Intervista all'autore

81 8 9

Buongiorno carissimi lettori,

la nostra ospite di oggi sarà DarkSwan26, un'autrice di Wattpad che all'attivo ha una storia (in corso di pubblicazione) dal titolo "Non lasciarti vivere".

La conoscete già oppure l'avete solamente sentita nominare? Ebbene, c'ha gentilmente concesso questa intervista in modo da poter approfondire aspetti legati alla sua sfera di scrittrice su questa piattaforma.

Diamo il via alle domande!

Chi è DarkSwan26? Cosa fa nella vita?

È una ragazza di 26 anni, il cui vero nome è Gloria e che vive in un paesino vicino Roma. La mia vita e le mie giornate sono scandite più che altro dalle mie passioni: dalla scrittura, dalla lettura, dalla visione di film e serie tv, ma concretamente nella mia vita studio Ingegneria, anche se ancora non ho capito bene se questa sarà la mia strada oppure no.

DarkSwan26, il tuo pseudonimo che utilizzi qui su Wattpad da cosa deriva? Che significato ha?

DarkSwan26 deriva dalla combinazione della mia passione per le serie tv e per i film, ma anche da un piccolo assaggio della mia vita. DarkSwan è una sorta di cigno nero, ma anche una sorta di metafora della vita. Questa continua lotta tra fare ciò che è giusto e cosa no, ma che in un determinato momento ci rende felici.

Swan si rifà ad una delle mie protagoniste preferite: Emma Swan, protagonista di Once Upon a Time. Emma Swan che nel passaggio al lato oscuro non ha rinunciato alla sua indole buona e desiderosa di salvare chi ama. L'assaggio della vita vera sta invece nel numero 26, che è il giorno in cui sono nata.

Stai scrivendo la storia "Non lasciarti vivere", come ti è venuta la sua ispirazione? Com'è nata l'idea di questa storia?

La storia nasce perché era arrivato il momento di uscire allo scoperto e smettere di appuntare cose qua e là. Ho sempre scritto storie: di amore, di fantascienza, di vampiri, di alieni, addirittura di come la mascotte di Gardaland volesse cambiare il suo colore (perdonatemi avevo 10 anni forse). Però solo tre anni fa mi sono resa veramente conto di come il perdermi nella scrittura e nei mondi che io stessa creavo mi facesse evadere in un luogo felice tutto mio. Un posto dove le pagine le scrivevo io e dove i fili di tutto venivano mossi solo dalla mia volontà. C'erano questi personaggi che continuavano a tormentare i miei sogni e le mie giornate. C'era questa voglia di raccontare una storia diversa dalle altre, ma che facesse comunque capire quanto amore echeggiasse nell'aria. E quindi ho iniziato a creare tutta la storia e la sua struttura. Ambientandola in un luogo che adoro e che conosco bene. Tutto il resto è venuto mano a mano da sé.

Sei scrittrice e lettrice? Qual è la parte predominante?

Sono scrittrice e lettrice, ma prima di tutto penso di essere lettrice. La passione per la lettura mi ha sempre accompagnato e, attraverso di essa, ho vissuto ogni tipo di storia ed avventura possibile, prima di decidere di scriverne una tutta mia. Dopo aver intrapreso questa strada entrambe queste parti mi hanno portato a questo punto e ad essere ciò che sono ora.

Quanto c'è di te nei personaggi a cui hai dato vita?

C'è molto di me e dell'ambiente che mi circonda nei vari personaggi a cui ho dato vita. Fermarsi ad osservare il mondo e a captare tutti caratteri che lo compongono è davvero importante secondo me per la riuscita di un buon libro. Il mondo è vario ed ognuno ha una sua situazione particolare ed un suo modo di vivere la vita ed è bello che il libro rispecchi appieno la vita vera. Quindi molti dei miei protagonisti si ispirano a persone incontrate e conosciute nel corso degli anni, ma di cui ho ampliato al massimo le caratteristiche. Si ispirano anche a modelli e a sogni che ho sempre avuto.

On Writing - Tutto sul mondo dell'editoriaLeggi questa storia gratuitamente!