CAPITOLO VENTISEI: Polizia? Mamma?

257 39 1

Mi allontano da Kaleb velocemente, e alzando lo sguardo verso l'uomo che ha parlato un'attimo prima.
Avrà sui 60 anni, e si passa la mano sulla barba scrutandoci.
"Non sapete che questa è proprietà privata?" chiede duro, ed io guardo Kaleb, che mette le braccia conserte.
"Ci scusi, noi andiamo" mormoro e prendo Kaleb per il braccio.
"Dove credete di andare?! Stavate quasi scopando sul mio giardino e dovrei lasciarvi stare? Io chiamo la polizia" fa per prendere il telefono, nel mentre Kaleb inizia a correre trascinandomi con se.
"Fiuhhh" sussurro col fiatone portandomi una mano al petto, finalmente siamo lontani da quel posto, e per mia fortuna vedo di nuovo l'ingresso all'acqua park.
"Ecco" urlo battendo le mani, e mi dirigo dentro, ma Kaleb non capta subito.
"Entrate, siete i ragazzi di prima" lo stesso controllore di prima ci si presenta davanti, e ci fa passare.
Faccio un sorriso e infine entro seguita da Kaleb.
****
"Mi sono scottata!" afferma Linda uscendo dal bagno, per poi entrare nella mia stanza.
Annuisco, e continuo a fare delle trecce ai miei capelli, ho appena finito anche io di fare la doccia, e per non annoiarmi faccio questo.
"Ma tu e Kaleb? Dovresti dirmi qualcosa?" chiede, mentre si veste.
"Comunque stasera non mi va di uscire" spero che ci caschi, e non riprenda più quel discorso ma..
"Signorina, non cambiare discorso, è evidente che c'è qualcosa sotto" si siede affianco a me e avvicina il viso al mio con gli occhi socchiusi in un modo abbastanza inquietante.
"Okok, ci siamo baciati" confesso ed è un'attimo che la vedo alzata mentre saltella.
"Lo sapevo, cazzo!" continua con un'altra serie di esultanze, fino a quando la fermo.
"Sei pazza" rido e lei inizia a fare cuori con le mani, ma che cosa?!!
"Non ne abbiamo nemmeno parlato..ehm, ecco io penso sia solo attrazione fisica" Linda spalanca la bocca, ed io alzo le spalle.
"Sempre qualcosa è, ora festeggiamo" dice prendendomi per il braccio e facendomi scendere al piano di sotto.
"Musica..maestro!" accende la radio, e parte "bling bling" di Guè Pequeno, ed inizia a ballare.
"Tu sei pazza" dico ridendo, ma infine mi metto a ballare anch'io.

-342
Mi sveglio sentendo la suoneria del mio telefono, spalanco gli occhi a vedere una chiamata da parte di mia mamma.
"Ehi Mamy!" Rispondo allegra, quanto mi manca.
"Amore mio, scusa se non ti ho chiamata per tanto tempo, ma il lavoro qui ci sta uccidendo.
Come stai?"
Vorrei tanto risponderle e dirle del difetto congenito al cuore, ma sto zitta e rispondo dicendo che sto bene.
"Meglio così tesoro, ci sentiamo, devo andare. Ti saluta anche papà, ahh un'ultima cosa, porta i saluti a Linda da parte dei suoi"
"Va bene, ciao!!"

SPAZIO AUTRICE:
Allora, ho un bel po' di cose da dirvi!
1. Siamo arrivati a 1000 letture, vi amo.
2. Andate tutti a leggere la storia di universoparalleloo , non ve ne pentirete!
3. Parteciperò ai Wattys 2019, per la prima volta.
Adesso vado, un bacio e grazie ancora❤️
-Simona

365 giorni di noi (WATTYS 2019) Leggi questa storia gratuitamente!