ABBRACCIAMI ANCORA UNA VOLTA

244 4 2

Jason 28 anni di Boston, ex segreto di Allyson, stavano insieme da 1 anno quando lui la molló per messaggio.
Dopo un anno si fece risentire e lei era pronta a perdonarlo.
Lei aveva strettamente bisogno di lui. Voleva confidarsi, ma lui la respinse dicendo che si lamentava solo dei suoi problemi.
Lui sparí di nuovo.
Dopo nemmeno tre mesi si fece risentire. Lei come un stupida riprovò a perdonarlo. Si scrissero per un po fino a che lui non decise di rincontrarla,ma lei non era pronta, era solo stanca di essere usata. Voleva sapere però del perché lui si fece ancora vivo.
Erano in macchina e per Allyson non era più come una volta quando era innamorata persa. Ci fu cosi il silenzio.
Lui provò ad accarezzarle il viso, e lei si lasciò andare. Voleva scappare, ma lo amava, Dio se lo amava ancora. Lei,ciò nonostante, si distaccò subito.
<<Avevo bisogno di te, Jason invece sei scappato di nuovo. Non puoi tornare per la terza volta cosi, come se nulla fosse accaduto>>
<<Lo so, hai perfettamente ragione>>
Lui le chiese soltanto un abbraccio, e così fu.
Era stupendo.
Il suo odore di maschio e il suo profumo,lei non lo scorderà per il resto della sua vita.
Era abbracciata a lui, e in silenzio pianse.
Non era più come prima.
Era fredda, delusa.
<<Ti prego, portami a casa>> disse lei con tono cupo.
<<Ma siamo stati solo dieci minuti>>
I fuochi, i fuochi d'artificio si innalzarono al cielo, e li per li ci fu il silenzio.
Lei lo amava ancora, aveva molte cose da dirgli, ma che non aveva coraggio.
Lui ci provava, provava a raccontarle di quello che passava a lavoro,delle sue giornate, ma lei era assente.
Così lui, dopo un po accese la macchina e si diresse verso casa di Allyson. Entrambi erano silenziosi.
Non c'era più nulla da dire.
Lui guidava con sguardo serio. Lei poggiata al finestrino ad osservare le persone. Quel giorno li in paese era festa.
Lei era davvero assente, e quel giorno non lo volle più dimenticare.
Forse sarebbe stato l'ultimo giorno che lo avrebbe visto e sentito.
<<Ciao, Jason>>
<<Ciao..>>
Sbattè la porta e se ne andò.
Mentre camminava verso casa piangeva. Le lacrime le scendevano velocemente, come una cascata.
Per sua fortuna nessuno notò le sue lacrime a causa della troppa confusione.

Amore improvvisoDove le storie prendono vita. Scoprilo ora