CAPITOLO 74:
Per conto mio, è uno dei capitoli più divertenti che abbia mai scritto :') buona lettura, piccole spigole sotto sale[?!?!?!])

RAIN POV

sono le 11:20..tra poco dovrei andare a cerettarmi(?).

riprendo in mano il cellulare.
IO:"ho fameeeeeeeeee"
NELLO:"a chi lo dici"
LEELEE:"ma voi pensate solo a mangiare?"
NELLO:"non penso che ti dispiaccia un buon bicchiere di sangue fresco, gelido ed umano"
LEELEE:"ovvio che non mi dispiacerebbe"
IO:"bene, allora non rompere"
ZAINO:"salve a tutti"
IO:"zainooooo♥"
ZAINO:"raaaain♥"
LOULOU:"mi fate venire il voltastomaco"
IO:"beh cosa dovrei dire di te ed harry? -.-""
HAZZA:"dettagli"
NELLO:"di che parliamo? "
IO:"potremmo parlare della pace nel mondo o il modo in cui i jeans di zayn fasciano perfettamente il suo culo"
ZAINO:"lo prendo come un complimento ;)"
IO:"ma scherzi?! hai un culo da favola!"
LOULOU:"ehemm.."
IO:"ma anche il tuo non scherza, loulou"
HAZZA:"tranquillo piccolo,  hai il culo più bello di tutti"
LOULOU:"awwww harreeeeeh♥"
HAZZA:"loueeeeh♥"
LEELEE:"oh, madre di Dio"
NELLO:"povera Inghilterra"
IO:"aw, che bellini♥"
ZAINO:"oh merda"
NELLO:"cosa?"
LEELEE:"che è successo?"
HAZZA:"banana? "
LOULOU:"harry, che cazzo c'entra"
HAZZA:"così, per spezzare l'altmosfera"
LEELEE:" *facepalm*"
ZAINO:"emm...si -.-" comunque mi è appena caduto lo spazzolino nel cesso"
LEELEE:"*duble facepalm*"
NELLO:"e quindi?"
ZAINO:"quindi mi tocca comprarne un altro"
LOULOU:"sai che tragedia"
ZAINO:"ma era il mio spazzolino preferito! "
IO:"senti, appena finisco quello che devo fare andiamo a comprarne uno..ok?"
ZAINO:"ok amore♥"

oh God, lo stupro.

******

finalmente torna la tizia di prima ad avvisarmi che l'estetista è pronta per ricevermi.
IO:"ciao plebei, ora devo andare"
HAZZA:"ciao cognataaaaa♥"
LOULOU:"ciao sistaaah♥"
NELLO:"ciao compagna di bevuteee♥"
LEELEE:"ciao collegaaa♥"
ZAINO:"hei piccola, ci vediamo dopo♥"

no, non sto andando in iperventilazione..nooo neanche per scherzo!

mi alzo dalla poltroncina di pelle bianca ed entro nella stanza indicata dalla ragazza.

mi guardo intorno...

non c'è nessuno.

io:"em..scusi?"

una donna di circa quarant'anni  esce da sotto un lettino.

ha in mano tre siringhe che continua a muovere fra le dita.

indietreggio di qualche passo.

io:"mi scusi,penso di aver sbagliato stanza"

?:"oh no, cara. sei tu quella della ceretta?"

annuisco lentamente

t:"io sono Terry, accomodati pure"

resto ferma impalata alla porta mentre lei armeggia con un liquido caldo color miele in un barattolo trasparente.

t:"allora? siediti pure"

a passi bradiposi (?) raggiungo il lettino e mi siedo titubante.

la donna si gira sorridendo ed appoggia il barattolo vicino le mie gambe.

t:"possiamo iniziare"

******

qualcuno bussa alla porta.

A VAMPIRE LOVE(IMPOSSIBLE)STORYLeggi questa storia gratuitamente!