Entro in casa e vengo accolta da ‘Con Calma’ di ‘Daddy Yanke’ ad altissimo volume. Cerco di chiamare mia madre che inevitabilmente non può sentirmi, vado allora in sala e la vedo intenta a ballare Zumba alla Wii; mi faccio una grassa risata mentre aspetto che lei mi noti. Quando lo fa mi guarda in cagnesco, mette in pausa e ironicamente mi dice:

-Grazie tesoro, mi fai sentire poco in imbarazzo-

-Prego Mamma, sono qui per questo- mi inchino e subito dopo le applaudo.

-Piuttosto com’è andato l’appuntamento con la signorina Orvette?-

-Una bellezza Mamma-

-Dai sono seria-

-È andata bene…abbiamo parlato di me in generale, dei miei hobby, di Elise, di zio Steve…-

Mia madre mi guarda commossa e senza essere invadente mi mette una mano sulla spalla:

-Che altro vi siete dette?-

-Non abbiamo parlato di quello che è successo a scuola. Vuole che gliene parli quando mi sento pronta a farlo. Per il resto mi ha detto che per la prossima settimana vuole che le parli di qualcosa di positivo che mi è successo nel frattempo.-

-Non deve essere stato facile per te tesoro. Sono così fiera di te-

Ci abbracciamo mentre io affondo nel suo petto…rimaniamo così per qualche minuto. Poi mi da un bacio sulla fronte e con un sorriso a trentatré denti mi dice:

-Che ne dici tesoro se prepariamo i muffin e mentre si cuociono ci guardiamo qualche episodio di ‘Dr. House’?-

-Sarebbe perfetto Mamma-

Ci dirigiamo verso la cucina e mentre prendiamo gli ingredienti necessari mi ritorna in mente l’appuntamento di stasera con Ezra. Così sperando che mia madre acconsenta le vado vicina e le dico:

-Ehi mammina bella, mica stasera abbiamo degli impegni?- mia madre mi guarda con aria interrogativa e dopo qualche secondo mi chiede:

-No tesoro perché? Devi uscire con Elise o con quel ragazzo di ieri, Einar..?-

-No mamma EZRA, si chiama EZRA!!- improvvisamente divento rossa peperone mentre mia madre se la ride di gusto:

-Ok tesoro calmati. Sembra che questo ragazzo sia proprio preso da te-

-Chi è preso da chi?- interviene mio padre che intanto entra in cucina con aria leggermente irritata (cosa che mi fa ridere sinceramente).

-Beh Jack a quanto pare tua figlia stasera deve uscire con quel ragazzo per la seconda volta- nel momento in cui pronuncia quella frase guardo mia madre fulminandola con lo sguardo mentre mio padre si avvicina e mi dice:

- Ricorda a quel ragazzo che se ci tiene ancora alle sue gambe deve tenere le manine a posto-

-Papà! Non ti preoccupare è un bravo ragazzo!-

-Si questo è da vedere ma mi raccomando se ti da problemi fai come ti ho insegnato: un bel calcio negli…-

-OOOKAAAY PAPÀ. Penso che sarai stanco dopo una giornata di lavoro così lunga perché non vai a cambiarti mentre io e mamma facciamo i muffin eh? Poi dopo te ne porto uno- gli do un bacio sperando che non continui e mi dice:

-Bene tesoro- mi dice -ma poi con quel ragazzino ci dovrò parlare- “magari mai” penso e spero fra me e me mentre lui sale su per le scale. Torno da mia madre:

-Sappi che te la farò pagare prima o poi- le dico con tono minaccioso mentre lei continua a ridere:

- Dai questi muffin mela e cannella non si faranno da soli-

Ci mettiamo alla preparazione dell’impasto e appena infornati sprofondiamo sul divano a vedere ‘Dr.House’ e, come di consueto, ci concentriamo per capire prima della fine dell’episodio stesso la diagnosi del paziente. Trascorre il tempo, tanto da non rendermi conto di non aver letto un messaggio di Ezra che dice:

“Ci vediamo stasera milady”>E

[okay penso che morirò per collasso polmonare. Causa? Messaggio da “Mister Occhioni Meravigliosi”]

“A stasera milord”>I

To the RainbowDove le storie prendono vita. Scoprilo ora