Capitolo 8

146 9 0

Il giorno seguente Margot si alzò in orario e si avviò con calma verso la fermata. Sentì un rumore sordo dietro di lei. "Serve un passaggio?" Era Jack, sul motorino più femminile che lei avesse mai visto: rosa a fantasie floreali bianche sul davanti. "È roba tua quello?" "Ti pare? È di Noel, il mio ha un problema alla marmitta... Insomma, vuoi farmi il terzo grado oppure sali? Scegli tu" "Dammi il casco e fammi posto simpaticone...". Arrivarono a scuola infreddoliti e con le gambe indolenzite ma non importava. Margot era stata avvinghiata tutto il tempo contro Jack che rideva come un matto: si era divertita e quel ragazzo le piaceva proprio. Si tolsero il casco entrambi e i capelli di Margot si gonfiarono. "Oh mio dio! Guarda il tuo casco come ha ridotto i miei capelli! È tutta colpa tua... " risero entrambi. "Coraggio! Sono solo dei capelli! Entriamo che altrimenti il prof ci scanna!" Detto questo le diede un bacio sulla fronte proprio mentre passava Scott che fulminò Jack con una sguardo di ghiaccio e passò oltre salutando con un cenno Margot. Era ancora solo martedì. Entrarono a lezione e ne uscirono tutti e tre insieme. Scott prese da parte Margot e le disse:"Attenta a Jack, è un caro ragazzo ma pensa solo a metterti le mani addosso credimi..." "Ah! Geloso forse?" "No! So che se io ti baciassi tu non ti tireresti mai indietro!" "Ah davvero?" Margot si accorse della piega che stava prendendo il discorso, ma le andava bene così. "Vogliamo provare?" Scott si fece così vicino che sentiva il suo respiro. Improvvisamente tutto cominciò a diventare attutito: persone, cose, non c'era più niente, solo Scott. La stava baciando, con la dolcezza e il trasporto che danno i primi baci. Margot lasció cadere in terra la cartella e gli prese il viso fra le mani. Si conoscevano da due giorni, ma non era importante. Si staccarono. "A dopo piccola" "A dopo idiota". Non appena Scott si fu girato, Margot cominciò a saltellare per il corridoio con un sorriso euforico stampato sul viso.

I risultati possono variareLeggi questa storia gratuitamente!