NEW: Introducing Tap. Addictive chat stories for your 📲 Now in 10 languages
DOWNLOAD NOW!
QUEER - Manuale di sopravvivenza per giovani finocchie

QUEER - Manuale di sopravvivenza per giovani finocchie

4.6K Reads 482 Votes 6 Part Story
Michele Franco By MicheleFranco8 Updated Jun 16, 2016

La prima volta che ho messo piede in una discoteca gay, tutto mi sembrava meraviglioso. Ero convinto di ritrovarmi in paradiso. Dopo un po' di tempo ho realizzato che quello era l'inferno: al posto dei diavoli ci sono le drag queen, invece del fuoco bruciano glitter e lustrini e non udirete urla di dannato, ma solo ovazioni e urletti quando il dj suona Madonna o Raffaella Carrà. 

QUEER: Manuale di sopravvivenza per giovani finocchie, è rivolto a tutti quei ragazzi che stanno per approcciarsi al mondo gay per la prima volta, ma anche a tutti coloro che sono curiosi di conoscere un pianeta sconosciuto di cui tutti parlano ma che nessuno conosce.

Il mondo gay visto da un gay. 

Questo vuole essere un piccolo foglietto illustrativo: tratterò argomenti importanti con un pizzico di ironia, che non guasta mai.

A me é successo tutte le volte.
                              Che vabbé, ho fatto coming out con una persona sola, quindi non vale.
Gaiaww Gaiaww Jun 02
...posso dire solo una cosa?
                              Se i credenti prendessero alla lettera ciò che è scritto sui testi sacri non ci sarebbero così tante discriminazioni. È l'interpretazione dell'uomo che manovra per i propri obiettivi, ad infondere negli altri i pregiudizi.
iosonoio487 iosonoio487 Apr 09
Fortunatamente non mi è mai successo, se lo sa qualcuno è perchè l'ho detto io
A dir la verità NON SI NASCE GAY. 
                              NON C'è un "gene dell'omossesualità". le ricerche scientifiche di attengono all'ipotesi di un'influenza biologica in correlazione alla formazione dell' individuo. Tanto per chiarire.
Ferynith Ferynith Jun 02
Lol. Uomo o donna? Ma per piacere, dilettanti. Si chiede se è il Seme o l'Uke ovviamente 😂
Gaiaww Gaiaww Jun 02
Non credo che un uomo sia in grado di poter decretare "cristiano" o meno un altro uomo. Specialmente chi ancora si  lascia sopraffare così dai luoghi comuni e dagli stereotipi.
                              E piccola parentesi, non è l'andare in chiesa che rende cristiani.