Capitolo 36- Addio al celibato

280 18 0

SERENA

In questi mesi abbiamo preparato tutto per il grande giorno di Clara, abbiamo preso un abito meraviglioso, stile aderente e tutto ricamato con un corpetto a cuore che risalta le sue forme, poi le scarpe non molto alte perchè si deve ballare . Abbiamo prenotato la location, abbiamo preparato la sala, i fiori abbiamo preso i più belli,  nella chiesa gli metteremo delle decorazioni lungo la navata, sará un giorno indimenticabile.

CLARA

Oggi è l'ultimo giorno da spensierata e libera . Stasera ci sará l'addio al celibato, non ci credo ancora di aver trovato l'amore e di avermi donato a lui completamente , adesso so che lui è la mia vita è il mio traguardo e voglio invecchiare con lui, svegliarmi la mattina con lui e per dormire con lui per sempre .

La sera mi faccio la doccia e poi inizio a prepararmi, metto un tubino nero, raccolgo i capelli in uno chignon, metto un pò di elayner e un rossetto rosso, giá le mie amiche hanno pensato a tutto, infatti vedo una macchina sportiva fuori dalla finestra, è Giulia che finalmente ha la macchina, esce dall auto e suona il campanello inistentemente fino a quando le apro, le altre vedo che sono  sopra l'auto, io e Giulia andiamo in macchina e partiamo per la nostra divertentissima serata, chissá cosa avranno preparato quelle matte. Arriviamo  nel bar più popolare di Catania, e così diamo inizio alla serata! Balliamo scatenandoci,  fino a quando non si spengono le luci e si sente una musica sensuale in sottofondo, ed ecco che le mie amiche iniziano ad urlare, dei bellissimi e muscolosi ragazzi vengono verso noi, uno di loro si avvicina un pò troppo , riconosco subito che è Leo, mi guarda con uno sguardo malizioso e un sorriso sensuale, cercavo di respingerlo ma l' alcol non mi faceva capire in che situazione mi stavo cacciando, mi prese per le mani e mi portò in bagno, e nell orecchio mi sussurrò :

"sei bellissima "

Poi posò la sua mano tra le mie cosce, ero senza forze, completamente paralizzata, anche se dentro volevo che si fermasse. Mi prende e mi siede sul lavandino,sussultò quando mi toccò.

LEONARDO

lei mi è sempre piaciuta, ma questa volta mi ha tradito, visto che si sta sposando e adesso mi vendicherò.

Siamo in bagno i nostri corpi uniti noto con piacere che lei è eccitata, è la volta buona per farla mia.

GIULIA

Ragazze è da tanto che manca Clara dove si è cacciata ?? .

Vado a vedere se è in bagno, può essere che non sta bene . Mi dirigo verso il bagno e sento delle grida , si è proprio la voce di Clara entro di scatto e vedo quella scena orrenda davanti hai miei occhi , io non si chi cazzo è questo ma ci sta provando con la mia amica d' impulso gli tiro un ceffone e poi prendo Clara e la porto con me .

LORELLA

Sono con Serena e vediamo uscire Giulia molto incazzata che tiene Clara da un braccio. Mi avvicino e chiedo spiegazioni, Giulia mi racconta, ed io presa dalla rabbia voglio andare da questo bastardo per vendicare la mia amica.

LEONARDO

Quella stronzetta ha rovinato tutto, sono sempre presenti le sue amiche. Esco dal bagno e mi si avvicina un altra ragazzina che mi sferra un calcio nelle parti basse...cazzo! Non ne voglio più sapere, meglio lasciar perdere.

CLARA

Sono distrutta, non so come farò domani a sposarmi. Voglio tornare a casa! Le mie amiche mi riaccompagnano, entrata a casa c'è Pietro che è tornato prima di me, e mi aspettava seduto nel divano. Mi sorride, ma poi guardandomi bene cambia espressione, diventa serio.

"Va tutto bene? Ti sei divertita?"

"..si..è stata una serata..indimenticabile"

"Sei strana.."

"Sono solo stanca" faccio un sorriso debole e sto per andare a coricarmi, ma lui mi ferma

"E non ti interessa cosa ho fatto io?"

"Si certo che mi interessa..ma sono stanca ne riparliamo domani"

"Domani ci sposiamo"

"Già..buona notte" gli dò un bacio e vado a dormire.

Grecia-Un viaggio da sognoLeggi questa storia gratuitamente!