"È che non ne abbiamo mai parlato ufficialmente, hai accettato di provarci di nuovo tra noi, e di poter crescere questo bimbo insieme, ma..."

"Ma ..."

"Il nome è importante, ma il suo cognome quale sarà?"

"Se potessi farlo scegliere a lui sarebbe più semplice! Ma credo che gli darò il mio, quello di Derek è fuori discussione, e non posso chiedere a te anche questo, mi sentirei una persona pessima"

"Dimmi tre nomi che ti piacciono!"

"Solo tre, così su due piedi, uhm vediamo, direi ... Douglas, Brandon, e mi piace anche Connor!"

"Suonano bene tutti e tre con Monroe come cognome!"

"E tu che pensi?"

"Ryan, mi piace Ryan, Ryan Donovan!"

Appena Matt pronuncia quel nome, il bimbo scalcia prepotentemente.

"Uh ... oggi non c'è pace!"

"Dici? Secondo me ha appena scelto il suo nome, e il suo cognome!"

"Non puoi dirlo sul serio?"

"Non importa che nome vorrai dargli, Ryan, Logan, il cognome sarà il mio, voi sarete miei entrambi!"

A quelle parole non riesco a trattenere le lacrime, mi chiedo sempre cosa ho fatto per meritarmi tutto questo da lui.

"Questi malefici ormoni che ti fanno sempre piangere!"

"No questa volta è colpa tua!"

Sì avvicina al mio viso e lascia baci portando via ogni lacrima che scende, poi si sposta verso le mie labbra e mi bacia, cerca discretamente la mia lingua, come a chiedere il permesso di dare un bacio così profondo ed io non lo fermo, lo assecondo, continua scendendo sul collo, ma poi si distacca.

"Credo che sia meglio fermarsi, perché ti sto desiderando troppo, e tu sei incinta, per questo dormivo sul divano, per evitare una situazione del genere"

"Il fatto che sia incinta non è un impedimento per fare l'amore, certo bisogna fare attenzione, usare molta dolcezza, ma posso farlo, se invece è una questione di impressione, allora mi arrendo, anzi ti capisco, vedere la mia pancia nuda è avere la consapevolezza di tutto quanto"

"Ho paura di fare male a te o al bambino, in gravidanza è tutto più sensibile, per il resto sei bellissima, anche di più ora che sei incinta, e ti voglio eccome"

"La donna nel secondo trimestre di gravidanza è particolarmente *sensibile*!"

Sottolineo la parola sensibile con il gesto delle virgolette.

"Vedo che ti sei informata?" Sorride malizioso.

"Ne ho parlato anche con la dottoressa, mi ha dato lei qualche sito da leggere"

"Era meglio quando usavi il mio computer e potevo spiare la tua cronologia, comunque tu, con quella faccina non mi starai mica dicendo che ..."

"Certe cose non si chiedono, ti sto solo dicendo che se volessimo, possiamo farlo perché non corro nessun rischio"

Lo guardo e i suoi occhi sono più torbidi, ricordo quello sguardo, mi guardava così quando era più eccitato, quando voleva fare l'amore con me, mi posa una mano sulla guancia e con il pollice disegna il contorno delle mie labbra, le socchiudo appena lasciandoci un bacio, Matt sospira pesantemente.

"Ne sei sicura?"

Annuisco con un gesto del capo, si sono sicura, voglio fare l'amore con lui, questa sera, essere completamente sua, di nuovo, riprovare quelle sensazioni di dolcezza e passionalità che solo lui mi ha dato.

TEMPEST IIILeggi questa storia gratuitamente!