Capitolo 51

173 7 5


Pov Harry

La sveglia suonò. Non riuscivo a spegnarla, così lanciai il cuscino su di essa e dopo ciò cadde e si ruppe. Imprecai.

Mi alzai per cercare di ricomporre i pezzi, ma ormai era defunta.

Decisi di farmi una doccia e di lavarmi i capelli e così feci.

Dopo venti minuti ero pronto. Erano le sette e mezzo del mattino, sarei dovuto andare a mensa per la colazione, ma non avevo fame così lasciai perdere.

Sentii il mio telefono squillare. Andai verso il comodino sul quale lo avevo lasciato e lessi il messaggio. Era Charlotte.

Da: Charlotte ❤

"Buongiorno! Pronto per la corsa campestre?"

Le risposi subito.

A: Charlotte ❤

"Sono nato pronto. Ah non aspettatemi a mensa... Non vengo"

Quanto avrei voluto terminare con un bel "A dopo amore mio" oppure "Ti amo", "Sei solo mia" ecc...

Già aver messo il cuoricino era qualcosa comunque...

"Harry basta così ti fai solo del male!" pensai.

Sferrai un pugno contro il muro.

"Ahia" pensai.

Mi arrivò un altro messaggio: "Charlotte❤". Quel nome lo avevo tenuto segreto. Generalmente si da un nomignolo. Io avevo scelto il cuore.

Mi girai dalla parte opposta. Il sangue mi ribolliva dentro. Perché non era mia?!

Sferrai un altro pugno, provocando un forte rumore, ma soprattutto un forte dolore dentro di me.

La cosa cretina che feci è che lo sferrai verso la parete che era in comune con Charlotte.

Sentii bussare alla porta.

-Harry sono io Charlotte- mi disse lei.

La mia mano sanguinava e stavo trattenendo le lacrime dal dolore.

Aprii la porta senza indugi e me la ritrovai davanti in tutto il suo splendore.

-Harry tutto okay?- mi chiese perplessa.

Io avevo nascosto la mano dietro di me.

-Certo, perchè?- le chiesi facendo finta di non capire la sua preoccupazione.

-Harold non sono stupida- mi disse seria.

-Lo so benissimo che non lo sei- le dissi io.

-Mostrami la mano- mi ordinò secca. -No dai...- mi interruppe -Harry...-

Così feci, le mostrai la mano sinistra. Era tutta piena di sangue.

-Harry!- urlò alla vista di quell'orrore. -Ma sei impazzito?! Guarda cosa ti sei fatto!!- senza dire nulla corse in bagno e prese della carta, tornò velocemente e cominciò a tamponare la ferita.

-Perchè l'hai fatto?- mi chiese seria. Una lacrima cominciò a solcarle il viso e anche a me stava accadendo.

-Per amore- dissi tutto di un fiato. -Sono innamorato di una ragazza che non ricambia- aggiunsi.

Ops. Che gran casino. Le parole mi erano uscite a razzo dalla bocca.

Pov Charlotte

La situazione stava peggiorando. Avevo capito che Harry provava più di semplice amicizia nei miei confronti, ma non sapevo se era INNAMORATO.

Essere innamorati è una parola grossa, una parola che Zayn aveva espresso nei miei confronti, ma che secondo me non era più vera come prima.

-Chi non ti apprezza è una stupida- dissi a testa bassa.

-Non è vero- disse stringendo il pugno.

Io appoggiai la mia mano sul suo pugno e cominciò a rilassarsi.

-Si invece. Harry sei il ragazzo più bello della Terra- mi meravigliai delle mie parole. Mi piaceva Harry? Ma no dai. Anche lui rimase stupito.

-Lei non mi vuole- ruppe il silenzio.

-Dimmi il suo nome- volevo sapere se ero io.

Se fossi stata io non me lo sarei mai perdonata.

-Tiffany- disse pensieroso.

Il mio cuore si fermò.

-Tiffany?!- dissi urlando

-L'amica di Perrie????!!!-

Lui annuì poco convinto.

Pov Harry

Non so perchè dissi Tiffany, fu il primo nome che mi venne in mente. Potevo tipo sparararne un altro?! No sarebbe stato troppo facile.

"Ora Charlotte si allontanerà da me, perchè io mi avvicinerò alla sua rovina" pensai.

-Ti aiuto io- disse lei.

-No, non importa. Ora scusa, ma devo finire di prepararmi. A dopo- detto questo mi girai dall'altra parte e cominciai a fare altre cose, non considerandola.

Che cretino.

-Okay- disse. Poi se ne andò sbattendo la porta.

Io me ne andai in bagno e mi fascia la mano.

Mi arrivò un messaggio da facebook. Era Perrie. Che voleva?

Da: Perrie Edwards

"Ciao amico della sciacquetta, una mia amica ti trova carino e ti vorrebbe conoscere. Che ne dici di un appuntamento alle 19 sul retro della mensa?"

Avevo paura a rispondere, ma ormai ero dentro ad un grande casino. Risposi affernativamente.

Spazio autrici. Povero Harry... ora Tiffany chissà che casino combinerà... Saluti xx

Complicated Love StoryLeggi questa storia gratuitamente!