Ci sedemmo tutti,io sul divano di fianco a Ryan e a Oz,mentre Sam si diresse verso Colton e prese posto sul bracciolo della poltrona di fianco a lui.

-Un tempo gli essere umani erano tutti diversi gli uni dagli altri- iniziò Oz

-Eravamo tutti Gomi,esseri superiori con capacità extrasensoriali,più intelligenti e più forti.Vivevamo proteggendoci e aiutandoci tra di noi,non esistevano guerre e del male nemmeno l'ombra.Eravamo esseri immortali.Un giorno Constantine,un Gomi s'innamoro di una bellissima fanciulla,Marilyn la quale però non ricambiò.L'amore non corrisposto fu un durò colpo per l'uomo,ma peggiorò quando scoprì che la donna amava suo fratello Gregor.L'odio si trasformò in pura follia e Constantine si lasciò trasformare da questa.Uccise suo fratello e Marylin.-Dopo una piccola pausa durante la quale nessuno parlò Oz proseguì:

-Il tempo ha cambiato Constantine che si è trasformato non solo con lo spirito e con l'anima in una creatura dominata dall'odio ma anche fisicamente.Le tenebre si sono impossessate del suo cuore,anzi,egli stesso è la causa della nascita delle tenebre.Constantine ha creato un esercito di mostri...-

-Gli Itzu!-interrussi subito io credendo di aver capito piuttosto bene la storia.

-Esatto!Gli Itzu sono creature minori,non hanno la sua potenza ma buona parte,e sono sparsi nel mondo,vivono nelle tenebre,nei luoghi bui e abbandonati alla ricerca di vendetta...obbedendo al loro Signore.Nel frattempo la magia dei Gomi,la nostra magia,è andata col tempo perdendosi.Sempre più spesso nascevano semplici uomini mortali.L'equilibrio del mondo era svanito e con esso svaniva la nostra civiltà.Siamo rimasti in pochi,ed è per questo che quando riusciamo a rintracciare qualcuno lo portiamo qui al sicuro,fino a quando non avrà trovato il proprio posto nel mondo.Io credo,che tutti i Gomi siano destinati a qualcosa di grande!-

C'era qualcosa nei suoi occhi,brillavano quasi come se ci fosse un pizzico di follia,beh dopotutto la storia che aveva appena raccontato era la cosa più folle che io avessi mai sentito.

-Hai tralasciato la parte migliore Oz!-disse Sam con voce un po' petulante.

Colton sorrise -Vedi,il segno che portiamo,è qualcosa che ci distingue dagli umani.Ci rende più forti ma anche essere spirituali.Sam per esempio è una mutaforma,può trasformarsi in ogni essere vivente che tocca,pochi ne sono capaci-

-Ma Sam,tu sapevi tutto sin da quando mi hai conosciuto e non hai mai detto niente?-

-Beh...mi sono presa cura di te,mettiamola così,se ti avessi raccontato tutto all'improvviso,mi avresti creduta pazza!-In effetti poteva essere vero,mi ritrovavo in una realtà diversa dalla mia.Ero a bocca aperta e in un certo senso eccitata per quello che stava succedendo.

-E il segno che porto sul collo dietro l'orecchio?-

-Si,proprio quello è l'oki di cui ti parlavo.Ne esistono diversi,cambiano forma ma la sostanza è quella.Alcuni portano lo stesso simbolo,questo li lega in modo indissolubile.Come una famiglia-

-E il mio che forma ha?-

-Non si può ben stabilire,il segno,l'oki,così lo chiamiamo,inizia a formarsi quando il corpo è quasi pronto a scoprire le sue capacità.Ci vuole tempo prima che prenda le sue sembianze definitive.Che macchina straordinaria che è il nostro organismo-

Ryan ascoltava attento con gli occhi socchiusi e quando Oz ebbe finito li riaprì.

-Che storia ragazzi!- esclamò divertito e poi rivolse lo sguardo verso Sam.

-E così sei una mutaforma è?!-.Lei rispose con un grande sorriso mostrando i suoi denti bianchissimi.Oz si alzò in piedi .

-Bene!E adesso che hai capito il perchè ti trovi qui,spero che tu voglia restare,ti aiuteremo,di qualunque cosa tu abbia bisogno-.

WaldorfLeggi questa storia gratuitamente!