2. sulla complessità

59 0 0
                                                  


Come dicevamo quando parlavamo della curiosità, il gioco ha due ambienti: uno in cui si fanno esplodere le celle per ottenere le stelle, e uno in cui, usando le stelle come monete, possiamo abbellire il nostro giardino. Il primo è un gioco in cui serve conoscere le regole e avere l'allenamento e la pratica per imparare trucchi e strategie. Il secondo è semplicemente un negozio dove comprare delle cose, quasi completamente slegato dal primo. E dico quasi perchè, a volte, delle azioni realizzate nel secondo hanno effetti sul primo, come quando iniziamo un nuovo giorno, e ci dà un nuovo set di vite completo per ottenere nuove stelle.

Quando inizi la difficoltà è bassa, il numero di cose che puoi fare è basso e anche quello delle cose che devi fare. La griglia è piccola, ci sono solo elementi che si possono muovere, i primi livelli hanno come obbietivo raccogliere un numero di frutti di un solo tipo, e Austin ti guida passo per passo, ti mostra ogni parte del gioco e ti fa vedere come guadagnare le stelle per poter completare gli incarichi.

Man mano che superi i livelli la difficoltà aumenta principalmente per complessità, la griglia diventa più grande, a volte all'interno ci sono delle lacune, appaiono degli gnomi da "scoprire" sotto i frutti, la vegetazione e la vegetazione a più stratti che fa che per scoprire quel che c'è sotto si debba "esplodere" la cella più volte, le scatole che non permettono ai frutti che scendono di occupare tutto lo spazio di gioco (anche queste possono avere più chiusure perciò richiedere più esplosioni per essere eliminate),  le limonate da fare cadere esplodendo le celle inferiori, le farfalle che volano in alto, le bombe a orologeria che diminuiscono ulteriormente il numero di mosse a disposizione con un conto alla rovescia che finisce il gioco anche se ne avevi altre mosse, le mongolfiere, e chi sa cosa troverò nei livelli successivi a quello in cui sono adesso.

Per superare ogni livello ci sono degli obiettivi da raggiungere in un numero definito di mosse e, spesso, gli obiettivi sono di due tipi e, se riesci a raggiungere solo uno, perdi. Perciò devi imparare a fare attenzione a più cose contemporaneamente.

Ma non è tutto "solo" sempre più difficile, quando sali i primi livelli Austin ci spiega come ottenere i potenziatori dentro al gioco, mettendo insieme più elementi dello stesso tipo. E ci sono altri, quelli che si possono usare dall'inizio del gioco e, come il miglior spacciatore, Austin ci regala i primi tre, ce li fa conoscere ed amare e poi ci dice che se ne vogliamo altri li possiamo comprare. Molti livelli sono impossibili da superare senza questi "aiuti", e c'è chi dice che se non paghi arriva un punto in cui non puoi continuare, ma io sono convinta che, dopo un po' il gioco faccia sempre arrivare gli aiuti necessari.

Ma la complessità non si riferisce solo al gioco di abbinamento, anche nella parte giardino le cose possono diventare molto "stimolanti". Ci sono ulteriori modifiche che si possono fare al giardino pagandole con dei biglietti, che si ottengono sempre superando i livelli, come le stelle. Le quantità di monete e stelle varia da livello a livello. E altre ancora che si possono fare accumulando dei premi "stagionali" a Halloween, Natale, San Valentino, ecc. Queste modifiche sono "reversibili" e danno solo più opzioni di visualizzazione. Per esempio, la fontana, può avere tre sculture di base tra cui scegliere e, se fai quelle modifiche stagionali, le possibilità diventano maggiori. Io, in questo momento, ne ho sei.

 Io, in questo momento, ne ho sei

Oops! This image does not follow our content guidelines. To continue publishing, please remove it or upload a different image.
13 cose che ho imparato giocando a garden scapesWhere stories live. Discover now