10

133 12 0




Oliver Mount era un vero enigma.

Anche lì, sul set di 2 Brothers & 1 Step-Dad - chi dava i titoli a quella roba, chi, santo cielo - Tom non riusciva a cogliere il problema dell'uomo.

Seduto su una poltroncina da regista, li osservava tutti con un mezzo sorriso senza dire niente e la cosa era strana, visto che aveva finanziato lui quel video.

D'altro canto Tom, seduto di fianco a Mount nell'attesa, aveva i propri problemi a cui pensare e questi comprendevano battute cheesy di pessima qualità e la rivalità tra James e Simon Lake che stava arrivando al punto del non ritorno.

Il che andava bene per il film, visto che i due fratelli si litigavano le attenzioni del patrigno, ma alla fine dovevano comunque giungere all'accordo di averlo entrambi nello stesso momento.

La registrazione delle prime scene era andata abbastanza bene, ma dopo poco Simon aveva iniziato ad andare fuori script, mostrando una rivalità fin troppo realistica.

Il fatto era che se quella di James era una semplice gelosia, per Simon era tutta un'altra questione e, da quanto Tom vedeva, il ragazzo non aveva preso molto bene il disinteresse nei suoi confronti da parte dell'Agente.

"Simon, per l'ennesima volta, non puoi solo attenerti a quelle quattro battute di merda - senza offesa signor Mount - che devi dire?"

Esclamò Dave, esasperato. Era la sesta volta che ripetevano quella scena e stava iniziando a diventare stancante.

Lake alzò le braccia al soffitto. "Non è colpa mia, è lui!"

"Sì sì certo, e io sono Madre Teresa," rispose il regista. "Non mi importa che vi stiate simpatici, dovete dire letteralmente quattro battute e aprire il culo per Justin Beater, nient'altro."

"Di sicuro lui se lo apre spesso." Simon fissò James con aria malevola.

Ma Tannebaum era tutto tranne che un agnellino innocente.

"Ah, capisco il tuo problema. Forse è per l'enorme palo che hai nel culo, che non puoi più prendere quello di To— di Justin."

Ouch.

"Will Swallow sembra molto più innocuo di quello che è in realtà," commentò Mount, facendo un breve cenno del capo verso Tom. "Immagino sia divertente da rimettere in riga, dopo. Non pensavo fosse un brat."

Tom strinse le labbra. "Non ho idea di cosa stia parlando. Non pratichiamo BDSM."

Silver Fox non era uno che si arrendeva e lo dimostrò facendo spallucce. "Voi due state insieme, vero? Anche fuori dal set."

"...Sì."

"Mh. Interessante. Dalla vostra ultima esibizione pensavo che quello che c'è tra voi fosse un rapporto Dom/Sub."

Tom sospirò leggermente. Non voleva mostrarsi troppo insofferente con l'uomo che stava pagando soldoni sonanti per vederlo scopare due twink biondi. Non tanto per la scopata in sé - di quei tempi gli andava pure troppo bene in quel reparto - quanto per il bene di Dave e della sua casa produttrice.

Tra l'altro non aveva mai visto suo fratello così stressato e non voleva contribuire allo stress, anche se in teoria avrebbe forse potuto fare qualcosa per porre fine alle ostilità tra James e Simon.

E poi c'era Mount, che cercava di farsi i cavoli suoi. Insopportabile.

"No, stiamo insieme ma non facciamo BDSM. Non c'è niente di male, ma non fa parte della nostra vita."

Silver Fox scrollò lentamente le spalle, accigliandosi. "Peccato, davvero peccato. Pensavo..."

"Quello era soltanto un ruolo."

2 - Between a rock and a hard place - (COMPLETO)Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora