Capitolo 45

22.3K 1K 26

" è andato a prendere le sigarette" afferma Cameron fissandomi. 

" Non ci credo , non ci può mettere due ore" dico arrabbiata e preoccupata.

" Madonna stai tranquilla!" dice Cameron sbuffando. 

" Andiamo" dice afferrandomi il braccio e spingendomi verso la sua macchina.

Mi apre la portiera e mi fa salire con tanta fretta che non me ne rendo conto che ho già allacciate le cinture e Cam è già in macchina a guidare.

 " è successo qualocosa ?" domando arrabbiata. 

" No" risponde lui ridendo. 

" Allora dov'è ?" domando ancora più arrabbiata di prima. 

" NON LO SO!" Caccia una bestemmia. 

" Cameron!" urlo. 

" Porca puttana , stai zitta due secondi , non so dov'è Sam quindi non rompere il cazzo a me!" questa volta è lui che urla. 

Io rimango in silenzio , arriviamo presto a casa , quando scendo trovo Sam danti alla mia porta di casa. 

" Sam ?" domando stupita. 

Lui sembra molto serio , Cameron entra in casa e ci lascia soli , " vieni con me" dice prendendomi la mano portandomi verso casa sua. 

Io sto zitta , non so cosa dire...

Entriamo in casa sua , non c'è nessuno , " Che ci facciamo qua ?" domando confusa. 

" Siediti" mi ordina , siamo in camera sua e lui ha chiusto la finestra per non fare vedere quello che succede a Cameron che ci sta spiando. 

Io obbedisco e mi siedo sul sul letto , lui si piega su di me con le mani poco lontane dal mio corpo , poi sussurra. 

" Perché non mi dici nulla ?" domanda strofinando il suo naso contro il mio , io guardo la sua bocca mentre parla. 

" Non ti nascondo niente" sussurro io. 

" Come niente , e il fatto di Hanna ?" domanda alzandosi e camminando verso l'armadio.

" CI HAI SPIATE?" quasi urlo. 

" Megan." dice guardandomi. 

" Anche se sei il mio ragazzo non devi sapere della vita privata delle mie amiche , e perché ti interessa tanto! dio quanto ti odio quando mi spii , io mica ti tradisco! se mi spii per quello" dico guardandolo , lui ci rimane un po' perprlesso , incredulo. 

"Megan!" si avvicina a me , fino a che io senta il suo profumo.

" Io non ti spio , io ti amo , ma non sarei capace di fare una cosa simile , me l'ha detto Hanna che è lesbica , e mi sono arrabbiato perché non me l'hai detto" afferma. 

 " Come mai te l'ha detto ? e come mai vi sentite ?" domando allontanandomi da lui. 

" Siamo cugini di terzo grado" afferma prendendomi la mano. 

" Davvero ?" domando stupita , non lo sapevo. 

" Come mai sei scomparso ?" domando curiosa. 

" è una lunga storia.." dice sedendosi accanto a me. 

" Racconta" dico prendendoli la mano. 

" Allora , andavo a prendere le mie sigarette preferite e anche per Cameron , poi incontro la mia..." si ferma e mi guarda. 

" Chi hai incontrato ?" domando curiosa. 

" La mia ex ragazza... abbiamo preso un the insieme e abbiamo parlato un po' di tutto" dice lui guardandomi negli occhi. 

" Quindi io ero in pensiero per te , e tu cosa facevi ? prendevi il the con la tua ex , Sam stammi lontano , questa non te la perdono , pensavo che era successo qualcosa , quasi ho litigato con Cameron perché li chiedevo dove tu fossi" dico alzandomi dal letto. 

" Megan!" dice alzandosi e mi viene incontro. 

Io esco dalla camera e scendo le scale per andare a casa mia , ho voglia di stare da sola , mi sento malissimo , io pensavo che era successo qualcosa di brutto e invece ? Sam prende un the , mi sembra giusto. 

" Stammi lontano" dico scendendo le scale veloce. 

" Mi stai lasciando?" si ferma in cima alle scale con le mani incrociate. 

" Sam , non sto rompendo voglio stare da sola" dico avviandomi alla porta. 

" Non te ne andare!" dice lui inseguendomi. 

" Perché dovrei rimanere ? scommetto che adesso stai per dire ,  * non è come pensi*" dico immitando la sua voce. 
" MEGAN! ASCOLTAMI CAZZO!" urla e io mi giro di scatto impaurita , non ho mai visto Sam incazzato , mai , le vene li si sono gonfiate , si possono notare sul collo sulle braccia , fa paura , poi i suoi occhi sono diventati scuri , cupi dalla rabbia. 

Io rimango ferma ad osservarlo , e lui fa lo stesso con me. 

" Se esci da quella porta tra noi è finita" dice molto serio. 

" Cosa ?" domando scioccata. 

" Solo perché me ne vado via rompi con me ?" domando molto molto seria. 

" Senti Sam curati , io me ne vado , e come hai detto tu , se esco da questa porta rompi con me , okay , addio" dico uscendo da quella cazzo di porta. 

lui si affaccia dalla porta e mi fissa andare via  , senza dire nulla.

Non credevo che Sam fosse così , ho fatto bene ad uscire da quella porta , non lo voglio più vedere , solo perché esco dalla porta rompe con me , ma vaffanculo , mi sento uno schifo , sono attualmente single , e voglio dimenticarlo non stare sempre a pensare a lui. 

Quando entro in casa c'è subito Cam che mi guarda curioso. 

" Allora come è andata ?" domanda. 

" Abbiamo rotto" dico salendo le scale. 

Lui rimane in silenzio incredulo poi urla. 

" Veramente ?" domanda incredulo e stupito. 

" Si Cameron" dico dirigendomi dalla mia stanza. 

La prima cosa che faccio è chiudere le tapparelle delle finestre , non lo voglio più vedere. 

Guardo qualche secondo lui che gira per la sua camera , passandosi la mano sui capelli nervoso.

Ah è solo colpa sua , poi si gira e mi guarda , rimaniamo molto tempo a fissarci , poi io chiudo la finestra.

Il Mio Incubo Più BelloLeggi questa storia gratuitamente!