2

1.5K 106 157
                                    

Arrivati nell'aula di laboratorio
Trovammo la professoressa che parlava con dei ragazzi in piedi... mi resi conto solo dopo qualche secondo che si trattava dei ragazzi della facoltà di informatica.
"Cosa cazzo fanno loro qui?"mi sussurrò all'orecchio Jisung

Non so perché ma mio sguardo si posò su Hyunjin che se ne stava un pò in disparte appoggiato al muro ed annuiva a quello che diceva la professoressa.
Indossava una felpa bianca, che valorizzava i suoi capelli neri, sembrava veramente un principe, ecco il perché del suo soprannome.

Hyunjin si girò verso di me ed i nostri sguardi si incrociarono, ma distolsi subito il mio ed andai a sedermi con Jisung in una fila di banchi completamente vuota

"Allora" iniziò la professoressa "sicuramente avrete visto che ci sono dei vostri colleghi che di solito non frequentano le mie lezioni e saprete anche che sono degli studenti del corso di informatica" iniziai a giocare con la matita e a scarabocchiare su un foglio poco interessato.
"Il motivo della loro presenza è che faremo un progetto sperimentale ed innovativo unendo il mio corso a quello di informatica di base, farete un progetto nel quale vi dividerò in coppie dove ognuno imparerà dall'altro, visto che ormai nella biologia bisogna avere un minimo di conoscenza dei programmi e dei software per analizzare meglio i campioni.
Per quanto riguarda i vostri colleghi di informatica, a loro verrà incredibilmente utile saper lavorare con i programmi scientifici che dovrete usare" fece una piccola pausa per ammirare i volti sconvolti di tutti, il mio compreso
"Alla fine di questo progetto vi sarà una prova orale che varrà il 75% del vostro voto totale, percui impegnatevi ragazzi"
"Che palle" sussurrai
"Dovrò lavorare in coppia con uno di loro oh noo" iniziò a disperarsi Jisung

"Ora scegliamo le coppie" continuò la professoressa
"Hyunjin"lo chiamò la professoressa "tu sei veramente bravo, starai con il ragazzo nuovo, anche per dargli una mano ad ambientarsi... Felix vero?"
Il mio sguardo passo un paio di volte dalla professoressa a Hyunjin

-cazzo di peggio non poteva capitarmi-

Hyunjin si sedette vicino a me senza dire una parola e senza degnarmi di uno sguardo.

Quando la professoressa finii di fare le coppie, iniziò a spiegarci meglio il lavoro da svolgere. Guardai Jisung che si era ritrovato in coppia con Minho, mi fece un po' pena vederlo con lo sguardo basso intento a non avere nessun rapporto con il ragazzo vicino a lui.

Mi voltai nuovamente verso Hyunjin e lo trovai con il braccio sul banco ed il volto appoggiato alla mano che mi fissava attentamente.
"Non lo mangia mica eh" sorrise in modo malizioso e fece rotare gli occhi "forse" aggiunse
Non gli risposi, ma continuammo a guardarci fissi, da così vicino i suoi lineamenti erano ancora più belli e delicati, pensai fosse veramente un bel ragazzo, peccato per il suo modo di essere che lo rendeva insopportabile.
"Hai intenzione di consumarmi con lo sguardo?" Mi chiese sorridendo nuovamente in modo malizioso
"Potrei chiederti la stessa cosa" risposi, ma girai lo sguardo verso la professoressa per capire un po' meglio il lavoro da svolgere.
"Hai un computer a casa?" Mi chiese il moro vicino a me.
Lo guardai storto, che razza di domanda era? Chi non aveva un computer al giorno d'oggi?
Mi sfilò il telefono dalla tasca sfiorandomi la coscia facendomi irrigidire e tenendo ancora una mano sulla mia coscia, iniziò a smanettare con il mio telefono
"Sbloccalo" era più un ordine che una richiesta, ma lo feci, lui compose il suo numero e si chiamò.

Guardai la sua mano su di me e sentii  le guance riscaldarsi
"Inviami la posizione di casa tua, vengo alle 4" pronunciate queste parole Hyunjin si alzò e se ne andò
Mi voltai verso la professoressa che aveva  finito di parlare senza che io me ne accorgessi
Presi il mio telefono e vidi tra le chiamate recenti l'ultimo numero - super sexy boy che ho mangiato con lo sguardo🥰-
Che imbecille...
Gli inviai subito la posizione di casa mia

||Sunshine|| HyunlixDove le storie prendono vita. Scoprilo ora