CAPITOLO 58:

RAIN POV

mia madre si siede affianco a me

m:"come ti senti?"

io:"bene"

le sorrido debolmente

m:"ti spiace se ti lascio sola? devo tornare al bungalow per preparare la valigia"

io:"non c'è problema"

si alza e raggiunge la porta

m:"dopo veniamo a salutarti!"

esce.

io:"beh, Rain, cosa potresti fare?"

mi domando, parlando da sola.

io:"una torta? pasticcini? cucire a maglia?"

mi alzo lentamente per ristabilire l'equilibrio.

io:"dov'è il cellulare?"

guardo sotto il divano.

non c'è.

sulla coperta.

non c'è.

io:"ma che palle!"

frugo fra le fessure del sofà e lo trovo.

alzo gli occhi al cielo

io:"ma vaffanculo"

vado sulla musica e faccio partire "Salute" delle little mix.

collego con il cavo USB il cellulare ad una piccola cassa che mi sono portata da casa.intanto che la voce di Jesy irrompe in salotto, inizio ad accennare qualche mossa di ballo imbarazzante, mentre mi dirigo in cucina senza un apparente motivo.

poi ricordo chiaramente.

prendo dal cassetto un mestolo da minestrone e lo uso come microfono.

chi non l'ha mai fatto?

ricordo quando lo facevo con louis appena tornati da scuola..

bei tempi.

?:"hei! apri!"

una voce all'esterno del bungalow mi attira a guardare verso la finestra. saluto con la mano Fernando, che mi guarda shoccatto ma allo stesso tempo divertito.

corro in salotto ed apro la finestra

io:"cosa vuoi?"

f:"non so se lo sai, ma qui non ci sei solo tu. io sto vicino a te"

indica il bungalow difronte al mio.

io:"e..quindi?"

f:"abbassa il volume"

io:"nah"

chiudo la finestra, oscuro quella luce fastidiosa delle undici della mattina con le tende e torno ad esibirmi per il mio pubblico: un divano, una sedia, un tappetto e...zayn?

il moro, sulla soglia, cerca di non scoppiare a ridere.

io:"cosa ci fai qui?"

z:"sono venuto a controllare che stessi bene..ma ti vedo informa"

ridacchia e va a stendersi sul divano

io:"ma tu non lavori?"

z:"mio nonno è il direttore di tutto il campo ed, essendo il nipote, non mi serve lavorare"

A VAMPIRE LOVE(IMPOSSIBLE)STORYLeggi questa storia gratuitamente!