32

1.5K 57 0

"Buon Natale piccola" la voce di Cam mi risuona nella testa e io apro gli occhi.

"Buon Natale anche a te, Cam"gli sorrio e mi da un bacio.

"Ha passato bene la notte?"

"Si, tu?"

"Si, oggi che si fa?"

"Ma... non so, penso che usciamo"

"E se voglio rimanere in casa con te?"

"Mmm... non so sai... dipende da mio padre"

"Allora gli e lo chiederò"

"Ma certo"

"Io devo fare una doccia"

"Ok, fai veloce che la devo fare anche io"

"La fai con me?"

"No, pervertito"

"Uffa"

"Sei malato lo sai?"

"Mmm... si"

"Meglio" mi da un altro bacio, si alza comprendosi e va in bagno.

Allungo la mano per prendere il mio cellulare dal comodino e vado un po su instagram a guardare le foto.

Dopo qyalche minuto Cam esce dal bagno con l'asciuganabo legato alla vita e io entro coprendomi con la coperta.

Faccio una doccia e mi vesto, metto dei semplici jeans, la felpa che ieri mi ha regalato Hayes e gli stivaletti neri.

Metto solo l'eilyner, lascio i capelli sciolti, li arriccio e metto al polso il fantastico regalo che mi ha fatto Cam.

Quando esco Cam è già andato in salotto a fare colazione, infatti quando arrivo sta già mangiando il latte con i cereali.

Mi seggo a tavola insieme a tutti e mangio anch'io latte e cereali.

"Papi che facciamo oggi?"

"Ci limiteremo a scattare foto"

"Fantastico"

"Bhe... Ash... io avrei preferito.."

"Non me lo dire grazie, oggi scatteremo foto, il discorso e chiuso"

"Perfetto"

Non appena abbiamo finito di fare colazione mettiamo i giubotti ed entriamo in macchina.

Dopo mezz'orà arriviamo in posto che mozza il fiato, la vista è fantastica, da qua su si vedono tutte le pianure.

Prendo la mia polaroid lilla e faccio una foto, poi prendo la macchina fotografica e ne faccio un'altra, oggi ho deciso che farò le foto con tutti e due le macchinette.

Dopo che ho fatto almeno 10 foto arriva la macchina dei Grier, posteggiano accanto a noi e scendono.

A un certo punto Cam mi prende dalla vita e mi stringe a se.

Ci salutiamo tutti e Cam non mi lascia nemmeno per un secondo.

"Allora, oggi facciamo come un viaggio turistico della scuola"dice mio padre interrompendosi.

"Per prima cosa passeggeremo per tutta questa via che ci porta in una piazza, dove i ragazzi e noi adulti staremo separati, anche per dare più libertà a voi giovani" già mio padre inizia bene.

"Possiamo stare separati per 3 ore e poi ci rincontriamo nella piazza"

"Seconda cosa andremo in una fantastica sorgente poco lontana da qui, faremo un pic-nic pomeridiano nel bosco e poi facciamo strada per casa, tutta questa gita prevede una durata di ben 10 ore, sono le ... 10:00 per le 20:00 dovremmo essere a casa" mio padre non poteva organizzare meglio questa gita.

Come ha detto mio padre ci incamminiamo per questa via piena di alberi e fiori, la neve qui non c'è e si sta molto meglio, ci sono moltissimi fiorni ed è fantastico, inizio a scattare foto con la macchina fotografica, non con la polaroid perchè verrebbe mossa e non posso fermarmi, anche perchè Cam mi tiene stretta a se.

Dopo 3 ore arriviamo a quella maledetta piazza, non c'è la facevo più a camminare, abbiamo attraversato ponti e schivato pozze di fango, sono preticamente sfinita e non vedo l'ora di starmene per i fatti miei con Cam senza genitori.

"Bene ragazzi, tra 3 ore qui"

"Ok" diciamo e non perdiamo tempo per allontanarci.

Cam ancora mi tiene tretta a lui però adesso ha avvolto il braccio attorno alle mie spalle.

"Dove andiamo a pranzare?" Chiede mia sorella spinta da Hayes, sono diventati molto amici e devo dire che Hayes oltre ad essere più piccolo è più dolce, simpatico e non è un maniaco come suo fratello.

"Cerchiamo un ristorante su internet"propone Nash.

Allora tutti prendiamo il nostro cellulare e camninando cerchiamo,dopo qualche ristorante su internet ne trovo uno non molto distante da dove siamo noi.

"Ho trovato qualcosa" avverto gli altri, tutti si fermano e guardano il mio cellulare, gli faccio vedere la via, il posto e le foto.

"Mi sembra buono" commenta Cam.

"È un ristorante semplice" dice Amber.

"Ok allora andiamo" dice Hayes.

Mettiamo il navigatore e andiamo in questo ristorante.

Quando arriviamo l'accoienza non sembra male, i camerieri sono molto educati e quando ordiniamo una cosa in meno di 5 minuti arrivano.

Dopo aver preticamente divorato per la fame un piatto di pasta con le volgole vado in bagno.

Faccio pipì, mi diriggo verso il lavandino e inizio a lavarmi le mani, quando guardo lo specchio vedo che dietro di me c'è Nash allora mi giro ed è proprio lì che mi fissa.

"Nash! Che ci fai qui? Mi hai fatto prendere un bello spavento!"

"Stavo andando il bagno"

"Ah... scusa, però mi hai fatta spaventare"

Mi asciugo le mani e quando mi giro me lo ritrovo a pochi centrimetri dalla mi faccia, faccio dei passi indietro ma mi ritrovo a muro e lui impiccicato alla mia faccia, posso sentire il suo respiro caldo a questa distanza, i nostri nasi si toccano, lui continua ad avvicinarsi a me, non c'è più distanza fra noi due, le nostre labbra si toccano, io metto le mani al suo metto per spingerlo ma qualcuno sbatte la porta e non ci arrivo perchè è Nash a staccarsi da me e a mettersi a fianco a me.

È Cam, è infuriato, non l'avevo mai visto così, la mia faccia è sconvolta, nessuno dice niente, Cam se ne va correndo e io lo inseguo.

"Cam! Aspetta ti prego! Non è come pensi!" Cerco di fermarlo, quando lo prendo per il braccio lui si ferma proprio davanti al nostro tavolo.

"Vaffanculo Ash, stavo iniziando ad innamorarmi di te, ma... probabilmente non dovevo farlo" prende il suo giubotto ed esce fuori dal ristorante, tutti ci guardano, a me scende una lacrima, l'asciugo ed esco fuori anch'io.

Cerco di raggiungerlo ma anche se sta camminando è molto veloce, sto morendo di freddo qua fuori, indosso solamente una felpa e credo di essermi congelata.

"Cam! Ti prego!" Dato che è già lontano mi butto a terra e inizio a piangere.

No, non può andarsene, non è stata colpa mia, è stato quel maledetto, provo ad alzare lo sguardo ma non c'è più allora sbatto i puni a terra e continuo a piangere mentre la neve cade su di me.

Spazio autrice

Ehi! Scusate il ritardo, ma pur troppo sono impegnata con la danza, probabilmente domenica non aggiornerò, dalle 9:00 alle 13:00 prove danza e poi devo ritornarci dalle 18:00 alle 22:00 forse 23:00, io proverò ad aggiornare ma non vi prometto niente.

Questa sera proverò ad aggiornare ma verso le 22:00 minimo, ho le prove anche oggi dalle 15:00 alle 17:00, domenica ho il saggio.

Spero questo capitolo vi sia piaciuto se è così lasciate una stellina e qualche commento, grazie mille per le 752 visualizzazioni vi amo grazie ancora.

Ciao a tutti, un bacio e un abbraccio.

//Beatrice*

TUTTO È PERSO SENZA DI TE||Cameron Dallas[IN REVISIONE]Leggi questa storia gratuitamente!