Capitolo 74

139 7 3

Pov Charlotte

Ero di nuovo lì, con una sedia davanti alla finestra ad aspettare l'alba.

Mi piaceva farlo, soprattutto quando ero pensierosa. Pensieri negati o positivi non importava. Era come staccare la spina.

In mano avevo una matita, un po' mordicchiata ovviamente. È il vizio di tante persone, soprattutto di noi giovani. Non so perché. Non abbiamo nulla contro una semplice penna o matita. Forse si fa per scaricare la tensione?

Stavo disegnando su un foglio trovato a caso. Cosa disegnavo? Ciò che vedevo fuori: il buio.

La natura stava avendo il mio stesso problema:
mancanza di luce.

L'ambiente esterno era freddo, sull'erbetta c'era ancora della brina, le fontane erano spente, gli alberi "infelici" e le tenebre comandavano duramente. La luce, o meglio, il Sole, combatteva duramente per poter far tornare tutto in modo migliore, ma ce l'avrebbe mai fatta? Non é facile impossessarsi del cielo. Il cielo é il luogo dove tutti noi essere umani guardiamo, il posto nella quale la Luna tiene sede, il posto dove uccelli speranzosi circolano.

Come era il mio cielo? Nero.

Nero, che brutto colore. Anzi, il nero non é un colore. Il nero é mancanza di luce, ecco perché non mi piace.

Odio le persone che definisco il nero un colore. Il nero non lo é...

Con Harry come andava? Male, malissimo. Era passata una settimana dal nostro "incontro nel corridoio'' e diciamo che non ci siamo più rivolti l parola.

Chi aveva ragione non l'ho mai capito, neanche ora.

Con Zayn? Zayn diciamo che mi é stato molto vicino, ma lo vedevo molto turbato. Chissà cosa aveva... se volevo scoprirlo? No, neanche per idea. Io avevo i miei problemi e lui i suoi. Ero egoista? Forse sì, m in quel periodo non mi interessava.

Jade stava bene. Dormiva come un angelo. Lei frequentava ancora Perrie, ma secondo me era lei la ragazza che doveva trovare... non sapevo il motivo però...

"Charlotte pensa un po' a te" pensai.

Ecco. Lo vidi. Vidi il primo raggio di Sole. Sembrava una lotta per il cielo. Un po' come fanno in natura due animali maschi per una femmina.

Il Sole non ce la faceva. Io avevo bisogno dell'alba però! Dovevo imparare da lei! Dovevo capire che anche se passiamo un periodo brutto, prima o poi la luce tornerà. Il Sole doveva farcela.

Sembravo ad uno stadio, o meglio a una partita. Io che tifavo per il Sole.

Ero matta? Si lo ero. Ero completamente matta, ma é bello essere matti. Matti per la felicità, matti di gioia, matti per amore...

Noi non ce la facciamo proprio ad allontarci da questo sentimento definito "amore". Questa parola inventata per farci soffrire o per farci star bene. L'amore è bello, è brutto, è complicato...

A Quante Complicated Love Story assistiamo.

La mia storia d'amore era una di queste? Sì, lo era. Il mio cuore era in due. Harry. Zayn.

Sentii mugugnare. Jade si era alzata.

-Buongiorno- mi disse tutta felice.

-Ciao Jade- risposi.

Poi silenzio. Eravamo incantate a guardare fuori. Il sole ce l'aveva fatta.

Spazio autrici. Spero che questo capitolo vi sia piaciuto, è uno dei nostri preferiti. Saluti xx

Complicated Love StoryLeggi questa storia gratuitamente!