*Benji pow*
Stavamo parlando del più e del meno ma dopo un po' l'abbraccio! Sentivo il bisogno di farlo. Mi sentivo a casa tra le sue braccia!
Francesca-"Oh Ben come mai questa dolcezza?"
Io-" Ne sentivo il bisogno."
Francesca-"Ti prego fallo spesso."
Le sorrido.

*Io pow*
Tutto questo è strano..
Moolto strano..
A Benjamin arriva una chiamata.
Dovevo andare in bagno, gli faccio cenno che andavo al primo bar aperto per usufruire di un WC
Lui annuisce.
Forse è stata una brutta idea allontanarmi da sola in tarda sera in una città che non conosco.
Ero in un parco abbandonato. Mi siedo su una vecchia panchina e piango.. ero disperata, non sapevo dove andare, il cellulare scarico, ed ero sola e disorientata.
Vedo un gruppo di ragazzi avvicinarsi a me..
Avevo molta paura, non mi fido molto degli sconosciuti.
Erano cinque ragazzi ognuno di loro con una bottiglia di alcolici diverso. Ero in trappola, ero circondata da ognuno di loro, avevo paura, molta paura..
Uno si avvicina e mi dice:
X-"Ehi bambolina, vieni e farci divertire me e i miei amici?"
Io-"No devo andare"
Mi alzo dalla panchina
X-" NON VAI DA NESSUNA PARTE. MARCO BLOCCALA. E FALLA ECCITARE." Mi spingono immediatamente giù dalla panchina, mi faccio male per il forte urto.
IO-"Non vi permettete a sfiorarmi" grido, cerco di scansare le loro mani che cercano di aggredirmi.
X-"Un che paura.."

*Benji pow*
Dov'è? È da mezz'ora che la cerchiamo.. Giuro che se qualcuno l'ha toccata o sfiorata se la vedrà con i miei pugni!"
Laura-" Mio dio santissimo dove sei Francesca?"
Fede-" Andiamo da questa parte"
Laura-"Facciamo una cosa."
Io-" Su dai parla."
Laura-"Io vado da questa parte! Dividiamoci."
Fede-"No mi dispiace non ti lascerò sola."
Benji-"Fate come vi pare ma io devo cercarla!."
Fede-"Calmati per favore Ben"

*Io pow*
Sono piccola e debole come facevo a difendermi? Ma cosa fanno? Mi tengono bloccata sia con le braccia che con le gambe..
Mi iniziano a togliere i jeans iniziavano a mettere le loro dita nel mio intimo, io continuavo a gridare 'aiuto'..
Nessuno mi sentiva.
Nessuno.
Ero sola.
Non riuscivo a difendermi.
Sentivo solo tanto dolore, fisico e morale.

*Benji pow*
Sento delle urla che provengono da un parco abbandonato.
Era la sua voce.
La sua fragile voce.
Gridava aiuto.
Povera.
Corro da lei e la trovo senza slip con il trucco colato con le lacrime agli occhi. Inizio a picchiare tutti i ragazzi che la violentavano.
Dopo aver picchiato tutti e cinque Francesca era lì ferma, immobile.
Vado da lei e l'abbraccio, mentre lei piange ancora.
Io-"Tutto bene? Dimmi come stai ti prego"
Non ricevo risposta, solo un pianto forte, singhiozzii continui.
Cerco di vestirla io, le rimetto gli slip, la maglia che aveva e la mia felpa.
È stato molto difficile, non voleva che la toccassi.
Io giuro che quei ragazzi la pagheranno grossa.
Tanto.

*Spazio autrice*
Cosa succederà nel prossimo capitolo lo vedremo! Commentate e fate domande io risponderò a tutto.

Crescere sembra impossibile senza te💫Leggi questa storia gratuitamente!