*Psst* Notice anything different? 👀 Find out more about Wattpad's new look!

Learn More

Canzone per il capitolo: Cigno nero- Fedez ft. Francesca Michielin

LISA POV

Oggi, 1 febbraio.

Sembra trascorso un secolo da quando ci siamo trasferiti. Sembra trascorso un secolo da quando ho ascoltato la prima volta la sua voce; quando ho visto per la prima volta il suo sorriso sghembo, ho capito che mi avrebbe incasinato la vita. Sembra persino trascorso un secolo da quando ho deciso di superare la morte di Niall. Ora sono pronta, ma probabilmente lo ero anche prima. Ora sono davvero pronta e oggi è il giorno giusto per andare a riprendermelo.

HARRY POV

Mi sollevo sul gomito e appoggio la testa pesante nel palmo della mano, mentre sorridente la guardo dormire. Il mio cuscino invaso dai suoi capelli, la mia parte del materasso, quella accanto alla porta, completamente occupata dal suo corpo lungo. Le braccia e le gambe distese ed allargate, il petto che le si solleva veloce quando un sospiro rumoroso le sfugge dalle labbra semiaperte.

Sussulto quando la vibrazione del mio cellulare poggiato sul comodino mi avverte dell’arrivo di un  messaggio.

Buon compleanno Harry.

Lisa.

Non so descrivere la sensazione che mi scatena dentro il suo pensiero, ma decido comunque di cacciarla via. Mi fa solo più male. La sua testardaggine, il suo costante bisogno di tenermi stretto a lei, mi fa solo più male.

Grazie Lisa.

Lascio che il telefono si adagi momentaneamente sul materasso, tra i nostri corpi, mentre io ritorno a guardare la mia venere.

Ti amo Harry!

Cazzo no!

Protendo le labbra sul collo di Alice, succhiandole il lobo. Si muove in direzione del mio corpo, girandosi su un fianco. Mi bacia ancora ad occhi chiusi, trovando presto la mia lingua per unirla appassionatamente alla sua.

“Prima di andare, vorrei scartare il mio regalo di compleanno”

LIAM POV

“Dobbiamo andare ad una festa di compleanno mica ad una sfilata” ironizzo, poggiando una spalla allo stipite della porta mentre incrocio le braccia al petto. Si guarda allo specchio per la decima volta, forse. Questa casa è diventata ormai anche la sua. Ci incontriamo per studiare, ma molto spesso ci resta per mangiare e dormire.

“Dici che vado bene?” fa una smorfia alla sua immagine, lisciandosi il vestito.

“Io sono in jeans e felpa e tu per me sei troppo elegante” mi avvicino a lei circondandole il bacino. Mi sorride attraverso lo specchio quando le mie braccia si allungano fino al bordo del vestito.

“Faremo tardi” butta la testa indietro aprendo leggermente la bocca. La guardo mentre chiude gli occhi quando le mie labbra si posano sul suo collo scoperto.

“Siamo in largo anticipo” sussurro al suo orecchio. Mi tira indietro verso il mio letto, facendomi cadere. La tiro con me portandomela sulle gambe. Sposta di lato i capelli e si abbassa per baciarmi.

“Una sveltina?” si alza poggiando le mani sul mio petto, sorridendomi divertita.

“Una sveltina” confermo, ridendo a mia volta tirandola nuovamente in basso. Le sue gambe circondano il mio corpo.

LISA POV

“Sei veramente bellissima stasera” mi giro.

Love Actually (#Wattys2015) // N.H.Leggi questa storia gratuitamente!