il pomeriggio più inutile di tutti

44 2 0

Dopo pranzo avrei dovuto studiare storia...quella di Gesù Cristo.Allora...la studio già fin troppo a catechismo e a religione...non voglio studiarla anche in storia.Non capisco come mai dobbiamo studiare queste cose così vecchie.Dovremmo iniziare dalla Seconda Guerra Mondiale fino ai giorni nostri.Poi si lamentano che i giovani non conoscono la storia del loro paese e che è per questo che fanno scelte sbagliate quando è il momento di votare.Beh....se fate studiare partendo dalla preistoria!Comunque ho passato l'intero pomeriggio sul divano perché non avevo la forza di muovermi.Ho anche guardato qualche video su youtube.Devo dire che tutte quelle ragazze che comprano così tanti trucchi da spendere la cifra che guadagnerai io a vendere un rene....mi rende verde di invidia.Quanto vorrei potermi permettere tutto ciò che voglio.Fare shopping mi rilassa,anche leggere libri.Il problema e che non ho mai tempo e se ho tempo non ne ho voglia...mi faccio proprio schifo.Oggi avrei potuto studiare o leggere e invece ho sprecato il pomeriggio.Alle sei ho iniziato a studiare e finalmente sono riuscita a studiare la lezione di storia per domani.Ho preparato il tavolo, così mia madre non si sarebbe lamentata.Io e i miei genitori ci siamo seduti e abbiamo iniziato la cena.Coniglio rosolato...come se non fossi già abbastanza grassa.Spesso cerco di perdere un po' di pancia..., ma resisto una settimana.A cena mamma non ha piantato un momento di farmi delle cavolo di domande.-Vai questa settimana a ripetizioni di matematica?-e-hai studiato?--vuoi ancora mangiare qualcosa?--hai letto l'articolo che ti ho fatto vedere prima?-mancava solo che mi chiedesse se dovevo andare in bagno!Appena finita la cena mi sono alzata e sono andata a mettere a posto la mia camera da letto.Come sempre era un disastro , ma mi rilassa tantissimo metterla in ordine.È un po' come se mettessi a posto i miei pensieri.Quando sono sola faccio una cosa un pochino strana:parlo con me stessa.Faccio in modo di tirare fuori tutto quello che penso e divento la persona che voglio essere.Una persona che si osa,affascinante e spiritosa anche con chi non conosce.Io,a differenza di quello che pensano le mie amiche,sono molto timida e introversa.Ho spesso paura a dire la mia e a volte mento per non farmi prendere in giro.Vorrei essere diversa...più sicura di me.Verso le 11 e mezza inizio a prepararmi per andare a dormire e mi infilo sotto le coperte.Subito ,Sandra mi raggiunge e si accascia vicino ai miei piedi cominciando a russare.Io mi stendo sulla schiena e il inizio a pensare a qualcosa che mi rilassi.Anche a cose impossibili.Come fa dire Lewis Carrol ad Alice:io penso a sei cose impossibili prima di colazione(o qualcosa di simile).Io penso a sei cose impossibili prima di andare a dormire.Piano piano mi addormento,sperando di sognare qualcosa di bello.

credo nella speranzaLeggi questa storia gratuitamente!