14

2.2K 86 3

Sono passati parecchi giorni, per precisione 4 e finalmente dimettono Amber.

Le procurano una sedia a rotelle e delle stampelle, il percorso di riabbilitazione inizia lunedì prossimo ovvero dopo domani, perchè oggi è sabato.

Quando Amber arriva a casa sembra essere in un postro sconosciuto.

"Mha... scusate se lo chiedo, questa è casa nostra giusto?" Chiede lei.

Noi rimaniamo scioccati e rispondiamo "Si" in coro.

"Ash, mi accompagni nella mia camera?" Dice seduta sulla sua sedia rotelle girata dalla parte opposta della sua camera.

"Amber la tua camera è di qua"

"Ah... si scusa" dice spostandosi ed entrando nella sua camera.

"Bella... ma... il mio colore preferito è sempre stato l'azzurro?"

"Amber lo sappiamo che hai perso la memoria non cercare di nasconderlo"

"Si hai ragione, non ricordo niente Ash, ricordo chi sono come sono ecc... e ricordo anche tutte le persone che conosco, ma... non ho ricordi di me e te, della mia camera e dei posti in cui io sono stata, e ti chiedo dell'azzurro perchè, la stanza in teoria la vorrei rosa"

"Ah... Amber comunque, si tu l'hai sempre voluta rosa ma per mancanza di soldi i nostri genitori l'hanno lasciata così"

"Capisco, allora un po di memoria mi è rimasta" dice e ci mettiamo a ridere.

Sposta la sedia a rotelle verso la foto di Zac e la prende.

"Zac... cosa è successo di preciso?"mi chiede continuando a guardare la foto senza girarsi.

"Bhe... io sono entrata con Cam in una stanza della casa di Zac, vi abbiamo visti... fare l'amore noi due abbiamo litigato e io me ne sono andata con Cam, mentre tu eri brilla e te ne sei andata con la macchina di Zac, poi è successo... l'incidente"

"Ah...comunque... tu sai... se insomma... io e Zac... l'avevamo fatto prima?"

"No"

"Ah... Ash... puoi lasciarmi sola"

"Ok" dico dandogli un bacio sulla guancia.

Esco dalla sua camera chiudendo la porta e andando in cucina, prendo i biscotti pan di stelle e accendo la TV sul canale di "Boing".

Finisco di mangiare, poso i biscotti nella mensola e vado nella mia stanza.

Mi butto sul letto, prendo il mio telefono le mie cuffie e inizio ad ascoltare la mia playstil preferita che inizia con la canzone Thousend Years" di Christina Perri e senza nemmeno accorgermene mi addormento.

-

Vengo svegliata sentendo qualcuno disteso a canto a me.

"Buongiorno, piccola"

"Cam?"chiedo girandomi verso di lui, però mi accorgo di non avere le cuffie quando mi tocco le orecchie.

"Si sono io, ti ho levato le cuffie e sono entrato dalla finestra"

"Cosa? Co-co-come hai fatto?"

"Mi sono arrampicato"

"Ah... giusto la mia camera è al piano terra"

"Eh già... per fortuna"

"Per fortuna?"

"Si, così posso entrare quando voglio"

"E chi te lo dice?"

"Io" dice sorridendo e stampandomi un bacio che pian piano si fa passionale, dopo pochi secondi me lo ritrovo sopra di me e il mio corpo non corrisponde ai miei comandi, fa tutto lui, in pochi minuti io sono solamente in intimo e lui ha solo i boxer, i baci si fanno sempre più passionali e io non ho mai desiderato una persona così tanto, lo voglio, lo voglio più di ogni altra cosa i miei ormoni sono del tutto inpazziti e non riesco a fermarli quando...

TUTTO È PERSO SENZA DI TE||Cameron Dallas[IN REVISIONE]Leggi questa storia gratuitamente!