31. Un importante compito

101 19 115
                                                  

La mattina successiva cominciò con l'ennesima brutta notizia. Avevano trovato un altro corpo. Stavolta la vittima era la moglie del giudice e, come le volte precedenti, nessuno si era accorto di niente. Il fatto, poi, che tutte le vittime fossero legate a personaggi di spicco nella comunità non faceva che aumentare la pressione. Non che quello influisse molto sulle indagini di Alex, ma di certo non aiutava l'umore degli esorcisti. Alex sentiva i loro mormorii agitati intorno a sé e gli pareva di avvertire la loro inquietudine come una cappa sull'arena.

«Alla luce dei recenti avvenimenti» disse Riccardo, la voce amplificata dai talismani che sovrastava quella degli esorcisti, «il consiglio ha ritenuto opportuno imporre un coprifuoco per le nove di sera, così da ridurre il rischio di avere altre vittime. Non escludiamo che lo spirito possa decidere di agire anche di giorno, come ha già fatto, e proprio per questo il consiglio raccomanda agli abitanti di muoversi sempre almeno in coppia e verrà lasciato un gruppo di esorcisti e guardiani in paese. Altri gruppi si alterneranno per fare ronde ventiquattr'ore su ventiquattro per tutta l'isola.»

«Signore, se tutti i guardiani e gli esorcisti saranno in giro a pattugliare l'isola, chi si occuperà delle indagini?» Alex non sapeva chi avesse parlato, ma aveva espresso i suoi stessi dubbi.

«Me ne occuperò io» rispose Riccardo, «insieme a un ristretto gruppo di persone. Ora la nostra priorità è difendere gli abitanti. So che non potremo controllare i movimenti di tutti, ma faremo quanto in nostro potere per ridurre al minimo i rischi. Proprio per questa ragione, la prima cosa da fare è informare tutti del pericolo e delle nuove regole imposte dal consiglio in questa situazione d'emergenza. Io oggi mi occuperò di interrogare la famiglia della vittima, mentre tutti voi vi dividerete in gruppi e andrete di quartiere in quartiere per informare gli abitanti. Sono stati preparati anche dei volantini da distribuire e dei manifesti da appendere e più tardi, una volta che mi sarò consultato con il capitano guardiano Merli, vi informerò sui compiti di ognuno.»

Alex rimase a fissare a bocca aperta Riccardo che scendeva dalla pedana e dava ordine a un paio di esorcisti di distribuire i volantini.

Quello era l'approccio del consiglio? Se volevano difendere gli abitanti dell'isola dovevano eliminare la minaccia, non perdere tempo in quel modo.

Alex si fece largo tra gli esorcisti e raggiunse Riccardo all'ombra del colonnato. «Vuoi spiegarmi cosa stiamo facendo?»

Riccardo fissò ostentatamente il suo polso, ancora gonfio nonostante le erbe di Heramael. «Mi sembrava di essere stato chiaro. Ciò che dovrete fare oggi è informare la popolazione delle nuove regole, poi...»

«Stai scherzando, vero?» lo interruppe Alex. «È una specie di pesce d'aprile estivo? A che diavolo dovrebbe servire? Siamo qui per indagare o per fare i boy-scout?»

Riccardo lo fissò per un istante, prima di rivolgersi agli esorcisti. «C'è stato un cambio di programma» disse. «Alessio si è appena offerto di affiggere da solo tutti i manifesti.»

«Non mi importa un accidente di quei manifesti!» sbottò Alex. «È stato il consiglio a decidere che partecipassi a queste indagini e ora tu non puoi estromettermi.»

«Già, purtroppo su questo hai ragione. Farai parte del gruppo che seguirà le indagini, contento?»

«No che non sono contento. Invece che appendere stupidi manifesti dovrei venire con te a interrogare i familiari della vittima. Inoltre, voglio analizzare il corpo.»

Riccardo sollevò le sopracciglia. «Non capisco questa tua ossessione per i cadaveri, comunque non se ne parla. Ci sono già degli specialisti che se ne stanno occupando. Riguardo al resto, potrai unirti a me, ma solo dopo che avrai affisso quei manifesti su ogni dannato muro del paese. Il consiglio potrà anche aver deciso che tu partecipassi a queste indagini, ma ha anche detto che saresti stato sotto il mio comando e questo è quanto. Ora va' a fare il tuo dovere. Riparleremo dopo del resto.»

L'Isola degli SpiritiDove le storie prendono vita. Scoprilo ora