voglio sostituirmi a lei, ma purtroppo giusto pochi giorni fa ho letto che una mia amica ha trovato i personaggi della sua storia ripresi in un'altra storia. Per l'ennesima volta qualcuno ha piratato i personaggi di un altro utente, e non è la sola. Ultimamente su questa piattaforma stò incontrando un sacco di casi in cui certi autori trovano i loro personaggi in luoghi dove non sono stati loro a metterli, in altre parole, incontrano dei plagi. Il plagio è punibile dalla legge e bla bla bla, ma è anche un atto vile e stupido. Che senso ha scrivere un libro se non sei stato tu ad inventarne i personaggi e le situazioni? Un conto è lasciarsi ispirare dalle storie altrui, lasciare che i loro personaggi influiscano sulla nostra fantasia per creare dei personaggi nuovi, che magari ricordano quelli ai quali sono ispirati ma hanno tutto un altro carattere e vivono una vita differente, un altro è copiare.

In passato mi è capitato anche di dover recensire una storia dove la protagonista mi ricordava nettamente la protagonista di un anime di quando ero ragazzina. Non faccio nomi e non me ne voglia questa autrice se si riconosce in ciò che sto scrivendo, ma il suo caso è eclatante perché nella sinossi aveva scritto chiaro e tondo che la sua storia non aveva niente a che fare con quell'anime. Questo perché evidentemente altra gente le aveva fatto notare tutte queste somiglianze. Sinceramente io quell'anime non lo guardavo molto, non mi piaceva, lo conoscevo solo perché mi piaceva la sigla dove veniva spiegata a grandi linee un po' la trama, quindi diedi per scontato che fosse solo la protagnista della sua storia a chiamarsi allo stesso modo. Poi però feci leggere la mia recensione ad una mia amica e invece mi rassicurò che questa storia era presa pari pari dall'anime, non solo per il nome della protagonista, ma anche per le situazioni, per il soprannome che le avevano dato e per i caratteri degli altri personaggi.

In altre parole, non pensiate che se la storia dalla quale avete preso in prestito i personaggi e le situazioni è poco conosciuta è meno probabile che verrete scoperti: ci sarà sempre qualcuno che riconoscerà quei personaggi. E se all'inizio passerete inosservati, non temete, non durerete a lungo.

A questo punto della storia sarebbe giusto da parte mia spendere alcune parole anche per quelli che usano il proprio account per copiare dal cartaceo interi libri di autori famosi o più conosciuti. Potrei dire loro che commettono un reato e bla bla bla come ho detto prima, ma mi limiterò a dire che così facendo non capiscono che fanno un grave danno a chi usa wattpad per scrivere le proprie storie e spera di farsi notare. I lettori potrebbero soffermarsi a leggere queste storie già collaudate, e vedendo che qui possono trovare questo tipo di libri, occuperanno il loro tempo a leggere quelli invece di leggere le storie degli autori emergenti. Di conseguenza se una storia emergente meriterebbe una certa percentuale di visualizzazioni e stelline non li riceverà mai perché i lettori si soffermano a leggere questi libri, e il lavoro di questi autori emergenti va a farsi benedire. A regola sarebbe dovere di tutti denunciare quando si incontrano questi casi. E se vediamo che qualcuno ha copiato da altri autori emergenti, contattare l'autore in questione e lasciare che sia lui a denunciare il plagio. (questo è quello che dice di fare il codice di condotta di wattpad.)

Se volete tutelare il vostro lavoro potete benissimo registrarlo alla SIAE o al sito PATAMU.COM, come hanno fatto molti, ma questo non impedirà a dei fetenti di metterci le mani sopra... (scusate il piccolo sfogo) Più una storia diventa famosa e più possibilità ha di venire copiata. I pirati sono sempre all'attacco.

Laura Pafumi, autrice de "Il mio bacio salato"

On Writing - Tutto sul mondo dell'editoriaLeggi questa storia gratuitamente!