1. sulla curiosità e la consapevolezza

45 0 4
                                                  

Ci sono molte persone, comunemente noti come i motivatori, che ci dicono cosa dovremmo fare per avere successo nella vita, che hanno delle ricette per tutto e basano il loro lavoro nella promozione dell'impegno, dello sforzo, del farsi male per poi poter avere qualcosa di buono. Quando trovano qualcuno che non ottiene i risultati che si suppone dovrebbe ottenere dicono che è pigro o non ha forza di volontà. Possono essere coach, genitori, amici, allenatori o capi, e cercano di spronare gli altri a fare sempre di più, ma soprattutto, con delle tecniche "standard" provate e riprovate. Hanno una soluzione per ogni problema pronta da offrire o imporre.

Io preferisco un'altra modalità. Una che promuove assolutamente la curiosità. Otteniamo risultati in maniera diversa, diamo meno consigli e facciamo più domande. Crediamo che ogni crisi nasconda la sua soluzione ottimale, unica, per noi, e che facendo le domande giuste questa possa uscire dal suo nascondino come per magia. Non il risultato, la soluzione. La soluzione è un'idea, una chiarezza, che poi dovrà mettersi in pratica per avere dei risultati, ma ci eviterà molti sforzi inutili. La curiosità ci porta a studiare, a scoprire, a imparare, a provare... a pensare che ogni situazione è diversa ma ci sono anche delle similitudini, a cercarle e a cercare il modo di sfruttarle a nostro favore.

Nel caso del gioco, di qualsiasi gioco, ci sono delle regole che definiscono "come si gioca" e poi ci sono delle strategie e dei trucchi che si imparano giocando con attenzione e allenandoti. Garden Scapes è un gioco con due ambienti diversi, uno in cui sei un giardiniere che deve prendersi cura del suo giardino e, insieme a divertenti personaggi come il maggiordomo Austin, devi curare delle diverse aree del giardino con labirinti, fontane, fiori, panchine, lampade e tanto altro; e l'altro in cui ottenere le monete per pagare i lavori del giardino con la logica match 3 (giochi in cui devi creare combinazioni di tre o più elementi dello stesso colore come Candy Crash,  Farm Heroes Saga o Pet Rescue Saga), con tantissimi livelli, booster e difficoltà.

Come dicevamo, la prima cosa da capire sono le regole. In Gardenscapes ce le spiega il fantastico Austin, spiegandoci come funziona ogni nuovo elemento, e obbligandoci a "fare" i movimenti la prima volta che appare, per assicurasi che abbiamo capito. Nel primo livello ci spiega come fare sparire tre elementi uguali mettendoli in fila e, nei successivi, ci spiega cosa succede se ne raggruppiamo di più. A seconda della cifra che riusciamo a raggruppare otterremo dei potenziamenti (booster) che fanno esplodere più celle contemporaneamente. Le regole sono la base del gioco, sono semplici e facili da imparare e ricordare ma... come con gli scacchi, non basta saper muovere  i pezzi per vincere le partite.

Poi, oltre alle regole, ci sono le strategie e i trucchi che dobbiamo imparare, più che altro per deduzione e induzione, provando, sbagliando e riprovando. In questo caso, chiedere ad altri può essere fuorviante, se chiedi a due giocatori è facile che ognuno ti racconti trucchi diversi, o ti dica che le cose da tenere in considerazione sono diverse, persino il gioco ti propone di fare una mossa, che quasi mai è quella che faccio io. Ogni persona ha il suo personale racconto della sua esperienza con il gioco e con la vita. Infatti, quello che sto facendo in queste pagine è raccontarti la mia storia. La storia di come sono riuscita a fare delle cose sfruttando il meraviglioso potere delle domande.

Perchè essere curiosi è proprio quello, dare più potere alle domande di quanto diamo alle risposte, come diceva Jostein Gaarder in C'è nessuno (https://amzn.to/3f84GzR). Un libro per bambini che parla, appunto, di un bambino che, mentre i genitori sono in ospedale perchè la mamma sta facendo nascere il fratellino, riceve una visita di un alieno, anche lui bambino e si confrontano sulle domande e sulle storie che hanno raccontato loro gli adulti in entrambi i mondi.

13 cose che ho imparato giocando a garden scapesWhere stories live. Discover now