✮ Art progression

205 16 0
                                                  

Ciao ragazzuoli! Oggi altra parte speciale, per prendermi un po' in giro (chi ha letto l'autocritica sa che a me piace farmi del male), e per dimostrarvi quanto si migliora con la pratica, in tutti gli ambiti!

Siamo qui, infatti, per una bella carrellata di progressi artistici rappresentati in esplicativissimi "prima e dopo". Sono tutte cover di libri. Le primissime che vi vado a mostrare sono le più agghiaccianti, perché sono tentativi che risalgono al 2013. Sette anni fa. Sinceramente non ricordo che software usassi, ma comunque dubito fortemente avessi photoshop, quindi... opterei per paint. Non scherzo.

Comunque, andiamo con ordine. La prima è la cover per "Gli Eredi di Howel", il mio primissimo libro "serio". Volevo stamparmene una copia e mi serviva una cover. Ero fissata con l'idea di fare una specie di cover da libro antico ma, come dire... facevo schifo. Quindi mi sono limitata a una roba monocromatica con degli angolari a caso e pure in qualità bassa. Però avevo già capito la disposizione del testo, non è roba da poco. La versione rifatta, invece, risale a ieri sera, una robina veloce che ho buttato giù proprio solo per questa sfida. Il libro ora è pubblicato e la cover è decisa dalla casa editrice, quindi non mi serve a molto, all'effettivo. Se qualcuno la vuole, diventerà una premade!

La seconda ha una storia simile: era il mio secondo libro, aveva bisogno di una cover

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

La seconda ha una storia simile: era il mio secondo libro, aveva bisogno di una cover. Visto che è un sci-fi post apocalittico ambientato nel deserto, ci ho piazzato la monument valley. Era una foto, ma con la sovrapposizione a casissimo di filtri, alcuni anche derivanti da app da cellulare, ero riuscita a fare un effetto disegnato. Ora, fa comunque schifo, ma almeno è un po' più piena della precedente. Anche qui, nel rifarla, ho tenuto lo stesso concept, solo usando qualche nuova skill.

 Anche qui, nel rifarla, ho tenuto lo stesso concept, solo usando qualche nuova skill

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

La terza pure risale a quel periodo. Questa, però, era per un amico. Ricordo che inizialmente avevo messo il viso intero della tizia, ma lui lo voleva sfumato e in ombra e io, pikkola ancyela, non avevo la più pallida idea di come fare. Se notate il labbro, vedrete il mio spennellare osceno e senza logica. Qui per rifarla mi sono data più libertà, anzi, diciamo che ho proprio cambiato tutto. Se vi interessa, anche questa è una premade!

Ora, invece, facciamo un saltino di qualche anno

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

Ora, invece, facciamo un saltino di qualche anno. Perché sì, dovete sapere che in realtà quasi tutti i progressi che ho fatto non dovete spalmarli davvero su 7 anni. Per un lungo periodo sono stata praticamente ferma, facevo cover solo per me e non avevo un grande interesse ad allenarmi. Quasi tutti i progressi veri che vedete li ho fatti da inizio 2018 fino ad oggi. Sono quindi solo un paio d'anni. Ragazzi, non sono tanti, proprio no... considerato che prima facevo roba di questo tipo.

Questa che vedete qui sotto è una delle primissime cover che ho fatto usando un software vero: Photoshop Elements. Non avevo la più pallida idea di come funzionasse e a quanto pare il giorno che ho fatto questa cover mi ero anche sparata degli acidi, visto che ho sempre odiato i colori troppo accesi e qui invece ci avevo messo un verde evidenziatore. Boh... colpa della TROCAH. Comunque, questo rifacimento dimostra più che le mie migliorate capacità per le cover in generale, per il lettering e la scelta del font. La seconda che vedete poi è rifatta con Photoshop CC 2018 e le differenze con Elements sono abissali. Non solo appunto per la mia capacità, ma anche per gli strumenti di cui potevo disporre: ricordo che con Elements era pressoché impossibile ottenere un bell'effetto metallico.

 Non solo appunto per la mia capacità, ma anche per gli strumenti di cui potevo disporre: ricordo che con Elements era pressoché impossibile ottenere un bell'effetto metallico

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

Similmente è successo per quest'altra cover. Alcuni di voi scommetto che la ricordano: era la primissima versione de "La Bellezza del Vuoto". L'ho tenuta solo qualche settimana, perché poi sono riuscita ad iscrivermi al servizio della bravissima Skadegladje e da allora qui su wattpad ho sempre tenuto la sua. Ma di recente per la pubblicazione ho dovuto rifarne un'altra e... anche qui, notate il lettering, vi prego. Stessa cosa di prima: in una ho usato Photoshop Elements, nell'altra CC 2018. Quindi davvero, se avete voglia di intraprendere la strada della grafica, vi prego, usate un buon software! Anche se vi sembra più difficile da imparare, vi ripagherà, ve lo posso giurare!
Qui, come ho detto, fare scritte metalliche con Elements era impossibile e venivano tutte rovinate. A parte questo, qui c'è un'altra differenza fondamentale: la prima cover è fatta con un unico disegno non ritoccato, tranne che per gli occhi. L'altra invece è una fotomanipolazione. Non avrei mai, mai pensato che in soli due anni o poco meno sarei riuscita a fare una cosa del genere. Qui, infatti, ho cambiato il volto della modella, l'ho 'cecata, dimagrita visto che Mor Mor è poverella e senza cibo, ho cambiato lo sfondo, e infine tutti i colori dominanti. Qui si vede davvero la differenza tra quando si usa una sola foto a quando si usano più elementi combinati e personalizzati!

 Qui si vede davvero la differenza tra quando si usa una sola foto a quando si usano più elementi combinati e personalizzati!

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

E siamo alla fine, gente! Ne avrei mille altre da mostrare, ma ci fermiamo. In ogni caso, ricordatevi la morale del giorno: allenatevi. Non si tratta di talento, ma di pratica, di conoscenza degli strumenti, di occhio per i colori. Questo più che mai dovrebbe dimostrarvi che il talento non esiste, esiste solo la voglia che uno ha di spenderci. E, sono sincera, non vedo l'ora di migliorare ancora, di guardare indietro ad altri due anni da oggi e fare il punto di quanti progressi ho fatto. Quindi, che aspettate? BUTTATEVI CHE E' MORBIDO!

A questo proposito, prima di lasciarvi, volevo anche informarvi che ho in programma in questi giorni anche la pubblicazione di un video tutorial con le basi per creare cover wattpad, proprio per principiantissimi. Vi dimostrerò che è possibile fare una cover accettabile con qualche accortezza semplicissima, perché almeno il 60% della bellezza della copertina è data dall'armonia cromatica e dalla posizione del testo. Vi spiegherò quali sono gli errori più comuni che vedo in giro e come evitarli, per creare una bella grafica anche solo usando paint o un'app da cellulare. Spero possa interessarvi e... e basta.

Vi saluto, pantegane belle! Alla prossima!

Graphic Shop [ISCRIZIONI CHIUSE]Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora