New Year's Eve. //Capitolo 34.

417 14 0

-Cazzo, Grace, questo vestito ti sta d'incanto!

Esclamò Evan vedendomi scendere le scale.

Era la sera del 31 Dicembre e lui era passato a prendermi: insieme avremmo raggiunto, come pianificato, la festa organizzata da Alexandra, forse una delle più grandiose in città.

-Davvero?

Domandai dandomi un'ultima occhiata allo specchio.

-Diamine, sì!

Sorrisi sinceramente e infilai il cappotto.
Insieme raggiungemmo l'entrata e presi la borsa.

-Dave è lì che ci aspetta?

Mi chiese, tenendomi la porta aperta e lasciando uscire me per prima.

-Si.

Chiusi per bene e ci avviammo alla macchina di Evan.

-Il locale non è molto lontano da qui.

-Si, lo so.

Risposi chiudendo la portiera dell'auto.

Quando poi Evan, poco prima dal punto di mettere in moto, si fermò e voltò verso di me, notando qualcosa che pensavo riuscisse a non trasparire nei miei modi di fare di quella sera.
Non andava bene, Michael non era lì: non avremmo passato il capodanno insieme e per quanto potessi essere felice di passarlo con i miei amici più cari, nulla era paragonabile al poterlo passare con lui.

-Va tutto bene?

-Uh, si.

Dissi esitante.

-Che succede?

-È solo che..

Mi fermai e mi voltai anch'io verso di lui.

-Che?

Mi incitò a continuare.

-Lui non è qui, Evan. Non contraddirmi, vi voglio un bene dell'anima..ma lui non è comunque qui.

-Vorrei poterti dire che andrà tutto bene, ma non cambierebbe nulla.

-Lo so.

Accennai un sorriso e lui mi prese la mano.

-Posso assicurarti però, che sia io che gli altri proveremo a farti passare il miglior ultimo dell'anno di sempre.

Affermò sicuro di ciò che diceva.

-So anche questo, Ev.

Risposi lasciandomi scappare una risatina, prima di abbracciarlo.

-

-Sono contenta tu sia venuta, Grace.

Mi disse Alexandra, passandomi un altro bicchiere di non so cosa, che accettai senza pensarci su due volte.

-È sempre un piacere passare del tempo con voi.

Le risposi io, riferendomi chiaramente anche a Rob e Max.

Stavamo urlando entrambe: la musica era troppo alta per chiunque. Lo sarebbe stata persino per Michael..se solo fosse stato presente.

-Dave ed Evan che fine hanno fatto?

Mi chiese poi sorseggiando il suo drink.

-Non ne ho idea.

Risi io.

-Di sicuro saranno da qualche parte a cacciarsi nei guai.

-Sono sempre i migliori a mettersi nei guai.

No regrets, just love. || Michael Clifford.Leggi questa storia gratuitamente!