CAPITOLO 70:

RAIN POV

io: "zaino"

z:"dimmi"

io:"credo di vedere Bran"

il moro si gira di scatto, poi torna a guardarmi.

z:"merda, è lui!"

io:"cosa facciamo?"

z:"niall.ora."

ci alziamo di scatto da un tavolo  cui eravamo seduti e raggiungiamo il biondo che inarca un sopracciglio, stranito.

io:"svelto! lo sgabuzzino!"

apro la porta  che si trova dietro al bancone, entriamo e la chiudo velocemente, lasciando il povero niall a domandarsi se abbiamo qualche particolare problema psicologico.

z:"beh, che si fa?"

io:"hai delle carte?"

z:"secondo te mi porto le carte dappertutto? "

faccio spallucce.

tira fuori dalla tasca dei jeans un mazzo di carte

z:"ti straccerò"

******

io:"adesso tu mi devi spiegare come cazzo hai fatto!"

z:"non è colpa mia  se non sai giocare"

sbuffo ed alzo gli occhi al cielo

io:"devo trovare qualcosa in cui sono brava, così potrò batterti"

z:"se proprio vuoi vincere a qualcosa, facciamo una gara di nuoto"

io:"meglio di no, potresti affogare, e mi servi intero"

qualcuno bussa alla porta

z:"occupato!"

io:"idiota, non siamo al bagno!"

niall apre la porta e ci vede intenti con le carte in mano.

n:"non voglio fare domande, comunque Bran è andato via, e liam è davanti al bancone, più che depresso"

mi passo una mano fra i capelli ed esco dallo sgabuzzino, seguita da zayn e niall.

il castano ha la fronte appoggiata sul bancone mentre regge in mano un bicchiere di sangue.

sfilo una cannuccia dal contenitore vicino ai bicchieri ed inizio a bere silenziosamente.

dopo qualche secondo, alza la testa e mi guarda male.

tolgo la cannuccia dal bicchiere e, mentre mi eclisso lentamente  sotto il bancone, cerco di alluderlo

io:"tu non hai visto niente"

li:"non dire cazzate, ti ho vista benissimo"

torno in piedi ed appoggio i gomiti sul marmo del bancone.

io:"come è andata? "

si passa una mano fra i capelli e sospira

li:"ho bisogno di un abbraccio"

io:"aaaw! il mio panino!"

aggiro il bancone e vado ad abbracciarlo.

qualcuno mi picchietta la spalla sinistra con un dito. zayn ha un sopracciglio inarcato.

io:"che c'è? aggiungiti all'abbraccio"

il moro ci avvolge entrambi

z:"liam,cosa è successo?"

A VAMPIRE LOVE(IMPOSSIBLE)STORYLeggi questa storia gratuitamente!