7 - Rimorso

765 92 93

L'istinto da Alpha di Mark non si è affatto sbagliato, riguardo al professor Foster.

Il mattino seguente il preside è entrato in classe per comunicare della sua assenza di qualche giorno, scusandosi da parte sua per l'increscioso incidente. A Zack la stazza dell'uomo è sembrata in vistosa espansione rispetto all'inizio dell'anno; il suo ingresso col respiro affannoso e i bottoni della giacca in procinto di saltare gli hanno dato piena conferma.

"Il professore ci aveva garantito di essere legato a un compagno Alpha, per cui è un mistero il motivo di questa sua improvvisa indisposizione" ha detto, tra un colpo di tosse grassa e un borbottio contrariato a fare da eco. "Malgrado non potrà esserci in questi giorni, ha comunque allineato sul programma la vostra supplente, perciò non avrete alcun disagio per via della sua assenza."

Alla notizia che gli studi sarebbero proseguiti senza alcuna sosta, un coro di no si è levato all'istante. Tra questi, si è unito il dissenso di Zack, un timido mugolio con un significato però del tutto diverso.

L'idea di non vedere James per chissà quanto tempo è stata una doccia fredda per lui. E pensare che fino a due giorni prima, avrebbe persino tirato un sospiro di sollievo alla prospettiva di avere, davanti a sé, diversi giorni di tregua da quell'uomo così anonimo, così invisibile, che lui stesso aveva soprannominato il signor Noia. Non l'avrebbe mai immaginato che il responsabile del suo drastico calo nella media dei voti, nonché miccia di diverse liti a casa col padre, gli sarebbe mancato. E tanto!

Avrebbe voluto guardare i suoi occhi, in quel preciso momento, perdersi dentro all'incredibile e attraente malinconia di cui sono fatti e sognarci dentro, per l'intera ora della sua lezione. E invece, privarsi di lui in un modo tanto imprevisto e inimmaginabile fino a qualche giorno prima, l'ha ferito talmente da sbuffarlo dietro alla mano che gli stava sorreggendo il mento, altrimenti a terra per la troppa amarezza.

Quindi James ha un compagno, ha dedotto, collegandosi alle parole del preside. James, il mio signor Noia personale, ha qualcuno che lo aspetta per abbracciarlo al suo ritorno da scuola, che lo tiene per mano quando cammina.

Altro sbuffo. Altra coltellata al cuore. Sapere di James legato a un uomo è uno shock che gli dilania le corde del cuore, eppure Zack non riesce a fermarsi dal rifletterci e rifletterci ancora, intanto che il docente e qualche alunno sono andati avanti a un botta e risposta di domande.

"Signor preside, il professore starà bene?" ha chiesto Mary Jane Torn, dai primi banchi verso la cattedra, una tra le studentesse modello nella classe. "So che per gli Omega il periodo di fertilità è molto difficile da passare e non posso fare a meno di essere in pena per lui..."

"Non preoccupatevi, vive con qualcuno che è in grado di badare al suo stato."

Qualcuno a cui sorride. Un uomo con il quale fa anche l'amore...

Ingoiando saliva e tormento, Zack si è difeso da quella realtà per lui tanto terribile, cercando la maniera per non annegare nel dolore. E come? Semplice: idealizzando una falla in quella presunta serenità sentimentale dell'insegnante.

Però... Cazzo, che razza di Alpha è un compagno che non è stato in grado di proteggerlo dai feromoni di un altro Alpha, cioè... Questo sta a significare che, o è una mezza pippa di Alpha, o i miei feromoni sono esplosi in modo super aggressivo e super pericoloso per qualsiasi Omega!  E in ogni caso, non sono sicuro che una mezza pippa sia il compagno giusto per lui... Forse potrei esserlo io... Forse sono l'Alpha destinato a legarsi davvero a James?

Il cuore di Zack ha perso un battito, a causa di quella timida speranza. E un altro battito sparisce, rifiutando di crederci.

Ma che cazzo stai dicendo, Zack? Sei davvero sicuro che il malore di Foster sia dovuto a te? Stai dando per certo che sei un Alpha, solo perché quel coglione di Mark ti ha messo una pulce nell'orecchio? I test che fai ogni anno ti hanno sempre confermato di appartenere al genere Beta. E poi, tuo padre è un Omega, se ne sarebbe accorto che non hai un odore da Beta!

Io, OmegaDove le storie prendono vita. Scoprilo ora