Capitolo 7

2 0 0

Come da due mattine a questa parte anche oggi Matt mi ha portato la colazione a letto, avevo voglia di fragole e formaggio piccante e non ci crederete ma Matt è sceso al supermercato per comprare il formaggio, ma cosa più assurda e che li ho mangiati.

Prima della gravidanza odiavo il formaggio piccante, ho sempre preferito i formaggi più freschi, morbidi, e soprattutto non avrei mai pensato di accostarli alle fragole.

Stare con le mani in mano mi pesa parecchio, mi sento inutile, mi annoio, cosa che non è successa negli ultimi tre mesi.

Sistemo un pò in giro senza affaticarmi troppo, e quando mi decido a fare una doccia, suonano alla porta, di solito quando arriva qualcuno ci avvisano dall'entrata giù al portone, a questo punto credo sia Matt, che non ne vuole sapere di lasciarmi sola per più di due o tre ore.

"Senti Matt parliamoci chiaro, io non ho bis ..."

La mia frase si blocca a metà, direi anche per fortuna, perché alla porta c'è Derek.

"O mi credi particolarmente stupido, o tu ti credi particolarmente intelligente, ti ho vista ieri, occhiali e capelli legati non ti hanno mascherata più di tanto, non ai miei occhi almeno"

"Senti a me non servono giustificazioni ok ... va bene così, anzi guarda mi fa quasi piacere che tu mi abbia trovata qui, così posso farti gli auguri, e chiarire che è tutto apposto, che io sto bene, e sono assolutamente tranquilla e serena!"

"La passata esperienza mi insegna che sai fingere molto bene"

"Non sto fingendo, puoi esserne più che certo, sto bene, è un buonissimo momento per me!"

Come previsto Matt nel giro di un paio di ore o poco più è di nuovo a casa.

"Non uccidermi, sono solo passato a vedere se avessi qualche altra strana voglia!"

A quella frase chiudo gli occhi, eccola lì la frittata è fatta.

"Carpenter che ci fai qui?"

"Derek mi ha vista ieri in strada! Ma sta praticamente andando via, tanto siamo apposto no?"

"Perché ha parlato di strane voglie?"

Ha capito tutto allarme rosso, fatti venire in testa qualcosa subito, immediatamente.

"Capisco che ora tu sia abbastanza ricettivo sull'argomento voglie, ma non parlava di quelle voglie ovviamente, è che dopo tre mesi di strano cibo africano e cous cous, mi vengono voglie per il cibo spazzatura, sai il nostro caro vecchio e grasso cibo americano!"

"È andato tutto bene in Africa?"

Salva sulla linea di meta, appena in tempo.

"Benissimo!"

Mi avvicino a Matt e lo guardo complice, lui capisce al volo e mi mette un braccio su un fianco, fortunatamente la pancia non si vede ancora.
Derek mi guarda perplesso, ma credo stia cominciando a capire cosa voglio dirgli, o per lo meno cosa voglio che lui intenda da me e Matt.

"Ma ... voi due?"

"Come vedi non c'è bisogno che ti scarichi la coscienza Derek, perché anche da parte mia ci sono novità che tu non hai saputo, da parte nostra!

Prendo la mano di Matt e la intreccio alla mia.

"Credevo potessimo andare avanti, semplicemente, senza bisogno di spiegazioni che a quanto pare tu devi darmi a tutti i costi, ho provato prima a dirti che va tutto bene, che sono serena, che non ti stavo mentendo, beh a questo punto mettiamo tutte le carte in tavola con sincerità da parte di entrambi!"

TEMPEST IIILeggi questa storia gratuitamente!