10

2.9K 87 6

P.S. Il vestito è senza fiocco.
Buona lettura😘

Mi sveglio con il ritmo della canzone 'Cake by the ocea', guardo l'orario nel telefono, SONO LE 7:30! CAZZO!!! Ieri sono andata a dormire senza puntare la sveglia!! Perchè nessuno mi ha chiamata!!

"AMBER!!" Urlo aprendo la porta della mia camera

"ASH È TARDISSIMO!!"

"Lo so non ho puntato la sveglia!!"

"Ash vestiti e basta o facciamo tardissimo"

"Si!"

Metti le prime cose che prendo dall'armadio ovvero un paio di jeans a vita alta e una maglietta corta con scritto 'Pardon Je suis impossible' corro fuori dalla stanza prendo un mottino saluto mia madre e corro in macchina di mia sorella.

Con un messaggio dico a Tracee che arriveremo in ritardo e lei mi risponde subito dicendomi che avverte lei i professori.

Accendo la radio e parte 'Lay Me Down' di Sam Smith.

Dio quanto amo questa canzone il suo significato è meraviglioso.

Mi ricorda tanto quando facevo danza, per riscaldarci usavamo questa canzone al solo ricordo delle emozioni che provavo mentre ballavo mi viene da piangere, ho pensato e ripensato di ritornare a fare danza ma... non posso lo studio e gli orari m'impediscono di farlo.

Ho lasciato danza a 15 anni non potevo continuare, dovevo sudare sette camice per fare tutto e non ci riuscivo, con la danza ho avuto delle esperienze fantastiche.

Praticavo Moderno contemporaneo e Tip-Tap, anzi ripensandocci ho ancora le scarpe e mi dovrebbero venire.

Arrivate a scuola posiamo le cose negli armadietti e corriamo in classe, bussiamo e la prof. D'inglese annota qualcosa sul registro.

"Signorine, accomodatevi ai vostri posti, dato che è la prima volta che arrivate in ritardo annoto soltanto l'accaduto"

"Grazie prof." Diciamo entrambe.

Io vado a sedermi al mio posto ovvero a primo banco a canto a Tracee.

Finalmente dopo tre ore la campana che indica l'ora di pranzo suona e io vado nel punto di ritrovocon Amber e Tracee ovvero al mio armadietto.

Insieme ci diriggiamo verso la mensa ma veniamo fermate da Holly e la sua amica Betty che ci si piazzano davanti.

"Hey! Sfigate! Come state?"

"Hey! Ochetta!. Noi stiamo bene e tu?" Dico.

"Benissimo ieri dopo il centro commerciale sono stata insieme ad un ragazzo era carino"

"Si... immagino..."

"Immagina... puoi..."

"Ah...ah...ah... di solito fai battutine più carine di questa"

"È un po stupida ma sta a significare che non potrai mai avere persone del genere"

"Meglio"

"La solita sfigata che aspetta il principino?" Si mette a ridere con la sua amichetta.

"Io non aspetto il principe azzuro io aspetto il ragazzo giusto"

"Ah... si? E qui in questa scuola per te c'è il ragazzo che soddisfa i tuoi sogni? Bimba?"

"No... e lo sai perchè?"

"No... perchè?"

"Perchè mi fanno schifo dato che so che hanno tutti sfiorato le tue labbra viscide"

TUTTO È PERSO SENZA DI TE||Cameron Dallas[IN REVISIONE]Leggi questa storia gratuitamente!