TRIS' POV

-E allora come fai a sapere dell'incendio? - cominciavo a perdere la pazienza.

-Perchè io ero lì con te.

Mentre lo disse mi guardò dritto negli occhi, ma io comunque non riuscii a credergli.

Non era possibile; mi avevano detto che erano morti quasi tutti. Inoltre mi ricorderei di lui se l'avessi visto lì.

E forse spiegherebbe perchè lui aveva una faccia familiare... No, non era possibile.

Nella macchina di Katherine ed Aimee c'ero solo io, e loro avevano chiaramente detto che erano lì per prendere me. Non me e Justin.

-E' impossibile.

Fu tutto quello che riuscii a dire e mi alzai velocemente per riempire di nuovo il mio bicchiere, ormai vuoto. Bevvi un altro lungo sorso, per poi rimpiazzarlo con dell'altro liquido e finalmente mi rigirai verso di Justin.

-Non lo è. Io ero lì veramente. Io ti so portata fuori di lì.

Sembrava così serio...

-E come sei uscito vivo tu, allora?

-Logan e Ryan! - lo disse come se fosse la cosa più ovvia del mondo; in effetti lo era.

Rimasi in silenzio e guardai in basso. Presi un respiro profondo e poi parlai, sempre guardandolo negli occhi.

-Che ci facevi lì?

-Tu che ci facevi?

-Touchè... - sospirai.

-Senti, so che non mi credi, ma è la verità, Tris. Non avrei bisogno di mentire. - fece una piccola pausa e poi mi guardò di nuovo negli occhi - Pensaci; siamo entrambe di Boston. Ed entrambe siamo dentro da un anno.

-Allora perchè Katherine ed Aimee non mi hanno mai detto niente riguardo a Logan e Ryan. Com'è possibile che non li abbiano visti? E mi hanno anche detto che l'incendio l'avevano appiccato loro.

Lui rimase in silenzio, e così anche io. Era tutto così strano. Non combaciava niente, eppure combaciava tutto.

-Non ho mai chiesto e non me l'hanno mai detto, ma... - quando fece per rispondere, qualcuno ci interruppe, di nuovo.

-In realtà, è vero. Sono state loro.

Logan entrò nella nostra stanza per poggiare i suoi borsoni; quasi mi ero dimenticata che saremmo dovuti ripartire il giorno seguente.

Nè io nè Justin l'avevamo sentito entrare.

-Come scusa?

-Beh, uno che lavora per Jason sa riconoscere qualcun'altro che lavora per Jason. Quando le abbiamo viste, abbiamo pensato che quello potesse essere il nostro momento.

Ero abbastanza stupita, e non per quello che aveva detto Logan. Ma per Justin.

Come era possibile che non avesse chiesto nulla riguardo alla sua ''scelta''? Non era curioso di sapere perchè gli fosse successo tutto ciò?

-In fondo dovevamo trovare qualcuno che rimpiazzasse il nostro collega che allora era morto, e poi abbiamo visto te che salvavi una ragazzina, e abbiamo pensato che eri abbastanza in gamba da poter entrare a far parte della squadra.

Io ero quasi a bocca aperta per quelle poche frasi che uscirono dalla sua bocca. Stavo per sbattergli in faccia tutto quelle domande che mi si erano formate in testa, quando Aimee venne giù con la sua roba. E lei si fece sentire.

-Ragazzi! Cosa sono questi musi lunghi?

-Non voglio ripartire. Sai, lasciare Tris e pensare che soffrirà tanto la mia mancanza, mi spezza il cuore.

New GirlLeggi questa storia gratuitamente!