L'uso scorretto potrebbe essere nocivo: parte prima

67 7 2

Buon pomeriggio, lettori! Come sempre devo ringraziarvi, non solo per l'attenzione verso i nostri articoli, ma anche perché i commenti che mi lasciate diventano per me uno spunto di riflessione sul quale costruire nuove puntate di questa nuova rubrica. Dunque, abbiamo parlato la scorsa settimana della differenza tra Wattpad e ciò che sta fuori questa piattaforma alla quale io sono molto affezionata. Ebbene, alcuni di voi hanno detto che il problema di Wattpad è la scarsa sincerità dei commenti, le coalizioni tra autrici e fan che si divertono a controbattere alle critiche, il rischio del plagio. È innegabile che questo accada, ma credo che gran parte del valore che questa piattaforma può potenzialmente acquisire stia nelle nostre mani, nel come noi la utilizziamo. È senz'altro vero che: "L'uso scorretto potrebbe essere nocivo", proprio come avviene per le medicine, per questo vorrei parlarvi di quelli che secondo me sono gli usi buoni e cattivi di questo strumento.

Innanzitutto, chiediamoci che cosa vogliamo da noi stessi, perché sono su Wattpad? E qui incontriamo la prima grande distinzione, scrittori e lettori, all'interno di queste categorie riconosciamo poi una miriade di sottospecie diverse, ma procediamo per gradi. Oggi dirò qualcosa sui secondi, riservandomi la facoltà di suddividere questa complessa questione in due puntate della rubrica.

Prima di addentrarci per questi sentieri, vorrei affermare che molto di ciò che scriverò dipende in realtà dalla maturità dell'utente, talvolta dalla sua buona educazione, il che ci riporta su una questione spinosa che la nostra Laura aveva sollevato qualche tempo fa, quella dell'età minima. È chiaro che una ragazzina di dodici anni non ragiona come una di diciotto, nonostante ci siano eccezioni e giovani lettrici che vogliono semplicemente apprezzare una buona lettura. Detto questo, prendiamo in esame la categoria dei lettori, come usare bene Wattpad per leggere? Abbiamo una miriade di possibilità, prima di tutto la scelta del cosa leggere. Talvolta ci lamentiamo delle storie frivole che raggiungono milioni di visualizzazioni, ma, diciamocelo, qualcuno che le legge c'è e questo qualcuno non ha facoltà di parola a riguardo. Chi sono i milioni di lettrici che fanno raggiungere livelli altissimi a storie che all'unanimità giudichiamo perlomeno acerbe? Come lettrice io cerco qualcosa di originale, di intrigante, ma anche di profondo, emozionante, significativo, mi chiedo per quale motivo questo rappresenti l'eccezione più che la regola. Ovviamente dipende molto dall'età, ma soprattutto dallo spirito critico di un lettore, capacità che dovrebbe essere la prima ad attivarsi nel momento in cui ci troviamo di fronte a scelte ampie come questa.

In secondo luogo, e qui davvero vorrei mettervi il disegnino di me che sbatto la testa contro il muro, lettrici che lasciano commenti del tipo "storia stupenda", "bellixximo", "continua", "sei bravissima" a qualcosa che a me fa almeno accapponare la pelle. Ma perché??? Un tornaconto? Amicizia? Non è sempre così, in realtà, perché alcune di queste commentatrici non sono scrittrici, di conseguenza non lo fanno per un "do ut des", semplicemente perché devono far vedere che hanno letto qualcosa? No, io davvero non me ne capacito. È uno dei principali usi scorretti di Wattpad! La possibilità di interagire, di lasciare le nostre opinioni e i nostri commenti dovrebbe presupporre almeno un minimo grado di sincerità, perché questo aiuta l'autore, oltre che gli altri lettori che leggono i commenti per orientarsi sul tipo di testo in cui si imbattono. Io sono fermamente convinta che il confronto sia la nostra più grande risorsa, ma deve essere sincero e produttivo. Con questo non si pretende un giudizio tecnico e professionale dai nostri lettori, lo sappiamo, anzi, ci fanno sorridere commenti scherzosi ed esortazioni ai nostri personaggi, così come sappiamo che c'è un alto grado di soggettività nel giudizio di un lettore, ma certe cose superano i limiti della credibilità e anche della decenza.

Al contrario, ci sono anche "critiche" che racchiuderei tra miliardi di virgolette. Mi è capitato di rado, devo ammetterlo, ma a volte vediamo commenti negativi che non hanno ragione di esistere e non perché l'autore non sia in grado di accettare le critiche. Insomma, lettori alla ricerca di errori inesistenti, ma davvero inesistenti, che segnalano correzioni più sbagliate di quanto abbia sbagliato l'autore, scusate il gioco di parole, e anche qui il perché è un vero mistero. Del tipo "pensavo che avesse ragione" che viene commentato con "l'uso del congiuntivo non è corretto", ma davvero? In questi casi avete ragione, il confronto su Wattpad non è veritiero e non ha nulla a che vedere con ciò che accade nella realtà, ma non è nemmeno utile.

Ci sono poi casi di commenti osceni su storie che non lo meritano affatto, insulti gratuiti, ovviamente prontamente eliminati dall'autore. Mi è capitato di leggere un avviso di un'autrice a questo proposito. Ma che problemi hanno? No, seriamente, mi infervoro su queste cose. Invidia? Può capitare che qualcosa che leggiamo non ci piaccia, ma la GENTE NORMALE in quei casi fa critiche sensate o, semplicemente, abbandona la lettura. Bene, anche questo rientra nell'uso scorretto, oltre che in una lampante manifestazione di maleducazione.

Infine, per chiudere con i "lettori malandrini" una questione che è stata sollevata nei commenti dello scorso articolo, quelle lettrici che fanno da "paladine" alle loro beniamine che ricevono una critica. Prima di tutto, spetta all'autore rispondere alle critiche, non ha bisogno delle guardie del corpo, secondo punto, le critiche costruttive vanno analizzate e, se davvero teniamo all'autore in questione e alla sua crescita, accettate, sempre tenendo presente il fatto che non sono verità assolute e che possono avere una buona componente soggettiva. Nessuno può piacere a tutti, anche i più grandi scrittori non sono amati dal 100% del pubblico, figuriamoci noi che siamo alle prime armi. Ho assistito a scambi di battute davvero divertenti, se si vuole ridere per non piangere.

Quindi, in conclusione, vorrei fare un appello a tutti i lettori di Wattpad, anche se so che sono pochi coloro che ne avrebbero bisogno e che leggeranno queste parole, sfruttiamo al massimo questo strumento, ma facciamolo bene! Volete supportare l'autore? Lasciate dei commenti costruttivi, mostrando lati positivi e negativi, potete anche consigliare agli amici la lettura, avete grandi potenzialità! Solo così questa piattaforma acquisisce davvero quell'immenso valore di cui parlavo e che continuerò a sostenere. Così come scrivevo in seguito ad un articolo di Laura, dovremmo creare delle distinzioni, un "Wattpad serio" e un "Wattpad bellixximo", perché chi lo vuole utilizzare come una miniera di risorse possa creare una rete con tutti coloro che condividono le sue stesse finalità. Si tratta ovviamente di qualcosa di irrealizzabile, ma ciò che possiamo fare è batterci con ogni mezzo perché il nostro principale strumento non diventi davvero qualcosa di nocivo.

Siete d'accordo? Sapete che adoro i dibattiti, ci siete un po' tutti voi dietro questi articoli, con le vostre considerazioni che mi fanno riflettere molto. Grazie, di tutto, e a presto!

Martina


On Writing - Tutto sul mondo dell'editoriaLeggi questa storia gratuitamente!