*Io pow*
Ma quanto è dolce? Non smetterò mai di conoscerlo. È un ragazzo pieno di sorprese. Subito dopo aver letto quella frase lo bacio e lui mi buttò sul letto iniziava a baciarmi il collo per poi scendere sempre più giù. Era magnifico.
Benji-"Ti amo."
Io-"Non sai quanto ti amo io."
Benji-"Sh.."
Mi bacia. Ancora. Ancora. E ancora. Mi leva la maglietta. Lo faccio anche io. Mio dio i suoi pettorali. Mentre mi bacia la mia mano tocca sui suoi addominali. Sono stupendi. Lui era stupendo. Devo dire che avevo paura visto che l'ultima volta era contro mio volere. Ma con lui mi sentivo al sicuro.

(Non ho voluto scrivere i dettagli altrimenti sembrava un capitolo pervertito)

Che dire lo facemmo. I nostri corpi si sono incontrati, il mio con il suo. Le nostre lingue hanno giocato. Per me è quello giusto. Lo sento.

*Benji pow*
Vengo svegliato dia bacini di Francesca che mi lasciava sul mio viso. Era una sensazione troppo bella. Lei è bella. La mia prima volta che quando lo faccio lo faccio con amore. Con lei poi.
Io-"Buongiorno Principessa"
Francesca-"Buongiorno amore, grazie per tutto"
Io-"Amore mio, non devi dirmi grazie. Per te questo ed altro. Ruberei la luna se tu hai paura del buio"
Francesca-"La dolcezza in persona sei"
Bacio. Uno di quei baci lunghi e pieni d'amore.
Io-"Giuro che i sentimenti che ho sentito ieri sera non gli ho sentiti con nessuno"
Francesca-"L'Amore nel vero senso della parola"
Bacio.

*Pow Fede*
È stata una notte fantastica. Con Laura poi.
Vedo che Laura aveva una cera più tosto pallida.
Io-"Amore ti senti bene?"
Laura-"Non molto.."
Io-"Aspetta che vado a prendere il termometro"
Vedevo che tremava, vado in salotto e cerco in un cassetto del mobile sotto la TV. Apro la porta e gli è lo porgo.

Aspettiamo un po' a dopo un po' suona..
39.9.
Io-"Laura ma deliri. Ti porto in ospedale hai quasi 40"
Laura-"Fede non c'è bisogno che mi porti in ospedale puoi andare anche in farmacia e prendermi una tachipirina o un antibiotico" dice con voce bassa.
Io-"Va bene vado subito."
Laura-"Sì, io ho la febbre ma tu non puoi andare in farmacia in boxer" cerca di ridere ma non ci riesce così fragile.
Io-"Cazzo devo cambiarmi, grazie amore"

Prendo i primi vestiti che mi capitano d'avanti e vado.
Io-"Vado amore"

*io pow*
Io e Benji abbiamo deciso di andare a San Marzano e prendere la mia roba e salutare e soprattutto presentare ai miei famigliari Benji. Benji a solo all'idea è agitato credo che guiderò io.

Ho indossato i miei pantaloncini a vita alta con una maglietta a manichine che fa vedere l'ombelico con la scritta 'New York' e le mie amate inglesine (scarpe tipo le parigine)

Benji-"Wow sei stupenda, come sto?"
Io-"Benji non andiamo mica ad una serata di gala!"
Aveva indossato una giacca nera con una camicia bianca ed una cravatta rossa era stupendo.
Benji-"Sì ma volevo essere presentabile"
Io-"Oh così lo sei anche di più"
Mi bacia. E mi accarezza. Adoro le sue carezze.
Benji-"Che dici amore, mi vado a mettere qualcosa di meno galante?"
Io-"Mh.. credo di si tesoro"

Torna Benji con una T-shirt con su scritto 20:05 nera con i jeans strappati al ginocchio anch'essi neri. E i suoi anfibi (neri) Benji adora il nero.
Benji-"Ora come sto?"
Io-"Divino come sempre"
Mi prende per mano e mi porta fuori. Entriamo in macchina e partiamo.

*Graziana pow*
È da tanto che non sento Francesca, Laura, Fede e Benji. Devo dire che non mi sono annoiata per niente. Con Francesco poi! Il mio adorato Ciccio. Proprio oggi partiremo per la Germania (un viaggio di una settimana) ora sono al letto con lui è un amore. Mi ha portato la colazione a letto. Siamo accoccolati l'uno all'altro. Francesco-"Resterei così tutto il giorno"
Io-"Infatti lo faremo."
Francesco-"Ti amo"
Io-"Baciami uomo."
Mi bacia. E restiamo accoccolati.

*Laura pow*
Sono ancora a letto mi scoppia la testa. Fede è tornato da dieci minuti e ora è affianco a me. Decido di chiamare quella pazza di Francesca.
*Inizio conversazione*
Francesca-"Dimmi tesoro"
Laura-"Che fai?"
Francesca-" Ma stai bene? Sento la tua voce debole e fragile"
Laura-"Ha la febbre a 40°" Grida Fede.
Francesca-"Laura conta su me e Benji su qualsiasi cosa, ora stiamo andando a San Marzano per prendere le mie cose. Dopo veniamo a trovarti"
Laura-"Presenterai Benji hai tuoi?"
Io-"Eh si, è agitatissimo quida come un pazzo"
Laura-"Digli da parte mia 'in bocca a lupo'"
Io-"Va bene Laura ha detto 'Crepi'"rido
*Fine conversazione*

*Benji pow*
Sono agitatissimo.. siamo arrivati d'avanti casa.
Francesca-"Amore, calmati ti apprezzeranno"
Io-"Mh. Si.. forse.. boh.."

*Io pow*
Suoniamo al campanello e aprono. Saliamo le scale e troviamo tutta la famiglia d'avanti alla porta: mia madre, mio padre, mio fratello e persino il mio cane Sheila si pronuncia 'Scila'.
Io-"Ciao famiglia!"
Benji-"Salve piacere io sono Benji il ragazzo di vostra figlia"
Mamma-"Piacere mio io sono la mamma di Francesca mi chiamo 'Elsa'."
Benji-"Piacere mio signora" gli da un bacio sulla mano di mia madre.
Mamma-"Dammi del tu"
Benji-"Oh si mi dispiace"
Papà-"Invece io sono Giovanni il padre di Francesca, e dammi del tu anche a me."
Benji-"È un piacere conoscerti"
Gregorio-"Io sono Gregorio il fratellone di questa tipa che per tutta la vita mi ha assillato con 'Benji e Fede'."
Benji-"Vedo che sono conosciuto in famiglia!"
Io-"Invece lei è la mia tipa, Sheila.."
Benji-"La prende in braccio e se la accarezza e Sheila gli da un bacino sul labbro." Benji è leggermente schifato. Rido.
Io-"Sheila neanche arrivo e mi rubi il ragazzo?" Mi rivolgo a lei ridendo.

Suonano al campanello..
Era mia nonna che tramite mia zia ha visto che era entrato un uomo in casa MIA.

La vado ad accogliere e gli presento Benji:
Io-"Nonna lui e Il mio ragazzo Benji"
Nonna-"Io sontu Francesca" dialetto pugliese.
Traduzione: Io sono Francesca
Benji-"Piacere mi chiamo Benjamin"
Nonna-"Benja cosa?"
Io-"Nonna BEN-JA-MIN, ma chiamalo Benji"
Nonna-"Vaben"

Spazio autrice
Chi vuole sapere come continua la storia?
Votate e commentate se volete che continuo. Baci.♥

Crescere sembra impossibile senza te💫Leggi questa storia gratuitamente!