CAPITOLO DICIOTTO: Piumone e "come mi sei finita sopra?"

271 45 6

Una volta rientrati dentro, tutti ci guardano alzando un sopracciglio.
Non mi va di parlare dopo ciò che ho visto con Teresa.
Ha baciato Kaleb dietro l'orecchio!
Scuoto la testa, convincendomi che non me ne frega niente, quando ciò che vorrei fare è solamente..no non devo fare niente e non voglio fare niente.
Scherziamo e mangiamo anche fino alle due di notte, poi ci prepariamo per andare a dormire.
Mettiamo dei piumoni per terra, in modo che la nostra schiena tocchi qualcosa di morbido e non di duro.
Poi sistemiamo i cuscini, ed io entro in bagno per mettermi i pantaloncini e la maglietta.
Dopo cinque minuti esco e noto che Kaleb è disteso proprio affianco a me.
Nononono...
Poso i miei vestiti nello zaino che ho portato e mi avvicino a Kaleb, distendendomi accanto a lui.
Porta lo sguardo su di me, e poi sulle mie gambe scoperte, e si rigira verso il telefono, scrivendo qualcosa.
Decido di girarmi dall'altro lato, dove Cameron parla con Julia, non siamo proprio appiccicati però riesco a sentire i loro discorsi.
"Non dirlo a nessuno" sussurra lei e Cameron annuisce.
Martinaaa sveglia!! Tutti hanno dei segreti, e la prima è Teresa, e adesso ci si mette anche Julia.
Sbuffo e Kaleb ride.
"Non riesci a stare ferma? Ha da 10 minuti che ti giri e rigiri" sussurra, per non farsi sentire.
Lo guardo male e chiudo gli occhi, nella speranza di addormentarmi.
****
"Martina..Ti dovresti spostare" una voce roca mi parla all'orecchio.
Mmm, mi strofino sul piumone, il quale stringe i miei fianchi.
Da quando i piumoni hanno le mani?
Sì, le hanno.
No non le hanno, spalanco gli occhi e sono a cavalcioni su Kaleb, che ha gli occhi chiusi e il piercing fra i denti.
"Scusa" scendo immediatamente da lui, porta una mano sulla sua patta e successivamente si gira.
"Cazzo, ma come mi sei finita di sopra?" Sussurra e si gira verso di me.
Alzo le spalle, anche se non mi può vedere visto che è notte, e non c'è nessuna luce accesa.
"Dormi" sussurro anche io, e mi giro dall'altro lato.
"Diciamo che ora mi verra un po' difficile" sussurra al mio orecchio e appoggiando il suo corpo al mio.
"Non capisco..?" chiedo e lui dice di lasciar perdere, beh se lo dici tu.
Mi giro e cado di nuovo in un sonno profondo.

****
-350
"Buongiorno" mormoro raggiungendo già le ragazze in cucina.
Rispondono al mio saluto, e afferro il barattolo di nutella.
Mi siedo e inizio a mangiarla con un cucchiaino.
Io adoro la nutella!

365 giorni di noi (WATTYS 2019) Leggi questa storia gratuitamente!