Intervista all'autore

57 12 6

Ciao a tutti voi che ci seguite,

oggi abbiamo tra noi un'autrice self che utilizza questa piattaforma per la pubblicazione delle sue storie, ma che si avvale anche degli store online.

Avrete sicuramente sentito parlare di lei e delle sue storie su Wattpad: "The Season Trilogy", "Quello che cercavo - quando l'amore vince sulla logica", "My music, My soul" e "Come un fiore di ciliegio" in fase di stesura.

Lei è...MelissaSpadoni e ci terrà compagnia in questa giornata a lei dedicata.

Carissima Melissa, è un onore averti tra noi oggi ed approfondire la tua conoscenza...quindi raccontaci un po' di te: chi è Melissa Spadoni e cosa fa nella vita?

Chi sono? Sono una ragazza che nonostante l'età si sente ancora una sedicenne, che ama sognare costantemente a occhi aperti e che cerca di trasformare questi sogni in realtà. Mi piace leggere, accumulare libri e scrivere. Non faccio altro praticamente! Cerco di diventare una scrittrice e fortunatamente per me, è questo che faccio per vivere. O almeno ci provo!

Com'è nata la tua passione per la scrittura?

È nata quando ero molto giovane. Ho iniziato a leggere tardi, più o meno intorno ai 12 anni, con i libri de I Piccoli Brividi e Le Ragazzine, ed è proprio in seguito a quelle letture che ho iniziato a inventare qualche piccolo racconto. Per anni ho tramutato quelle storie in fumetti, unendo le mie due grandi passioni, inventare storie e disegnare. Poi qualche anno fa sono tornata alla scrittura e basta e d'allora non mi sono più fermata.

Come sei entrata nel mondo di Wattpad? È stata una scoperta casuale? Com'è stato il tuo primo impatto in questa piattaforma? Come ti trovi?

Ho scoperto di Wattpad l'estate di due anni fa, quando era esploso il fenomeno di After. Sentivo dire che la storia era prima diventata famosa sulla piattaforma di Wattpad, così, chiedendomi cosa fosse, ho iniziato a indagare su internet, decidendo di tentare anche su quella strada e devo dire che fino a ora mi piace molto! Trovo che sia un ottimo modo per confrontarsi in diretta col lettore, capire se la tua storia funziona e dove, invece, si può migliorare, senza escludere il piacevole dettaglio che proprio grazie a questa piattaforma, ho avuto la fortuna di conoscere un sacco di ragazze e colleghe fantastiche.

All'attivo, pubblichi sia su questa piattaforma, sia su Amazon. Come mai questa scelta? In base a cosa scegli dove pubblicare le tue storie?

Diciamo che su Wattpad ci pubblico storie che avevo bloccate nel cassetto da un po' e delle quali non sono certa al cento percento. Lo uso come banco di prova ecco! Così posso vedere se la storia piace, dove la posso migliorare, grazie anche ai commenti di chi mi segue.

Hai mai pensato di scrivere i tuoi romanzi mediante l'uso di uno pseudonimo?

A dire il vero è un pensiero che ho fatto nell'ultimo periodo, e ho addirittura trovato un nome che mi piace molto! Chissà se in futuro inizierò a usarlo?

Durante la scrittura ti lasci travolgere dal silenzio e dalla concentrazione oppure hai la necessità di metterti cuffie alle orecchie e premere Play sul lettore musicale?

Di solito è una cosa che amo fare in solitudine. Perché ho bisogno di concentrarmi. A volte ascolto la musica e a volte lascio in sottofondo la tivù.

Quanto hanno di te i personaggi di cui scrivi?

Molto. In ognuna delle mie protagoniste c'è una parte di me. Credo sia inevitabile immedesimarsi nella propria eroina!

A quale delle tue storie sei più legata? A quale tuopersonaggio sei più in sintonia?    

Le storie alle quali sono più legata sono due al momento. The Season Trilogy e Non Sono Un Angelo. E credo che con Tessa avrò un legame eterno! Ma anche il mio ultimo lavoro, Afire Love, sta entrando nel mio podio personale. Forse perché è il primo che ambiento in Italia, in una città a me molto cara, cioè Cattolica.

Un libro che, secondo te, non dovrebbe mancare nelle nostre librerie...quale sarebbe?

Ce ne sarebbero molti a dire il vero, soprattutto se guardiamo i grandi classici, ma se devo sceglierne uno in particolare, allora dico Orgoglio e Pregiudizio. Amo la Austen ed è uno dei primi romanzi che ho letto da ragazzina.

Cosa pensi delle trilogie/duologie? Sei pro o contro le storie che vanno oltre i due o tre libri componenti una serie?

Essendo io autrice di una trilogia devo dirmi a favore! A parte gli scherzi, a me piacciono e le leggo. Certo, alle volte scoccia un po' dover aspettare per sapere come prosegue la storia, ma se sono ben fatte è una piacevole attesa!

Prologo ed epilogo. Quanto sono fondamentali, secondo te, in una storia?

Io li inserisco sempre, soprattutto l'Epilogo, perché secondo me serve per dare un finale completo alla propria storia. Il prologo serve, secondo me, se c'è bisogno di far capire al meglio gli avvenimenti che si svolgeranno nel corso della storia, ma forse non fondamentale.

Hai un consiglio che vuoi estendere e far conoscere ai nostri lettori e chi ci segue?

L'unico consiglio che mi sento in grado di dare è che se avete un sogno non mollate. È dura, molto dura perseguirlo e riuscire a realizzarlo, ma quando poi ci si riesce si capisce che ne è valsa davvero la pena!


Grazie infinite MelissaSpadoni! Per tutto.

Grazie anche a voi che ci seguite.

StellaGirello

On Writing - Tutto sul mondo dell'editoriaLeggi questa storia gratuitamente!