Capitolo 11

9.5K 247 5

Jeck ci guardava uno alla volta con un espressione strana. ..un misto tra terrore e confusione. Non c'era più dubbio che ci avesse visti...Jeck sapeva di noi e ora non avevamo più scampo.

-Io...voi...oh mio Dio-prese una sedia e si sedette lasciando perdere i libri per terra.

-Jeck-dissi nel panico avvicinandomi a lui.

-Luisana...voi...oh cavolo!!!- si prese la testa tra le mani. -Ho visto male vero?-

Guardai Noah, che aveva uno sguardo confuso e intimorito. Ormai non si poteva più mentire.

-No...ma stavo aspettando il momento giusto per dirtelo! Giuro, te l'avrei detto- lui si alzò e mi fissò

-Me-Me l'avresti detto?- annuii -Detto che cosa? Che-che stai con il professore di matematica?... Oh mio Dio, mi sento male!- si risedette.

-Ok, parliamone-

-Come...come è successo? E quando? Da quando va avanti questa cosa?- chiese squadrandoci male entrambi

-Un paio di settimane- lui annuì ancora sconvolto e si riprese la testa tra le mani.

-Ok, Cade ascoltami...non ne puoi fare parola!- disse imprivvisamente Noah

-E perché no? -

-Jeck!- Dissi sconvolta. Aveva intenzione di tradirmi?

-Non ti interessa di Luisana...ti interessa solo farti una bella vita con una ragazzina per ora, e vuoi che io ti dia una mano a non farlo sapere in giro perché non solo potresti essere licenziato ma anche... denunciato!-

-Non è questo, idiota!-

-Noah-lo colpii sul braccio.

-Ok, mi sono espresso male. Non è così Cade! Io amo Luisana, ma momentaneamente la cosa non può uscire allo scoperto perché sarebbe impossibile. Abbiamo intenzione di proseguire con la relazione anche dopo la fine della scuola, quando verrò sostituito da qualcun'altro. -

-E cosa ne so io che andrà così? -

-Puoi solo fidarti, io non posso darti altro che la mia parola- Jeck mi guardò

- È una cosa assurda Lusy!-

-Lo so, ma non sono mai stata così bene in vita mia. Sono innamorata davvero Jeck! -

-Io... ti giuro Lusy che non so che fare. Non so se essere felice per te, per vederti innamorata o se essere terrorizzato dal fatto che tutto questo amore è per il nostro professore di matematica. Non so se intimorirlo dicendo "Se fai soffrire la mia migliore amica , ti risveglierai domani sott'acqua" o se essere intimorito solo al pensiero di farlo, per l'eventuale possibilita di prendere una nota. Ti giuro che non sono mai stato così confuso.-

-Puoi dirmi "Lusy sono felice che tu sia felice. Starò muto e farò come se non ho visto niente". - dissi io dolcemente.

-Sei sicura Lusy? Sei...felice? -

-Si lo sono-

-Va bene- io e Noah sorridemmo -Ma...non pensate che io sia d'accordo con questa pazzia. Vi appoggerò solo perché ci tengo a te-

-Grazie Jeck sei un grande- lo abbracciai.

-Ok, adesso basta però- Noah mi prese per il braccio per farmi staccare da lui. La sua gelosia...quasi dimenticavo!

-Chi altro lo sa?-

-Mio cugino, i genitori di Noah, e Sofia chiaramente-

-Va bene. Posso sapere se il mio precedente 6 centri qualcosa con questa storia?- io squadrai male Noah che ridacchiò

Un amore matematicoLeggi questa storia gratuitamente!