Capitolo 3

527 16 0



08:15

E appena suonata la campanella di scuola,mi avvivo nei corridoi come se fosse la strada verso l'inferno.Lasciare il mio caro e povero letto,mi ha reso triste,ma la cosa che più mi ha ferito e stato lasciare jack,sul letto.Tutto solo....
Condivido il suo appartamento,finché mio padre non torni da Chicago,anche se lui non sa che io vivo da jack,papà crede che stia a casa di Britney,ogni volta che mi chiama Britney deve emitare la mia voce,e ci riesce alla meraviglia.
Mi dirigo verso il mio armadietto,controllo cosa ho alla prima ora,e predo quaderno e libro di Francese,e mi avvivo verso la classe.
Sto per entrare verso l'aula,quando mi sento chiamare,mi giro per vedere chi e ed mi trovo,Noal...
Ancora lui,ma non lo avevano bocciato?!
-Giorden....che succede non si saluta più-chiese con quel sorriso tra le labbra.
-Buongiorno....è arrivederci-dico,per andarmene ma lui mi prende per un braccio e mi avvicina lui.
-Tu è quel bel ragazzo che hai,mi dovete un favore per non aver parlato,di voi due-mi sussurrò al orecchio.
Lo guardai dritta nei occhi-Cosa vuoi-domandai,insicura.
-Lo sai cosa voglio...inizia per Sum...è finisce con Mer-affermò sorridendo.
In questo momento lo avrei schiaffeggiato,giuro.Ma la mia intelligenza e più avanzata,decido quindi di darli un bel calcio nelle palle,per un po' mi avrebbe lasciato in pace.
Noal si accoscio per terra dal dolore-Ah....Noal non ci provare più ad aminaciarmi-dissi,per poi entrare dentro classe.

-

-Cosa lasciò nel piatto,le patatine o l'insalata-chiese Britney.
-Io ti consiglio le patatine-rivelai.
-Anche per me -disse Rachel.
-Si...ma a me piacciono un botto le patatine-piagnucolo.
-Fai na cosa predi un po' di insalata e un po' di patatine-esclamò Sarah,la saggia.
Britney annui per poi mangiare.
-Summer come fa con i tuoi-
-Bene-abbassai lo sguardo.
-Sicura-domando Rachel
Annui anche se non va affatto bene,mi mancano le cazzate che papà e mamma si dicevano,mi mancano quando litigavano,e manca un papà e una mamma.
-Per fortuna ho jack-dissi.
Britney,mi tirò un patatina-E non ti scordare di noi e....-disse.
-Ragazze vuoi siete le prime-affermai sorridendo.
-Cosa hai intenzione di fare?Quando torna tuo padre-
-Non lo,per il momento voglio vivere da jack,poi si vedrà-ammisi.
Sarà ha annui alla mia risposta.
Non voglio per niente vedere mio padre,e per colpa sua se mamma sene e andata di casa,la ha tradita anzi ci ha traditi,e solo per stare con quella puttana di Vicky.
Le ragazze mi presero la mano,e io sorrisi,mi danno molto coraggio,e io le ringrazio per questo.

Pov'Jack

Non mi sono per niente svegliato,con i baci di Summer,ma con il campanello che suonava,sarei diventato pazzo a momenti,se non avrebbe smesso.
Mi alzai dal letto velocemente,e cercai le pantofole-Arrivo-gridai per essere sentito.
Ma la persona,o meglio l'incivile fuori casa mia,non la smetteva-Arrivo-rigridai,o e sordo,o c'è fa.
Aprì la porta-Visto sono arrivato...era inutile che-mi fermai appena vidi bene la persona davanti a me.
-Ma-mamma-balbettai.
-Che c'è jack...non mi fai entrare-sorrise,gli feci spazio per farla entrare.
-Che ci fai cui-chiesi,senza giro di parola.
-Sto bene jack e tu-sdrammatizzò.
-Dai mamma,non sono inventa di scherzi-dissi sedendosi sul divano.
Mia madre si giro in tornò,e iniziò a squadrare bene la casa-Devo ammettere che hai dei bei gusti-disse.
-Non la ho arredata io,ma la mia ragazza-dissi fiero di me.
La sua bocca si trasformò in una "o"-La tua ragazza-chiese.
-Si...dovrebbe arrivare a momenti-dissi....
Ad un tratto sentimmo la porta aprirsi-Scusami amore ma ho fatto in ritardo-butto le chiavi della macchina sul comodino,e si irrigidì appena vide quella figura davanti a lei.
-Salve....-disse Summer.
Mi alzai da dove ero e mi avvicinai,maggiormente a loro.
-Summer lei è mia madre,mamma lei è la mia ragazza-

My teacher (Stagione 3)Leggi questa storia gratuitamente!