Capitolo 15

9.2K 259 10

La partita stava proseguendo in parità. Io, Emily, Sofia e Olly eravamo sedute ad un tavolino a prendere da bere insieme a delle nostre compagne di classe Jazmin, Sarah e Lily.

La squadra di Jeck e i ragazzi portava il nome della scuola che gli permetteva di giocare nei dintorni dell'edificio scolastico. L'altra squadra era un gruppetto di amici a noi sconosciuti. Erano 2-2 e Jeck aveva dedicato il suo goal a noi.

Mi soffermai qualche minuto ad osservare gli spettatori. Nonostante fosse una partita solo per divertirsi si era presentata davvero tanta gente.

Dall'altra parte del campo si potevano vedere alcuni prof in tenuta casual a tifare per noi e ai lati del campo, le och...le ragazze pon-pon. C'era qualche genitore e inoltre le rispettive fidanzate dei giocatori.

-Ehi ragazze guardate!- Lily mi fece ritornare sulla terra per il suo urletto isterico. -Quello non è quel figo del prof di matematica? - disse indicando un luogo non molto lontano da noi.

-Cosa?- dissi alzandomi e cercando di trovare il mio fidanzato nella direzione da lei indicata.

-Si è proprio lui- disse Sofia sorpresa, guardandomi.

-E ora che diamine ci fa qui?- sussurrai ad Olly, seduta accanto a me, riposizionandomi sulla sedia.

Lui ci notò e...si diresse verso il nostro tavolo. Diamine!

-Sta arrivando-disse Jazmin elettrizzata sistemandosi i capelli.

-Oh, cavolo!- sussurrai penosamente cercando di coprirmi il volto con gli occhiali da sole e abbassando la testa. Ci raggiunse.

-Buon pomeriggio ragazze, anche voi qui?- Chiese  guardando nella mia direzione. Che ipocrita, lui sapeva benissimo che saremmo venute.

-Si, è pur sempre la nostra scuola prof- disse Jazmin sorridendogli.

-Lei invece?- chiese Sarah

-Si prof, cosa fa lei qui? -chiese Emily, la più spavalda, capendo tutto.

-È pur sempre la mia classe! Oggi sono stato informato della partita e ho pensato di venire a guardare- continuava a fissarmi mentre io distruggevo il bicchiere di plastica con i denti e lo guardavo a malapena.

-Si...certo- disse Sofia con un falso sorriso di chi la sa lunga

-Ha fatto bene-disse Lily.

-Vuole sedersi con noi?- chiese Olly, beccandosi una mia occhiataccia che la fece soltanto ridere.

-Si prof, si sieda con noi- disse Jazmin.

-Si annoierebbe insieme agli altri prof-Sarah

-Beh, perché no?-disse lui prendendo posto sull'unica sedia libera, tra Emily e Lily.

-Vuole da bere?- disse Emily

-Sono apposto così- rispose. Mi sorrise e io lo guardai male.

-E tu Luisana come stai? Non hai ancora proferito parola- disse dopo un po'. La concentrazione di tutte fu su di me. Voleva giocare!

-Molto bene prof, e lei?- risposi con un mega sorriso

-Bene...sei qui per vedere qualcuno...magari il tuo ragazzo?-

-No sono qui per i compagni di classe- lui sorrise alla mia risposta -E per il mio migliore amico Jeck- dissi poi. Commento pungente. Il suo sorriso svanì.

Un amore matematicoLeggi questa storia gratuitamente!