Conosciamo le Babbers

65 15 8


Un caloroso saluto a nostri lettori affezionati.

Anche oggi, come di consueto, vi propongo una nuova intervista ... con una piccola particolarità stavolta. Infatti l'autrice a cui è rivolta è un membro attivo del nostro team Babbers sin dall'inizio di questa avventura: ideatrice di una serie di successo qui su Wattpad, the Kane Series, sto parlando di Elena D'Arcangelo.

1. Inizio subito chiedendoti di presentarti a chi non ti conosce. Come ti descriveresti per far capire chi sei al di là della tua scrittura?

Sono una sognatrice e non solo di notte quando dormo. Il mio ragazzo dice che vivo tra due mondi: quello reale e quello della mia fantasia. Sono sempre stata così, fin da quando ero bambina. Questo mi rende anche un po' folle, ne sono pienamente consapevole. Amo gli sport estremi e quelli di lotta, ascolto ogni genere di musica così come guardo ogni genere di film e serie tv. In pratica, sono una ragazza sopra le righe.

2. Da cosa nasce la tua passione per la scrittura? Hai degli autori di rifermento e cosa ti hai spinto scegliere Wattpad come strumento per far divulgare le tue storie?

La mia passione per la scrittura nasce dalla lettura. Ho perso il conto di quanti libri ho letto nel corso degli anni e devo tutto questo a mia madre che mi ha trasmesso questa importante passione. Scrivere è stata una prova con me stessa, un modo per mettermi in gioco e, perché no, un esperimento. Mi piace molto come autrice Jennifer Armentrout che mi ha stregato con la serie Lux anni fa, ma sono anche un'appassionata del genere crime e non potevo non iniziare da Agatha Christie e le avventure di Poirot. La parentesi Wattpad... Devo ammettere che ho scaricato per sbaglio questa applicazione due anni fa. Non sapevo cosa fosse e quale scopo avesse, ma dopo aver letto qualche storia sono rimasta affascinata dalla fantasia di alcuni autori che ci sono qui.

3. La tua serie dei Kane qui, sulla piattaforma sta riscuotendo grandi visualizzazioni. Ricordiamo che si compone della trilogia "Resta con me", la trilogia "Oltre i confini", la trilogia "Sceglimi" e infine quella intitolata "Nel tuo silenzio". Mi chiedo, da che cosa nascono le tue storie e i tuoi personaggi? Ti ispiri alla tua vita o a qualcosa che hai letto?

Tutti i miei personaggi sono ispirati a persone realmente esistenti. Ho preso alcune caratteristiche dei miei amici e ne ho fatto un mix per creare ogni personaggio con i suoi pregi e difetti, sia fisicamente che caratterialmente. Spesso risalta il valore dell'amicizia, oltre a quello dell'amore, un legame che condivido con persone speciali e a cui do molta importanza. Le trame... Beh, per quelle basta accendere la TV e ascoltare un qualsiasi telegiornale. Sono storie che accadono tutti i giorni, traumi veri che sono capitate a persone reali e non solo a personaggi inventati. Volevo essere il più reale possibile nei miei libri, anche a costo di essere troppo cruda. Ogni cosa che mi circonda, bella o brutta, è per me una fonte di ispirazione e riflessione.

4. Ogni autore coltiva il sogno, un giorno, di poter pubblicare le proprie opere e so che tu sei in corso d'opera. Ti saresti mai immaginata di realizzarlo così velocemente con una casa editrice? Hai mai pensato di auto pubblicarti? Raccontaci la tua esperienza.

Non sarebbe mai successo nulla di tutto quello che sto vivendo, se non fosse stato per i miei lettori. Sono stati loro a spingermi a provare questa strada, a incoraggiarmi a rischiare. Se mi chiedi se me lo aspettassi, quando ho iniziato a scrivere la prima parola qui, la risposta è no.

Ho pensato di auto pubblicarmi come soluzione estrema. Ho preferito avere le spalle coperte da una casa editrice per il mio primo approccio in questo mondo, non sapendo ancora come muovermi con scioltezza.

5. E per concludere, come ben saprai, quali sono i tre consigli che vorresti offrire agli scrittori emergenti.

Leggete tanto, mettevi in gioco e abbiate la sfacciataggine di rischiare il tutto per tutto. Quando si scrive è sempre un rischio. Il più delle volte si vuole il confronto e l'approvazione del pubblico, dimenticando il motivo per la quale avete iniziato: voi stessi. Se non dimenticherete mai questo aspetto, metterete voi stessi in ogni parola e il risultato sarà decisamente migliore.

Grazie Elena per la tua collaborazione.

Periodicamente pubblicheremo altre interviste che vi permetteranno di conoscere gli altri membri del nostro team. Non mi resta che salutarvi e rimandarvi alla prossima intervista.

Paola55555, autrice della serie "Al di là dei tuoi occhi".

On Writing - Tutto sul mondo dell'editoriaLeggi questa storia gratuitamente!