Mi sveglio con una fame assurda e l’unica cosa che vorrei fare è affogare nel barattolo di Nutella ma quando vado a prenderlo non lo trovo e, deducendo  che sia finito, maledico mentalmente la mia sorellina di 6 anni. Decido di raccogliere le forze e di uscire per andarne a comprare un altro al supermercato vicino casa: prendo i soldi, le chiavi, mi metto la prima cosa che trovo nell’armadio ed esco. Mentre cammino mi metto le cuffie e ascolto la playlist dei "Queen" sperando che mi diano la forza di affrontare il caldo umido di Giugno. Mi fiondo nel corridoio dove si trova la Nutella e quando credo di aver conquistato l’ultimo barattolo, nell’afferrarlo la mia mano incrocia quella di un’altra persona. In un secondo nella mia mente vedo l’immagine di me in veste di pirata a battermi con il nemico
ma
siccome il tesoro per il quale ci stiamo battendo non è un bottino d’oro (e non siamo nel 17esimo secolo), mollo la presa e, con la testa bassa rimaniamo l’uno in attesa dell’altro. Quando finalmente alzo lo sguardo e lo vedo in faccia, mi blocco per 2 secondi. Guardo i due meravigliosi occhi azzurri che mi fissano e, quando mi riprendo capisco che sta cercando di parlare ma non ci riesce (per l’imbarazzo, credo). Allora per rompere il silenzio dico a “mister occhioni meravigliosi” che può prendere lui il barattolo ma, con una voce che mi scioglie dall’interno, mi dice:

- Guarda prendilo tu, te lo cedo-
- Sei sicuro?- gli chiedo.
- Si tranquilla- e dopo un minuto di silenzio:
- Ah e comunque mi chiamo Ezra Eiden Jones-

Ridacchio per il nome completo e dopo qualche secondo dico:
- Iris Jameson, piacere. Ma mi chiamano Riri-.
Mi guarda come se avesse visto una celebrità, cosa che mi terrorizza, e mi dice:

- Aspetta ma sei quella IRIS JAMESON? La migliore amica di Elise Sanderson?-
- Si perché?-
- Sono in classe con lei e mi ha parlato davvero tanto di te – giuro che non so se strozzarla o regalarle delle rose;
-Ah si e che dice di me? -
- Beh che sei simpatica, intelligente, dolce, che sei brava a cantare e che sei molto carina...e credo che abbia ragione-

Quando pronuncia questa frase divento dello stesso colore della scritta della Nutella e dopo 5 secondi di silenzio gli chiedo:

- Quanti anni hai?-
- Io 17...tu 16 giusto?-
- Si, compio 17 anni a novembre, il 18 esattamente-

Dopo altri secondi di silenzio che sembrano un’eternità ci andiamo a fare una passeggiata nel supermercato e cominciamo a parlare e troviamo con molto stupore, di avere la stessa passione per le serie tv come 'Criminal Minds' e 'Sherlock', l’amore per i libri gialli, la fissazione per l’attore 'Benedict Cumberbatch', la passione incondizionata per i film e per la cucina e io per la prima volta dopo tanto tempo mi sento felice e ciò grazie al solo parlare con un ragazzo in un supermercato.

- Allora ci si vede in giro- mi dice;
- Si! Ci si vede in giro-

Prima di uscire si ferma, mi guarda e mi dice:

- Senti io ogni giorno lavoro alla pizzeria di mio padre in città. La puoi notare perché è quella che ha il cartello gigantesco luminoso con scritto “La pizza dei Jones”. Chiudiamo alle 21.30...magari se ti va potresti passare e mangiare qualcosa con me e nel frattempo potresti farmi compagnia visto che mio padre mi lascia sempre le chiavi per pulire-
- Certo, come no. Allora a domani. Ciao- gli rispondo con un tono troppo acuto, e ci salutiamo. Vado a casa e poi mi metto sul mio letto a mangiare la Nutella ascoltando musica e ripenso alle ore passate con Ezra Eiden Jones.





To the RainbowDove le storie prendono vita. Scoprilo ora