3

144 15 5




"Come va con il biondo?"

L'ennesima riunione della Social Media Terrorism Risk Prevention Task Force si era trasformata in un'uscita di gruppo migrata alla caffetteria del Bureau.

L'Agente Carrie gli stava porgendo una brioche e Tom la accettò con gratitudine.

"Molto bene, stiamo pensando di andare definitivamente a vivere insieme."

L'agente Sten, che era ancora un po' sotto per come era andata con il suo sospettato, sospirò affascinato. "Quanto ti invidio Elliott, anche io sogno una cosa del genere."

Tom gli mise una mano sulla spalla, comprensivo.

"Lo so, Sten. Fatti coraggio, prima o poi succederà. Non sarà mai come quello che hai perso, ma abbi fede."

"Grazie Elliott, non sai quanto mi fanno piacere le tue parole," rispose Sten, asciugandosi una lacrimuccia commossa. Sarebbe stato tenero se non fosse stato un omone alto, grosso e peloso come un orso, dall'aria ingannevolmente truce. In realtà Sten aveva il cuore tenero e si dilettava di punto croce e adorava decorare cupcake.

Ormai la storia di Tom e James era diventata di pubblico dominio tra i colleghi - Carrie non era l'unica a tenerlo d'occhio, ma anche buona parte degli altri - ma stranamente non solo non lo avevano denunciato ai superiori, ma lo avevano protetto. Un gesto che non aveva mancato di scaldargli il cuore.

Il telefono gli vibrò nella tasca.

"Scusate ragazzi, messaggio," disse, estraendo il cellulare e accendendo lo schermo.

"È Jimmy?" Chiese Carrie. Stava cercando di capire quanto dolcificante era legale mettere nel suo cappuccino prima di arrivare al diabete. "Salutalo."

Tom annuì, ma non era James.

Dave
Ehi Tommy Boy, ho trovato la tua chiesa!

Tom
Dimmi che non è una parrocchia sperduta del Montana.

Dave
No, ma ci sei andato vicino.

L'Agente sbuffò. Sperava in una chiesa decente, non nella replica di quella di Preacher.

Tom
Fammi indovinare, è abbandonata da vent'anni per sospetta possessione demoniaca.

Dave
Cosa che la renderebbe perfetta per i tuoi scopi, Tommy Boy.
Colpito e affondato. Tom mando un messaggio a suo fratello per ringraziarlo e si rimise il cellulare in tasca ridacchiando.

Carrie aveva finito di adulterare il suo cappuccino con quantità di dolcificante passibili di arresto e lo guardava da sotto le ciglia. "Ah, che meraviglia l'amore," disse. Un po' lo prendeva per il culo e un po' no, a giudicare dal sospetto brillio dei suoi occhi.

Ma davvero era l'unico tra i suoi colleghi ad avere una storia soltanto un po' disfunzionale? Nel senso, la storia andava benissimo, e le uniche cose fuori dal normale erano la quantità di volte al giorno in cui lui pensava a scopare James (e viceversa) e il modo in cui si erano incontrati. Ce n'erano di cose molto più assurde al mondo, no?

Per esempio progettare di girare un video porno in una chiesa, tra le altre cose.

"Forse dovreste uscire voi due," disse Tom, guardando l'Agente Carrie e l'Agente Sten. Stava scherzando, ma neanche del tutto. "Magari potreste consolarvi a vicenda," continuò. Gli scappava da ridere come un pazzo, soprattutto all'espressione scioccata e persino disgustata che entrambi gli agenti gli avevano rivolto.

"Ehi, è un suggerimento come un altro," disse, sventolando una mano per minimizzare. "Per farmi perdonare vi offro un dolcino, su, scegliete."

I due Agenti si gettarono nel buffet delle torte e l'Agente Elliott ne uscì con il portafoglio molto più alleggerito.


2 - Between a rock and a hard place - (COMPLETO)Leggi questa storia gratuitamente!