Capitolo 15- Io ti amo!

217 18 4

CLARA

Lucas ha di meglio da fare? Bene. Non per questo io non mi divertiró. Prendo il telefono e chiamo Pietro.

"Pronto?"

"Pietro!"

"Ehi Clara, come mai questa chiamata?"

"Ma niente di che, volevo chiederti se non hai niente da fare se ti vá di uscire con noi"

"Con voi? Intendi anche con il tuo ragazzo?"

"No lui non c'è, ha un impegno. Mi vieni a prendere tu? Cosí ti aspetto"

"Ah capisco..vabè allora 5 minuti e sono lí bellezza"

Chiudo la chiamata con un sorriso soddisfatto. Non voglio vendicarmi nei confronti di Lucas, ma passare al meglio la serata..lui si divertirá con il suo cuginetto, bene..io mi divertirò con i miei amici.

Dico ad Alex ed Erique che possono andare con Lorella e Serena, io aspetteró Pietro, dopodichè li raggiungeremo.

Passano 10 minuti ed ecco che mi fa uno squillo Pietro per scendere.

"Clara"

"Buonasera"

"Stupenda come sempre"

"Che scemo..grazie"

"Allora dove andiamo?"

"C'è una festa in un paese qui vicino"

"Ahah ok, quale paese?"

"Emh..beh io non l ho chiesto perchè dovevo andare con loro ma poi è successo che Lucas non è venuto e poi ho chiamato te e poi.."

"Okok ho capito. Andremo alla ricerca di questo paese ahah"

Ci mettiamo entrambi a ridere, salgo sulla sua moto e partiamo.

Giriamo per un oretta circa, senza trovare nessun paese in festa. Provo a chiamare alle mie amiche ma non prende, dei ragazzi ho solo il numero di Marco, si certo adesso chiedo a quello che è a Ibiza..uffaa tutte a me capitano. Pietro ferma la moto.

"E adesso che si fa?"

"Non saprei..è un ora che giriamo, forse è meglio tornare a casa e magari ci prendiamo un pizza, che ne dici?"

"Ma si..forse è meglio"

... ... ...

"Che succede!?"

"Oh no"

"Che c'è!??"

"Mi sa che è finita la benzina"

"Come è finita la benzina??? E ora?"

"E ora camminiamo un pò che qui vicino ci dovrebbe essere un piccolo hotel"

"Dovremmo dormire fuori casa? Io e tu? Da soli?"

"Si. Qual'è il problema?"

"Nessuno. Andiamo"

Dopo un pó vediamo delle luci, finalmente entriamo in quell'hotel. Parla Pietro.

"Salve, io e la mia amica siamo rimasti bloccati perchè è finita la benzina. C'è una stanza per passare la notte qui?"

"Salve a lei. Si abbiamo una camera con un letto matrimoniale"

"Letti separati no??" -intervengo io

"No mi dispiace signorina"

"Va bene lo stesso grazie"

Pietro mi prende la mano e saliamo in camera.

PIETRO

Sono qui in un hotel sperduto, da solo con Clara. Dovrei essere felicissimo, ma mi sento strano, non so come comportarmi con lei. È lì, seduta sul letto che cerca di chiamare le sue amiche al cellulare.

"Non avverti il tuo ragazzo?"

"Ma stai scherzando? Dovrei dirgli che sono in un hotel da sola con te??"

"Giá..hai ragione"

Cade di peso sul letto e sbuffa. Io voglio provarci, voglio provare a conquistarla. Dopotutto ha chiamato me appena ha saputo che il suo ragazzo non veniva, quindi lei vuole stare con me.

"Dovresti dormire un pó"

"Non ho sonno"

"Allora parliamo un pò" -le dico avvicinandomi

"Di cosa vuoi parlare?"

"Di noi"

Lei diventa rossa e dice

"N..oi?"

"Si. Perchè hai chiamato me?"

"Perchè sei mio amico e.."

"Pff amico..io non sono tuo amico"

"Come scusa?"

"Io ti considero di più di un amica. Io ti amo!"

Cala il silenzio e lei mi guarda con gli occhi sbarrati.

"Lasciami provare una cosa"

"C..osa??"

Mi avvicino alle sue labbra

"Proverò a baciarti, e poi mi dirai cosa hai provato. Se non provi niente ti lascerò in pace, ma se fosse il contrario..beh allora cercherò di conquistarti in tutti i modi"

"Ma..."

Non la lascio parlare e la bacio. Lei socchiude gli occhi e dopo averli riaperti solo per un attimo li richiude e mi tira a se tenendomi dalla camicia e baciandomi più appassionatamente, senza rendermene conto lei è sopra di me. È bellissima, non ci posso credere che è veramente qui con me. Mi ha baciato e ha continuato, quindi anche lei prova un sentimento verso di me che non è semplice amicizia. La giro e adesso sono io su di lei, ci guardiamo negli occhi, è felice lo capisco subito. Però ad un tratto mi ferma e si mette seduta portandosi le mani nella faccia

"Cosa sto facendo"

"Clara.."

"Lucas è soltando con suo cugino a casa, ed io qui a divertirmi..io non lo merito. L'ho tradito"

"Lui non lo verrá a sapere"

"Io glielo dirò"

"Perchè???"

"Io devo prendere una decisione! Non posso giocare ! Lo capisci!?"

"Scegli me. Io ti amo"

"Anche lui mi ama"

"E tu? Tu a chi ami?"

"...bella domanda"

Grecia-Un viaggio da sognoLeggi questa storia gratuitamente!