CAPITOLO 38:

RAIN POV

passò qualche ora, e il buio della sera aveva già  inghiottito tutto, tranne i lampioni e le luci che illumanavo l'acqua della piscina

io:"zaino, andiamo dagli altri?"

z:"si"

mi stiracchio e recupero l'asciugamano steso sullo sdraio.mi avvolgo il telo intorno alle spalle e mi incammino con zayn verso il mio bungalow.

poi mi arriva un messaggio.

da:HAZZA

"andate allo spazio per i barbecue, stiamo facendo un pò di carne"

inizio a saltellare da tutte le parti mentre zayn mi guarda male

io:"facciamo un barbecue!"

lui sorride raggiante e mi da il cinque

a:HAZZA

"yeeeeeeeeeeeee! :D  arriviamo subito!"

da:HAZZA

"veloci che niall si mangia tutto!"

ridacchio divertita

io:"zayn, passiamo dal bungalow, così mi vesto?"

z:"beh, se devo essere sincero vorrei vederti in costume tutto il tempo, ma lì ci saranno anche ragazzi etero, quindi ti accompagno"

alzo gli occhi al cielo

******

z:"mettiti un maglione di lana e jeans larghi"

io:"si, così sembro una verginella"

z:"perché? non lo sei?"

io:"si che lo sono, ma in estate, se non l'hai notato, c'è caldo"

tiro fuori dall'armadio una canottiera nera e degli shorts bianchi con le borchie sulle tasche.

z:"mi prendi per il culo, vero? "

io:"no.se tu puoi girare a petto nudo allora io vado in canottiera e pantaloncini, ok?ok"

poi mi trovo in un momento imbarazzante

io:"emm..potresti uscire?"

lui ridacchia e mi abbraccia da dietro, appoggiando le mani fredde sul mio ventre.

oh, dio del wii-fi, trattienimi.

io:"emm...zaino"

z:"si?"

mi sussurra all'orecchio facendomi venire i brividi

io:"devo cambiarmi"

z:"e quindi? "

io:"quindi esci"

z:"non ci penso neanche"

io:"allora chiamo louis che ti spacca la faccia"

si irrigidisce all'istante e mi lascia andare

z:"emm...ripensandoci ti aspetterò fuori, tanto per essere sicuro che non entri nessuno"

mi sorride dolcemente e scappa fuori dalla camera, chiudendo velocemente la porta

******

h:"Rain, potresti passarmi la salsa?"

io:"certo hazza"

gli do il barattolo e spalma il contenuto sulle salsicce

h:"oh yeah babe"

ne gira una alla volta

h:"potresti girarmi gli hamburgher? ho dimenticato una cosa nella borsa"

io:"emm..certo"

prendo in mano il coperchio di una pentola.

che ci fa qui?

h:"cosa stai facendo?"

io:"mi difendo dalla cattiveria della carne"

scoppia a ridere buttando la testa all'indietro

h:"tranquilla, Rain.non schizza"

guardo male il barbecue

io:"sei sicuro? "

h:"tu gira e basta, torno subito"

se ne va via ridacchiando.

oh,vaffanculo.

giro il primo hamburgher.miracolo, non mi ha ucciso.

sento delle braccia cingermi i fianchi e un mento appoggiarsi sulla mia spalla

z:"cosa sei diventata? "Rain passione cucina"?"

alzo gli occhi al cielo

io:"HAHAHAHA, NO"

strofina il naso sulla mia guancia, mentre io non faccio che sorridere come un'ebete, ovviamente.

z:"posso aiutarti?"

oh, my love, se fosse per me ti farei fare tutto

io:"sì dai, sei abbastanza degno di farmi da assistente"

ridacchia e fa scorrere le dita sopra la mia mano che stringe la spatola.

con quella libera, mi massaggia il ventre, che si contrae piacevolmente.

questo non si chiama cucinare, ma morire lentamente.

mi aiuta a girare gli hamburghers rimanenti per poi lasciarmi un tenero bacio sulla guancia che va a fuoco per il contatto.

h:"Rain, ti ho lasciata un minuto da sola e fai queste cose sconce? "

mi giro imbarazzata e lascio la spatola sul barbecue

io:"ma io non c-"

h:" GET OUT OF  MY  KITCHEN!"

io e zayn scoppiamo a ridere mentre corriamo verso louis, che sta apparecchiando la tavola alla buona, non avendo portato chissà quale servizio di porcellana antica.

mi siedo con il moro e louis sorride affettuosamente

lou:"scommetto che lo avete fatto arrabbiare"

faccio spalluccie

io:"ha fatto tutto lui"

ridacchia

lou:"in cucina è un pò suscettibile"

z:"ma va? non ce ne eravamo accorti, guarda"

******

io:"HAZZAAA!"

si gira verso di me

h:"si, Rain?"

io:"quando mangiamo?"

h:"aiutami a impiattarli"

mi alzo e lo raggiungo al barbecue.inizio a dividere i piatti di plastica per poi porgerli ad harry, che li riempie con delle salsicce, hamburgher ed altro.

li portiamo al tavolo e mangiamo tranquillamente.

io:"complimenti, Harold"

h:"grazie, Rain.ma non chiamarmi Harold"

io:"come vuoi, Harold"

mi fulmina con lo sguardo

io:"cosa c'è? ti da fastidio il nome HAROLD? HAAAAAAROOOOOLLLLLD.H-A-R-O-L-D. HAROLD, HAROLD, HAROLD, HAROLD, HAR-"

mi tira in faccia una costina e ride malvagiamente

h:"questa era per il gelato di oggi!"

ho pensato di fare uno spazio pubblicità, ve gusta l'idea?
scrivetemi sui messaggi privati se vu può interessare♥
shiauuu♥

A VAMPIRE LOVE(IMPOSSIBLE)STORYLeggi questa storia gratuitamente!