Capitolo 19

7.3K 222 4

Il giorno dopo a scuola mi sembrava di non chiudere occhio da 1 mese. Probabilmente lo stress accumulato dati gli ultimi avvenimenti, mi ha portata a questo e ad addormentarmi sul banco prima dell'inizio della lezione. Inoltre a sembrare quasi presente alla lezione con l'aiuto delle mie amiche, per tutto il resto delle ore fino all'intervallo.

-Coraggio spara!- disse Emily girandosi verso di me.

-Cosa?- dissi sbadigliando e poggiando la testa sulla spalla di Olly.

-Come cosa? È da ieri che speriamo di sentirtene parlare. La...- si guardò intorno in modo da non essere sentita -la prima volta con il prof. -

-Ah...quella!-

-Ah quella???- disse in un urletto stridulo Emily -Ah quella Lusy??? La tua prima volta! E con un super mega figo-

-Com'è andata?- Olly

Alzai la testa dalla spalla della mia amica e sorrisi ricordando ogni momento.

-È stato...distinto!-

-Distinto?- Sofia aggrottò la fronte.

-È stato brutto? - disse Olly spalancando gli occhi.

-Non ci credo! Insomma è un figone e...come fa...- disse Emily con lo sguardo confuso. La interruppi prima di vederla avere una crisi.

-Ehi!!! Distinto non è brutto! Distinto è ottimo! È...la miglior prima volta che una ragazza possa desiderare- dissi sognante.

-Awwww- dissero in coro le mie amiche sorridendomi.

-Di che parlate?- disse Jeck avvicinandosi e mettendosi seduto accanto a me e Olly.

-Della prima volta di Lusy con il prof- disse Olly beccandosi uno sguardo assassino da me, Sofia ed Emily. Capendo di aver parlato troppo si tappò la bocca e spalancò gli occhi.

-Oh cavolo!- disse Jeck

-Olly!!- la rimproverai

-Scusa...- Olly.

-Non ci credo che tu...- Jeck

-Insomma, ho 20 anni doveva arrivare il mio momento- dissi arrabbiata.

-Si ma...non immaginavo...e ancora non immagino...oh che visione orribile- disse in uno sguardo peino di disgusto.

-Ehi! -lo colpì ridendo.

-Sei la mia migliore amica...non è il mio compito immaginarti così-

-Infatti non devi farlo!- lui sospirò.

-È andata bene almeno?...se no dimmi la via di casa e gli strappo il cuore dal corpo-

-Non lo faresti mai, e lo sai. Comunque è stato perfetto-

-Bene- mi diede una pacca sulla splla.

-Cosa è stato perfetto?- si aggiunse Joe. Emily e Olly si scollegarono immediatamente dal pianeta terra e cominciarono a sbavare per Joe.

-Niente!- dissi io prima che qualcun'altro si facesse sfuggire qualcosa.

-Sta finendo l'intervallo e io non ho ancora mangiato...Emily mi accompagni alle macchinette? Se vuoi ti prendo qualcosa- Joe.

-Ehm...- disse lei in piena confusione mentale. Sofia le fece segno di annuire.

-Oh...si certo, arrivo.- sorrise e corse dietro di lui.

Un amore matematicoLeggi questa storia gratuitamente!