18. Vigliacco

2.1K 81 0
                                    





"Amarsi tanto da parlarsi soltanto con gli occhi. Non dirmi che non te lo ricordi.
Ma c'è qualcosa di grande tra di noi che non potrai cambiare mai, nemmeno se lo vuoi."

















Kumo

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

Kumo

Si sta innamorando di me.
La potenza con cui queste parole mi attraversano è micidiale.
La cosa che mi fa stare peggio è che stavolta sono io che me ne sono andato, lasciandola lì da sola mentre stava piangendo.

Vigliacco.

È proprio vero. Sono un vigliacco.
La verità è che in quel momento avrei voluto prenderla e baciarla, dirle che io sono già innamorato di lei e che me ne sono reso conto dal dolore che ho provato quando mi sono accorto che non c'era.
È stato il mio orgoglio a dettare tutte le azioni stupide che ho fatto successivamente.

Lei dal suo canto, me la sta facendo pagare di brutto.
Partendo da ieri, quando si è seduta accanto a Malía, nonostante ci fossero altri mille postu liberi o al modo in cui hanno fatto la guerra con la schiuma dei piatti mentre li lavavano.
Me ne sono dovuto andare dietro il muro del giardino anteriore per non vederli o sentirli. Non so per quanto tempo mi sarei potuto trattenere.
Come non so come non ho ancora tirato un pugno a Malía che ogni volta che si parla fa un'allusione sessuale nei suoi confronti.

Un' altra cosa che mi tormenta è la notte di Capodanno. Non appena chiudo gli occhi rivivo ogni istante di quella notte, di come io e Ginevra abbiamo fatto l'amore e di come quella sia stata la miglior volta della mia vita.
Per non parlare di quando la vedo girare per la casetta con quei maledetti leggins e non riesco a fare a meno di fissare quel culo sodo che ho ammirato senza strati in eccesso.
Insomma, Ginevra mi sta fottendo il cervello.

-"Ballerini sulle gradinate." Comunica Nicholas e tutti ci riuniamo mentre Simone va a prendere una busta blu.
In sostanza, dobbiamo fare la stessa cosa che i cantanti hanno fatto prima di Natale.
Ogni squadra deve scegliere un membro che esegua una coreografia non ancora mostrata in puntata e i due perdenti andranno in sfida.

-"Io me la sento di andare." Dico ai miei compagni quando le altre due squadre sono andate via. "Penso di avere un pezzo forte."

Io e Simone facciamo un ragionamento praticamente insieme, ovvero che secondo noi Lucia non dovrebbe esibirsi perché non sarebbe giusto mandare lei in sfida dato che è entrata da poco.
Alla fine ci sfidiamo io, Giovanni e Dustin.

-"Ci sei rimasta male amo?" Gaia raggiunge Ginevra che è rimasta seduta sulle gradinate.

-"Mi sarebbe piaciuto andare, ma i prof ora come ora non hanno chissà quale preferenza per me. Preferisco fare andare Dustin per il bene della squadra."

Passo dopo passo|| Kumo Amici 23Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora