Capitolo 2

586 3 0

Entrai e mi guardai intorno.Non avevo la più  pallida  idea di dove andare o cosa fare.Mio padre mi aveva lasciato così  senza dirmi nulla!Presi il telefono e mandai  un messaggio  a Nicoletta "Sono a scuola ma non ho idea di dove andare. Tu dove sei??" La risposta  non tardò ad arrivare "  Ok,allora devi salire al 2 piano e appena vedi una porta grigia  entra! Comunque  sbrigati che abbimo  già  iniziato!"  "sisi arrivo. "

Posato il telefono  mi misi a correre su per le scale,cercando di non investire qualcuno,  anche perché in torno a me c'era il casino più  totale: ragazzi che salivano, altri che scendevano,  bidelli con mille scartoffie  in mano che correvano urlando da un corridoio all'altro, professori  in preda a crisi esteriche  e.."Aaaaaa "Mi sporsi  dal  pogiamano per capire cosa fosse successo .Una signora ( una bidella probabilmente ) era finita sopra un professore,quest'ultimo  portava  deigli  occhiali all'Harry Potter e  ci assomigliava pure, peccato  che Harry,a differenza sua , avesse ancora i capelli. Il pavimento  era completamente  ricoperto  di fogli e la bidella continuava ad dimenarsi  come in preda a crisi conclusive, ripetendo  "sono  mortificata,oh quanto  sono mortificata "  mentre il professore  lottava  per riuscire  a mantenere  l'equilibrio.Mi rigirai  prima di scoppiare  a ridere come una matta e continuai la mia salita.Arriavata alla  fine della scala mi guardai intorno, cercando  una porta  grigia.Mi bloccai. Era uno scherzo? Tutte le porte lì  erano grige cazzo, e adesso? Mi guardai in  torno erano  tutti che correvano di qua e di là  e io ero ferma in mezzo al  corridoio come  una stupida!Mi voltai  per prendere  il telefono  e sentii qualcuno dire " Ok adesso vai lì che  le 4 stanno iniziando  proprio  adesso" mi girai  e  vidi un ragazzo che correndo verso di me, mi spintonò ( spero per lui involontariamente)  dicendo un "scusa scusa" a mezza  voce.Mi girai  e  vidi che apriva una grande porta grigia, e da dentro si sentì  chiaramente una voce annunciare "Sono lieto  di accogliervi  in quella  che sarà  per  i prossimi 5 anni la vostra  seconda  casa!" Entrai prima che la porta mi si  chiudesse in faccia.Dentro c'erano moltissimi  ragazzi, alcuni  erano all'impiedi,  mentre altri erano seduti in  eleganti poltrone  rosse.Mi guardai intorno cercando  Nicoletta  e Giovanna, ma  non le vedevo da nessuna parte.Ma mi tranquillizzai , almeno ero arrivata  tutta intera  allo "smistamento ".

                **********

Alla  fine  riuscii  a beccare  Nicoletta,  e capitammo  pure nella   stessa classe , mentre Giovanna era finita nella  stessa classe del suo migliore amico,Roberto , quindi  anche se non eravamo tutte e tre insieme, non si poteva dire che fossimo scontente.Dopo aver conosciuto qualche  professore e aver avuto una  socializzazione  con i  compagni, le lezioni finirono, così  uscimmo  dalla scuola per tornare poi a piedi fino a casa.

Una volta arrivata,  scoprii  che i mei  non c'erano, così  come i miei fratelli.Andai direttamente  nella mia stanza e mi buttati nel letto.Mandai un messaggio  nel gruppo  con Nico e Giovi scrivendo " Siamo ufficialmente  liceali" Non potei fare a meno di sorridere una volta inviato il messaggio.

Non dirmi  che hai pauraLeggi questa storia gratuitamente!