For every story tagged #WattPride this month, Wattpad will donate $1 to the ILGA
Pen Your Pride

Capitolo 1 (parte prima)

63.4K 1K 2.6K

UNA SANZIONE NON COMUNE

Avvertimenti:

Questa storia non è mia, io la sto solo traducendo. La fantastica autrice della storia è la stessa di ROOM 317.

L'autrice e la storia originale le potete trovare qui:

http://www.wattpad.com/story/2160125-uncommon-sanction

http://www.wattpad.com/user/Lellsy

La storia è composta da 7 capitoli più l'epilogo, ma essendo molto lunghi li dividerò.

Capitolo 1

(parte prima)

Primi di marzo a Holmes Chapel, Cheshire. Era un momento di pace quando il ghiaccio duro e la desolazione dell'inverno si fondevano in un rugiadoso raggio di sole pieno di verdure e timide varietà. Harry chiuse gli occhi mentre respirava la fresca, leggermente umida aria e, silenziosamente, chiudeva la portiera dietro di lui - attento a non svegliare il suo compagno di band addormentato. Avevano appena finito tre settimane di concerti su e giù per il paese e avevano deciso di prendere un paio di settimane di riposo prima di partire per la Svezia.

Scavandosi in tasca, Harry trovò le chiavi di casa e percorse il tratto per la porta di casa di sua madre. Aveva lasciato le chiavi dell'appartamento suo e di Louis qui per tenerle al sicuro - dopo che una fan era entrata nel loro camerino durante la prima settimana di concerti e aveva cercato di rubarle, insieme al suo telefono. Si convenne che sarebbe stato meglio se qualcun altro le avesse tenute al sicuro, così quando la mamma di Harry venne al loro concerto in Manchester accettò di portare le chiavi via con lei.

Anche se erano solo le nove del mattino, solo Robin era a casa al momento. Camminava assonnato nella cucina quando Harry aprì la porta di casa e lo guardò raggiante.

"Ciao!" Harry salutò vivacemente, facendo un passo dentro la casa calda e spingendosi in avanti per dare all'uomo un abbraccio. Era sempre andato molto d'accordo con Robin - trattandolo e guardandolo come fosse una vera figura paterna. Robin aveva sempre trattato Harry come un figlio in cambio.

"Ehi, ragazzo mio," Robin brontolò nel suo orecchio mentre gli strofinava la schiena, "Stai bene?"

"Sì, tu?" rispose Harry, facendo un passo indietro e sorridendo al suo patrigno.

"Bene," Robin rispose sorridendo e annuendo, "un po' di birra?"

"Mi piacerebbe moooolto," rispose Harry con un sospiro pesante, "ma è una sosta veloce, ho paura. L'auto deve andare altrove dopo che ci molla a Londra."

Robin annuì e Harry poteva vedere che era veramente deluso, "Aww è un peccato ma immagino che ciò spieghi perché l'altra tua metà non ti ha seguito dentro"

Le labbra di Harry si contrassero, sapendo che il suo patrigno si riferiva a Louis. Era dolce che la sua famiglia avesse grande sostegno per la loro stretta amicizia, ma poteva anche essere un po' imbarazzante quando iniziavano a scherzare sul fatto che fosse più di questo. Avevano solo attraversato il confine un paio di volte e solo quando erano molto ubriachi e disperatamente eccitati. Naturalmente, nessuno lo sapeva se non loro stessi e gli altri ragazzi.

Harry prevedeva di lasciarlo in questo modo. Era stato abbastanza difficile spiegare e convincere gli altri ragazzi che si trattava semplicemente di un 'amici con benefici' figuriamoci cercarlo di spiegare a persone che potrebbero non conoscerli così bene - o a chi li conosceva troppo bene.

"Si è addormentato in macchina," spiegò. "Non ha senso svegliarlo quando devo solo prendere le chiavi. - Si distrarrà solamente e ci farà tornare tardi. Sai com'è Louis."

Una Sanzione Non Comune (Larry Stylinson)Leggi questa storia gratuitamente!